link1022 link1023 link1024 link1025 link1026 link1027 link1028 link1029 link1030 link1031 link1032 link1033 link1034 link1035 link1036 link1037 link1038 link1039 link1040 link1041 link1042 link1043 link1044 link1045 link1046 link1047 link1048 link1049 link1050 link1051 link1052 link1053 link1054 link1055 link1056 link1057 link1058 link1059 link1060 link1061 link1062 link1063 link1064 link1065 link1066 link1067 link1068 link1069 link1070 link1071 link1072 link1073 link1074 link1075 link1076 link1077 link1078 link1079 link1080 link1081 link1082 link1083 link1084 link1085 link1086 link1087 link1088 link1089 link1090 link1091 link1092 link1093 link1094 link1095 link1096 link1097 link1098 link1099 link1100 link1101 link1102 link1103 link1104 link1105 link1106 link1107 link1108 link1109 link1110 link1111 link1112 link1113 link1114 link1115 link1116 link1117 link1118 link1119 link1120 link1121 link1122 link1123 link1124 link1125 link1126 link1127 link1128 link1129 link1130 link1131 link1132 link1133 link1134 link1135 link1136 link1137 link1138 link1139 link1140 link1141 link1142 link1143 link1144 link1145 link1146 link1147 link1148 link1149 link1150 link1151 link1152 link1153 link1154 link1155 link1156 link1157 link1158 link1159 link1160 link1161 link1162 link1163 link1164 link1165 link1166 link1167
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Promettenti risultati del vaccino terapeutico contro l'HSV2

herpes virus 2 genital

Il vaccino terapeutico contro l'herpes genitale, al momento in fase di sperimentazione, ha mostrato una significativa attività antivirale in uno studio di fase II presentato nel corso del 74° congresso annuale dell'American Academy of Dermatology (AAD).

Il vaccino, chiamato al momento GEN-003, è un'immunoterapia composta da due antigeni immunogenici e da una matrice adiuvante, progettata per stimolare la risposta immunitaria da parte dei linfociti T e Bi.

Il vaccino è stato realizzato da Genocea Biosciences, che ha finanziato lo studio.

"GEN-003 è un vaccino promettente. Se verrà approvato, sarà il primo vaccino terapeutico disponibile per l'herpes genitale, nonché per qualsiasi altra malattia", ha commentato la Dr.ssa Zeena Nawas, ricercatrice presso il Center for Clinical Studies di Houston, Texas.

Il moderatore della sessione, Dr. Joel M. Gelfand, direttore della Clinical Studies Unit e professore associato di Dermatologia presso la University of Pennsylvania, ha dichiarato: "Ad oggi, la scoperta di un vaccino contro questa malattia è il Santo Graal della medicina. Il Valacyclovir va assunto a vita, mentre un agente in grado di ridurre i sintomi in maniera pressoché permanente sarebbe una vittoria importantissima".

Nello studio randomizzato, in doppio cieco, contro placebo di fase II, 310 pazienti con infezione da virus herpes simplex 2 sono stati assegnati ad uno dei sette gruppi terapeutici: 30 o 60 ug di antigeni combinati con 25, 50 o 75 ug di adiuvante, o placebo.

Tre dosi del vaccino sono state somministrate a tre settimane di distanza. Ai pazienti è stato chiesto di eseguire uno swab genitale due volte al giorno per 28 giorni prima di ricevere la prima dose di vaccino e subito dopo aver ricevuto la terza dose, poi di nuovo a 5 o 6 mesi e a 11 o 12 mesi dall'ultima dose di vaccino.

I campioni sono stati raccolti e analizzati per valutare tanto al carica virale che la risposta immunitaria. Ai pazienti è anche stato chiesto di annotare le date di comparsa e scomparsa delle lesioni durante le fasi acute.

A sei mesi, in tutti i gruppi vaccino sono state osservate significative riduzioni della carica virale. Il dosaggio più efficace è stata la combinazione di 60 ug di antigene con 75 ug adiuvante, che ha mostrato una percentuale di successo del 55%.

In tutti i gruppi vaccino, così come nel gruppo placebo, sono state osservate significative riduzioni nel numero delle lesioni. "È possibile che i pazienti si aspettassero di vedere una diminuzione delle lesioni e che abbiano riportato risultati in linea con le proprie aspettative, oppure è possibile che il periodo di follow-up sia stato troppo breve", ha commentato il Dr. Nawas, aggiungendo che i dati a 12 mesi saranno pubblicati entro l'anno.

Gli eventi avversi sistemici di grado III sono stati rari e interruzioni derivanti da reattogenicità o eventi avversi si sono verificate rispettivamente in 0, 1 e 2 soggetti in ciascun gruppo di dosaggio. La maggior parte degli eventi avversi è stata di lieve entità e si è trattato per lo più di mialgia, affaticamento e dolore o gonfiore al sito di iniezione.

"I pazienti si preoccupano molto più dei sintomi e dei segni della malattia di quanto non si preoccupino per il rischio di contagio", ha sottolineato il Dr. Gelfand, facendo notare come la risposta delle lesioni nel gruppo placebo sia un limite significativo dello studio. Tuttavia, ha aggiunto "la situazione sembra molto promettente".

Riferimenti:

American Academy of Dermatology (AAD) 74th Annual Meeting, intervento del 5 marzo 2016.

Описание Ukraine marriage agency у нас на сайте.