link1168 link1169 link1170 link1171 link1172 link1173 link1174 link1175 link1176 link1177 link1178 link1179 link1180 link1181 link1182 link1183 link1184 link1185 link1186 link1187 link1188 link1189 link1190 link1191 link1192 link1193 link1194 link1195 link1196 link1197 link1198 link1199 link1200 link1201 link1202 link1203 link1204 link1205 link1206 link1207 link1208 link1209 link1210 link1211 link1212 link1213 link1214 link1215 link1216 link1217 link1218 link1219 link1220 link1221 link1222 link1223 link1224 link1225 link1226 link1227 link1228 link1229 link1230 link1231 link1232 link1233 link1234 link1235 link1236 link1237 link1238 link1239 link1240 link1241 link1242 link1243 link1244 link1245 link1246 link1247 link1248 link1249 link1250 link1251 link1252 link1253 link1254 link1255 link1256 link1257 link1258 link1259 link1260 link1261 link1262 link1263 link1264 link1265 link1266 link1267 link1268 link1269 link1270 link1271 link1272 link1273 link1274 link1275 link1276 link1277 link1278 link1279 link1280 link1281 link1282 link1283 link1284 link1285 link1286 link1287 link1288 link1289 link1290 link1291 link1292 link1293 link1294 link1295 link1296 link1297 link1298 link1299 link1300 link1301 link1302 link1303 link1304 link1305 link1306 link1307 link1308 link1309 link1310 link1311 link1312 link1313
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Staminali riducono del 50% le ulcere da piede diabetico

dabetes and podiatry

Un nuovo studio condotto in Egitto mostra come iniezioni locali di cellule staminali mesenchimali derivanti da midollo osseo autologo siano una promettente opzione terapeutica per le ulcere del piede diabetico.

Durante la presentazione dei risultati dello studio nel corso del convegno annuale 2016 della European Association for the Study of Diabetes (EASD), il Dr. Ahmed Albehairy della Mansoura University ha spiegato: "Nei pazienti che hanno ricevuto iniezioni di cellule staminali mesenchimali è stata registrata una riduzione delle ulcere significativamente maggiore rispetto a quella osservata nei pazienti sottoposti a trattamento convenzionale, tanto nel follow-up a 6 settimane che nel follow-up a 12 settimane, nonostante la dimensione iniziale delle ulcere fosse maggiore nel gruppo assegnato al trattamento con staminali".

Dopo 6 settimane, la riduzione media delle ulcere è stata del 49,9% nel gruppo trattato con staminali e del 7,67% nel gruppo di controllo (P = .001), mentre a 12 settimane la riduzione media delle ulcere è stata del 68,24% nel gruppo staminali e del 5,27% nel gruppo di controllo (P = .0001). In uno dei pazienti trattati con staminali è stata raggiunta una completa guarigione delle lesioni.

"Il miglioramento osservato nel processo di guarigione delle ulcere trattate con cellule staminali potrebbe essere dovuto all'effetto delle staminali stesse e alla loro capacità di simulare angiogenesi nel sito della ferita, di diminuire l'infiammazione e di ridurre la formazione di cicatrici", ha spiegato il Dr. Albehairy.

Il Dr. Albehairy ha poi proseguito spiegando come tra il 10% e il 15% delle ulcere del piede diabetico si rivelino resistenti al trattamento e come un quarto di queste finiscano per richiedere l'amputazione dell'arto. Egli ha anche osservato come, in passato, siano stati utilizzati diversi tipi di cellule staminali per promuovere la guarigione delle ulcere del piede diabetico (suddivise per comodità in staminali allogeniche e staminali autologhe) e come le stesse staminali mesenchimali siano state utilizzate per trattare con successo l'ischemia critica degli arti inferiori associata al diabete.

Ad esempio, uno studio condotto dai ricercatori della Tufts University e pubblicato all'inizio del 2016 ha mostrato come i fibroblasti prelevati dalle ulcere del piede diabetico potessero essere riprogrammati e riportati ad uno stato pluripotente, fornendo un deposito di cellule autologhe con le quali trattare le ulcere.

 

Risultati incoraggianti ma servono ulteriori studi

Nello studio pilota condotto dal Dr. Albehairy e colleghi, l'obiettivo è stato quello di valutare gli effetti terapeutici delle cellule staminali mesenchimali autologhe (fibroblasti maturi che possono avviare il processo di differenziazione in risposta ad uno stimolo) sul processo di guarigione delle ulcere del piede diabetico.

Lo studio ha coinvolto 20 pazienti del Mansoura Specialized Medical Hospital con ulcere da neuropatia diabetica resistente e già sottoposti a 12 settimane di terapia standard (trattamento convenzionale e raccomandazioni per la riduzione del carico sulla lesione) alla quale non avevano risposto; i pazienti sono stati assegnati randomicamente (1:1) al gruppo trattato con terapia standard (n = 10) o al gruppo trattato con terapia standard e iniezioni locali di cellule staminali mesenchimali autologhe (n = 10) per un periodo di 12 settimane.

I pazienti di ambo i gruppi avevano valori medi di HbA1c pari a 8,3% e un indice di massa corporea (BMI) medio di circa 33 kg/m2; la dimensione iniziale delle ulcere era di 4,66 cm2 nel gruppo staminali e 3,72 cm2 nel gruppo di controllo.

Per ottenere le cellule staminali mesenchimali autologhe, sono stati prelevati 40 ml di midollo osseo da ciascun pazienti assegnato al gruppo in terapia con staminali. I pazienti nel gruppo di controllo non sono stati sottoposti a questa procedura. Dopo la separazione, la caratterizzazione e la subcultura delle cellule staminali, queste sono state iniettate nel sito della lesione in otto punti diversi, in due interventi terapeutici a distanza di 7-10 giorni. Il follow-up è stato a cadenza quindicinale, per un periodo di 12 settimane.

"Non ci sono state complicazioni legate all'aspirazione del midollo osseo o all'iniezione di cellule staminali (ad eccezione del dolore durante l'aspirazione)", ha spiegato il Dr. Albehairy. "I pazienti coinvolti nello studio avevano sofferto a lungo a causa delle ulcere e si sono dichiarati disposti a partecipare allo studio se questo avesse offerto loro un potenziale miglioramento del problema, che ha un forte impatto negativo sulla qualità delle loro vite", ha proseguito.

Sono state iniettate circa 3,7x10^5 cellule staminali mesenchimali per ogni cm^2 di lesione e "c'è stata una correlazione significativa fra il quantitativo di cellule iniettato e la percentuale di riduzione della lesione ottenuta nell'arco di 6 e di 12 settimane", ha spiegato il Dr. Albehairy, che ha poi tenuto a precisare come non sia ancora stato individuato un quantitativo minimo di cellule staminali mesenchimali necessario per il raggiungimento di certi risultati terapeutici.

Riferimenti:

Convegno annuale 2016 della European Association for the Study of Diabetes, 13 settembre, Monaco di Baviera (Germania), abstract 34.