link438 link439 link440 link441 link442 link443 link444 link445 link446 link447 link448 link449 link450 link451 link452 link453 link454 link455 link456 link457 link458 link459 link460 link461 link462 link463 link464 link465 link466 link467 link468 link469 link470 link471 link472 link473 link474 link475 link476 link477 link478 link479 link480 link481 link482 link483 link484 link485 link486 link487 link488 link489 link490 link491 link492 link493 link494 link495 link496 link497 link498 link499 link500 link501 link502 link503 link504 link505 link506 link507 link508 link509 link510 link511 link512 link513 link514 link515 link516 link517 link518 link519 link520 link521 link522 link523 link524 link525 link526 link527 link528 link529 link530 link531 link532 link533 link534 link535 link536 link537 link538 link539 link540 link541 link542 link543 link544 link545 link546 link547 link548 link549 link550 link551 link552 link553 link554 link555 link556 link557 link558 link559 link560 link561 link562 link563 link564 link565 link566 link567 link568 link569 link570 link571 link572 link573 link574 link575 link576 link577 link578 link579 link580 link581 link582 link583
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

I latticini causano l'acne?

latte bicchiere

Il ruolo giocato dai latticini nel quadro dell'acne vulgaris resta controverso e molti pazienti si rivolgono al proprio dermatologo con domande e dubbi sulla necessità o meno di eliminare i latticini dalla dieta.

L'acne è causata da una miriade di fattori genetici, ormonali e meccanici. Nel 2002, Cordain e colleghi [1] hanno riacceso il dibattito sull'esistenza di cibi in grado di provocare l'acne, osservando come gli abitanti delle isole del Pacifico avessero cominciato a sviluppare acne a seguito dell'adozione di una dieta 'occidentale'.

Studi nutrizionali successivi hanno mostrato l'esistenza di un collegamento fra acne e diete ad alto indice glicemico [2] e fra acne e alto consumo di latticini, in particolare latte scremato e parzialmente scremato [3].

La Rosa e colleghi hanno condotto uno studio caso-controllo sulla dieta di 120 adolescenti con acne, di età compresa fra i 14 e i 19 anni, confrontandola con l'alimentazione di 105 soggetti di controllo. Gli appartenenti al gruppo acne e gli individui inclusi nel gruppo controllo erano simili per età, sesso, etnia e valori di BMI (Body Mass Index, indice di massa corporea).

L'analisi statistica dei soggetti acneici rispetto ai soggetti del gruppo di controllo ha rivelato le seguenti associazioni:

- Il consumo totale di latticini era leggermente più alto nel gruppo acne

- Il consumo di latte scremato e parzialmente scremato era correlato all'acne (0,61 porzioni giornaliere di latte scremato/parzialmente scremato nel gruppo acne rispetto alle 0,41 porzioni del gruppo di controllo; P =0,01). Il consumo di latte intero non ha mostrato alcuna correlazione con l'acne.

- I ricercatori non hanno trovato collegamenti fra la presenza di acne e l'indice glicemico medio della dieta, l'apporto calorico giornaliero, l'assunzione di grassi saturi o di grassi trans e la percentuale di carboidrati, proteine o grassi nella dieta.

I risultati di questo studio caso-controllo rispecchiano quelli di studi precedenti, che avevano già evidenziato come il consumo di latte scremato e parzialmente scremato sia collegato ad una maggiore incidenza di acne negli adolescenti.

Questo effetto potrebbe essere dovuto, almeno in parte, alla stimolazione delle ghiandole sebacee dovuta a un innalzamento transitorio dei valori dell'insulina e del fattore di crescita insulino-simile IGF-1, causato dall'assunzione di latte scremato e parzialmente scremato [4].

Come hanno sottolineato anche La Rosa e colleghi, questa associazione fra latticini a basso contenuto di grassi e acne non dimostra l'esistenza di un nesso causale, inoltre limitare i latticini nell'alimentazione non ha ancora mostrato alcun beneficio in termini di riduzione dell'acne.

Il latte contiene una complessa mistura di acidi grassi, proteine (come la caseina) e vitamine liposolubili A e D ma rimane ancora da accertare se una di queste componenti abbia un ruolo nella patogenesi dell'acne.

Il potenziale effetto 'acne-genico' di una o più sostanze contenute nel latte è particolarmente interessante poiché il latte intero non è collegato a un aumento dell'acne mentre l'eliminazione del latte scremato o parzialmente scremato ha dimostrato di poter ridurre l'acne anche in adolescenti refrattari ad altri tipi di terapia.

Riferimenti:


Abstract: Consumption of dairy in teenagers with and without acne, Journal of the American Academy of Dermatology, August 2016, 75, 2: 318–322; doi:http://dx.doi.org/10.1016/j.jaad.2016.04.030

[1] Cordain L, Lindeberg S, Hurtado M, et al. Acne vulgaris: a disease of Western civilization, Archives of Dermatology, 2002, 138, 1584-1590.
[2] Smith RN, Mann NJ, Braue A, Mäkeläinen H, Varigos GA. A low-glycemic-load diet improves symptoms in acne vulgaris patients: a randomized controlled trial, The American Journal of Clinical Nutrition, 2007, 86, 107-115.
[3] Adebamowo CA, Spiegelman D, Danby FW, et al. High school dietary dairy intake and teenage acne. Journal of the American Academy Dermatology, 2005, 52, 207-214.
[4] Melnik BC, Schmitz G. Role of insulin, insulin-like growth factor-1, hyperglycemic food and milk consumption in the pathogenesis of acne vulgaris, Experimental Dermatology, 2009, 18:833-841.