link146 link147 link148 link149 link150 link151 link152 link153 link154 link155 link156 link157 link158 link159 link160 link161 link162 link163 link164 link165 link166 link167 link168 link169 link170 link171 link172 link173 link174 link175 link176 link177 link178 link179 link180 link181 link182 link183 link184 link185 link186 link187 link188 link189 link190 link191 link192 link193 link194 link195 link196 link197 link198 link199 link200 link201 link202 link203 link204 link205 link206 link207 link208 link209 link210 link211 link212 link213 link214 link215 link216 link217 link218 link219 link220 link221 link222 link223 link224 link225 link226 link227 link228 link229 link230 link231 link232 link233 link234 link235 link236 link237 link238 link239 link240 link241 link242 link243 link244 link245 link246 link247 link248 link249 link250 link251 link252 link253 link254 link255 link256 link257 link258 link259 link260 link261 link262 link263 link264 link265 link266 link267 link268 link269 link270 link271 link272 link273 link274 link275 link276 link277 link278 link279 link280 link281 link282 link283 link284 link285 link286 link287 link288 link289 link290 link291
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Psoriasi infantile collegata ad una maggiore adiposità addominale

central adiposity

I bambini con psoriasi hanno più probabilità di avere un'adiposità addominale più pronunciata rispetto ai loro coetanei, fenomeno che indica una maggiore predisposizione a sviluppare diabete e patologie cardiovascolari.

Un gruppo di ricercatori australiani ha scoperto che i bambini di età compresa fra i 5 e i 16 anni affetti da psoriasi hanno un rapporto girovita-altezza (Waist-to-Height Ratio) più alto rispetto ai coetanei, nonostante non siano emerse differenze fra i due gruppi relative ai tassi di obesità o all'incidenza di sindrome metabolica.

L'autore principale dello studio, Dr. Andrew Lee del dipartimento di Dermatologia del Royal North Shore Hospital di St. Leonards, e colleghi hanno valutato i dati provenienti da 208 pazienti pediatrici (raccolti da una clinica specializzata in dermatologia pediatrica e dai database di due studi specialistici), 110 bambine e 98 bambini erano affetti da psoriasi, mentre i restanti 73 soggetti erano affetti da altre patologie dermatologiche di natura non infiammatoria.

I ricercatori hanno considerato alto ogni valore del rapporto girovita-altezza che sia risultato uguale o superiore alla metà dell'altezza del soggetto e sulla base delle misurazioni è emerso che il 29% dei bambini con psoriasi avevano un valore girovita-altezza alto rispetto all'11% dei bambini senza psoriasi. I risultati sono stati pubblicati nell'edizione online del 28 settembre di JAMA Dermatology.

Gli autori sottolineano che negli adulti con psoriasi si osserva un marcato incremento del rischio cardiovascolare e dell'incidenza di sindrome metabolica, i cui sintomi comprendono anche l'aumento dell'adiposità addominale, oltre a bassi livelli di colesterolo HDL, alti livelli di trigliceridi e iperglicemia.

"Sappiamo già che il sovrappeso e l'obesità sono un fattore di rischio per lo sviluppo della psoriasi", ha commentato la Dr.ssa Megha M. Tollefson della Mayo Clinic di Rochester nel Minnesota, che non ha partecipato allo studio.

"Obesità e sovrappeso sono un fattore di rischio anche per altre patologie, fra cui la sindrome metabolica e le patologie cardiovascolari, ma è difficile dire quanto pericoloso sia avere un elevato rapporto girovita-altezza", ha proseguito la Dr.ssa Tollefson.

"Tuttavia, numerosi studi hanno dimostrato che i bambini con un elevato rapporto girovita-altezza, anche quando non obesi, hanno un maggior rischio di sviluppare diabete e problemi cardiovascolari, perciò è necessario dare il via a protocolli di monitoraggio regolari per questi soggetti".

"Nei bambini sembra che l'obesità preceda l'insorgere della psoriasi, ma è anche possibile che soggetti non obesi con psoriasi siano esposti allo stesso tipo di rischi che di solito vengono associati all'obesità. Al momento non esistono linee guida ufficiali, ma ritengo che sia giusto monitorare più attentamente questi bambini e parlare con le famiglie della possibilità di implementare alcune modifiche allo stile di vita che possano mitigare il rischio al quale questi soggetti sono esposti", ha concluso la Dr.ssa Tollefson.

Riferimenti:

JAMA Dermatology, edizione online del 28 settembre 2016; doi:10.1001/jamadermatol.2016.3432