link1168 link1169 link1170 link1171 link1172 link1173 link1174 link1175 link1176 link1177 link1178 link1179 link1180 link1181 link1182 link1183 link1184 link1185 link1186 link1187 link1188 link1189 link1190 link1191 link1192 link1193 link1194 link1195 link1196 link1197 link1198 link1199 link1200 link1201 link1202 link1203 link1204 link1205 link1206 link1207 link1208 link1209 link1210 link1211 link1212 link1213 link1214 link1215 link1216 link1217 link1218 link1219 link1220 link1221 link1222 link1223 link1224 link1225 link1226 link1227 link1228 link1229 link1230 link1231 link1232 link1233 link1234 link1235 link1236 link1237 link1238 link1239 link1240 link1241 link1242 link1243 link1244 link1245 link1246 link1247 link1248 link1249 link1250 link1251 link1252 link1253 link1254 link1255 link1256 link1257 link1258 link1259 link1260 link1261 link1262 link1263 link1264 link1265 link1266 link1267 link1268 link1269 link1270 link1271 link1272 link1273 link1274 link1275 link1276 link1277 link1278 link1279 link1280 link1281 link1282 link1283 link1284 link1285 link1286 link1287 link1288 link1289 link1290 link1291 link1292 link1293 link1294 link1295 link1296 link1297 link1298 link1299 link1300 link1301 link1302 link1303 link1304 link1305 link1306 link1307 link1308 link1309 link1310 link1311 link1312 link1313
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Piede diabetico: la conversione dei fibroblasti in staminali aiuta la guarigione

stem cells human

Secondo un gruppo di ricercatori di Boston, i fibroblasti provenienti dalle ulcere del piede diabetico possono essere riportati ad uno stato pluripotente, fornendo un deposito di cellule autologhe con le quali trattare queste ferite.

"Queste cellule staminali pluripotenti indotte possono servire da deposito, in costante reintegro, di cellule autologhe", spiega il Dr. Jonathan A. Garlick. "La nostra speranza è che possano contribuire al trattamento personalizzato delle ferite croniche".

Come si legge nell'edizione online del 21 giugno di Cellular Reprogramming, il Dr. Garlick, della Tufts University, e colleghi hanno utilizzato il virus Sendai per riprogrammare con successo sei linee di fibroblasti derivanti, rispettivamente, dalle ulcere di due pazienti affetti da piede diabetico, dalla pelle sana del piede di due pazienti diabetici e dalla pelle sana del piede di due pazienti non diabetici.

I ricercatori hanno confermato la riprogrammazione a uno stato pluripotente con diversi criteri indipendenti.

Le cellule staminali pluripotenti indotte derivate dalle ulcere da piede diabetico erano simili a quelle derivate dalla pelle sana di pazienti sia diabetici che non diabetici. L'efficienza della riprogrammazione è stata fra lo 0,33% e lo 0,64%.

Per generare queste cellule staminali pluripotenti indotte senza l'integrazione di transgeni è stato impiegato il virus Sendai, confermano gli autori.

"L'uso di un sistema che impiega un vettore non-integrante", spiegano, "limita i rischi di inserimento di materiale genetico e minimizza il rischio di tumorogenesi in vista di un futuro uso clinico nella terapia rigenerativa".

Il Dr. Garlick ha commentato la pubblicazione dicendo: "I risultati che abbiamo ottenuto sono incoraggianti. A differenza delle cellule provenienti da pelle sana, le cellule prelevate da ferite croniche (come le ulcere da piede diabetico) sono difficili da coltivare e non sono in grado di restituire ai tessuti la loro normale funzionalità".

"Riportando queste cellule alla loro fase di sviluppo embrionale", ha concluso, "le abbiamo di fatto 'resettate' e abbiamo dato loro un nuovo punto di partenza, che ha permesso loro di differenziarsi in tipi cellulari specifici e guarire le ferite croniche nei pazienti che ne soffrono".

Riferimenti:

Cellular Reprogramming, edizione online giugno 2016; doi:10.1089/cell.2015.0087