link584 link585 link586 link587 link588 link589 link590 link591 link592 link593 link594 link595 link596 link597 link598 link599 link600 link601 link602 link603 link604 link605 link606 link607 link608 link609 link610 link611 link612 link613 link614 link615 link616 link617 link618 link619 link620 link621 link622 link623 link624 link625 link626 link627 link628 link629 link630 link631 link632 link633 link634 link635 link636 link637 link638 link639 link640 link641 link642 link643 link644 link645 link646 link647 link648 link649 link650 link651 link652 link653 link654 link655 link656 link657 link658 link659 link660 link661 link662 link663 link664 link665 link666 link667 link668 link669 link670 link671 link672 link673 link674 link675 link676 link677 link678 link679 link680 link681 link682 link683 link684 link685 link686 link687 link688 link689 link690 link691 link692 link693 link694 link695 link696 link697 link698 link699 link700 link701 link702 link703 link704 link705 link706 link707 link708 link709 link710 link711 link712 link713 link714 link715 link716 link717 link718 link719 link720 link721 link722 link723 link724 link725 link726 link727 link728 link729
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

La radioterapia postoperatoria nei tumori del cavo orale

radiotherapy treatment 

La radioterapia adiuvante postoperatoria aumenta la sopravvivenza, soprattutto in pazienti di giovane età con carcinoma a cellule squamose (SCC) T2N1 del cavo orale e orofaringeo.

"I risultati di questo studio suggeriscono che la radioterapia postoperatoria dovrebbe essere impiegata nei pazienti con tumori T2N1, anche in assenza di caratteristiche avverse", ha commentato il Dr. Vasu Divi.

Come si legge nell'articolo pubblicato il 10 novembre nell'edizione online di JAMA Otolaryngology-Head and Neck Surgery, il Dr. Divi dello Stanford University Medical Center di Palo Alto, e colleghi hanno effettuato una revisione dei dati provenienti dal National Squamous Cell Carcinoma Database per il periodo compreso fra il 2004 e il 2013.

Tra i criteri di esclusione: radioterapia neoadiuvante, qualsiasi tipo di chemioterapia e di trattamento palliativo.

La radioterapia adiuvante postoperatoria è stata impiegata in 740 pazienti con SCC del cavo orale su un totale di 1467 (50,4%) e in 449 pazienti con SCC del cavo orofaringeo su 790 (56,8%).

Dopo aver corretto per fattori come le caratteristiche fisiopatologiche, nei pazienti con pN1 senza caratteristiche avverse la radioterapia adiuvante postoperatoria è risultata associata ad un miglioramento della sopravvivenza tanto per SCC del cavo orale (rapporto di rischio 0,76) che del cavo orofaringeo (odds ratio 0,62).

Questa associazione persiste anche in pazienti di età inferiore ai 70 anni, tanto per SCC del cavo orale (rapporto di rischio 0,77) che per del cavo orofaringeo (0,48). I valori corrispondenti per i soggetti con pT2 sono stati di 0,64 e 0,56.

La situazione è stata diversa per i soggetti di 70 anni o più (rapporto di rischio 0,78) o con malattia pT1 (rapporto di rischio 0,80), tuttavia i ricercatori sottolineano la scarsa disponibilità di dati relativi alla tolleranza e all'efficacia della radioterapia adiuvante nei pazienti d'età avanzata".

Gli autori dello studio fanno notare come per i pazienti con SCC del cavo orale, le linee guida redatte dal National Comprehensive Cancer Network (NCCN) già raccomandino il ricorso alla radioterapia adiuvante postoperatoria, mentre per i pazienti con SCC del cavo orofaringeo questo tipo di radioterapia non è più consigliato. I risultati dello studio, aggiungono gli autori, "suggeriscono di continuare a monitorare gli effetti di questo cambiamento nelle linee guida diffuse dal NCCN".

Riferimenti:

Chen M., Harris J. et al — "Association of Postoperative Radiotherapy With Survival in Patients With N1 Oral Cavity and Oropharyngeal Squamous Cell Carcinoma",  JAMA Otolaryngology-Head and Neck Surgery, edizione online del 10 novembre 2016; doi:10.1001/jamaoto.2016.3519