link1460 link1461 link1462 link1463 link1464 link1465 link1466 link1467 link1468 link1469 link1470 link1471 link1472 link1473 link1474 link1475 link1476 link1477 link1478 link1479 link1480 link1481 link1482 link1483 link1484 link1485 link1486 link1487 link1488 link1489 link1490 link1491 link1492 link1493 link1494 link1495 link1496 link1497 link1498 link1499 link1500 link1501 link1502 link1503 link1504 link1505 link1506 link1507 link1508 link1509 link1510 link1511 link1512 link1513 link1514 link1515 link1516 link1517 link1518 link1519 link1520 link1521 link1522 link1523 link1524 link1525 link1526 link1527 link1528 link1529 link1530 link1531 link1532 link1533 link1534 link1535 link1536 link1537 link1538 link1539 link1540 link1541 link1542 link1543 link1544 link1545 link1546 link1547 link1548 link1549 link1550 link1551 link1552 link1553 link1554 link1555 link1556 link1557 link1558 link1559 link1560 link1561 link1562 link1563 link1564 link1565 link1566 link1567 link1568 link1569 link1570 link1571 link1572 link1573 link1574 link1575 link1576 link1577 link1578 link1579 link1580 link1581 link1582 link1583 link1584 link1585 link1586 link1587 link1588 link1589 link1590 link1591 link1592 link1593 link1594 link1595 link1596 link1597 link1598 link1599 link1600 link1601 link1602 link1603 link1604 link1605
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Staminali promettenti per la dermatite atopica

stem cell

Secondo i risultati di uno studio preliminare, le iniezioni sottocutanee di cellule staminali prelevate da cordoni ombelicali sono capaci di migliorare la sintomatologia della dermatite atopica.

"Credo che questo studio dimostri come le cellule staminali, grazie alle loro proprietà di modulazione del sistema immunitario, possano essere impiegate nel trattamento delle patologie infiammatorie croniche", ha spiegato il Dr. Tae-Yoon Kim del College of Medicine della Catholic University of Korea di Seoul.

"Inoltre è importante notare che la loro capacità immunomodulatrice non ha soltanto un'azione soppressiva ma può anche alleviare la risposta infiammatoria o allergica già in atto", ha proseguito.

Al momento non esiste un'opzione di trattamento sicura ed efficace per la dermatite atopica, una malattia dermatologica cronica che interessa fino al 20% dei bambini e dal 3 al 10% degli adulti, scrivono il Dr. Kim e colleghi nell'edizione online di giugno di Stem Cells. La base delle opzioni di trattamento disponibili al momento sono gli steroidi topici e i farmaci immunosoppressivi, sostanze che possono comportare una tossicità a lungo termine.

La squadra del Dr. Kim ha valutato la sicurezza e l'efficacia terapeutica di FURESTEM-AD, basato su cellule staminali derivanti dal cordone ombelicale umano, in 34 pazienti con frequenti episodi di dermatite atopica che non potevano essere gestite adeguatamente con i corticosteroidi topici o gli immunosoppressivi sistemici.

Le infusioni di cellule staminali mesenchimali (hUCB-MSCs) sono risultate in riduzioni dose-dipendenti dei punteggi rispetto all'Eczema Area and Severity Index (EASI); alti dosaggi (50 milioni di cellule) hanno portato ad una riduzione del 55% dei punteggi alla 12° settimana di trattamento.

L'iniezione di bassi dosaggi di hUCB-MSCs (25 milioni di cellule) ha prodotto riduzioni transitorie dei punteggi EASI, mentre alti dosaggi hanno avuto un effetto terapeutico prolungato e continuo fino alla 12° settimana, con miglioramenti significativi apprezzabili a partire dalla 4° settimana.

Simili miglioramenti dose-dipendenti sono stati riscontrati nei punteggi dell'indice Investigator's Global Assessment, dicono i ricercatori.

I punteggi relativi all'indice SCORAD (Scoring Atopic Dermatitis) si sono abbassati in relazione al dosaggio, con una riduzione del 51% dell'intensità, una riduzione del 58% del prurito e una riduzione del 65% dell'insonnia nei pazienti del gruppo assegnato al dosaggio alto.

Il trattamento con hUCB-MSCs è stato associato a significative riduzioni nei livelli di biomarcatori chiave come la sotto-regolazione della IgE sierica e la conta degli eosinofili.

Non è stato notato alcun evento avverso di natura grave, ma circa un terzo dei pazienti nel gruppo ad alto dosaggio ha esibito reazioni cutanee al sito di iniezione.

"Sebbene siano necessari altri studi di follow-up per dimostrare la nostra ipotesi, crediamo che le cellule staminali possiedano effetti multifunzionali su diversi tipi di cellule immunitarie coinvolte nella patogenesi della dermatite atopica e potrebbero perciò trovare impiego nel trattamento di queste patologie" ha commentato il Dr. Kim.

"Ci aspettiamo che il trattamento con le cellule staminali possa diventare di routine per queste patologie già nel 2018", ha concluso il Dr. Kim.

Kanstem Biotech ha finanziato la ricerca e al momento due dei sei autori dello studio sono impiegati presso l'azienda.

Riferimenti:

Stem cells, edizione online del 3 giugno 2016; doi:10.1002/stem.2401