link730 link731 link732 link733 link734 link735 link736 link737 link738 link739 link740 link741 link742 link743 link744 link745 link746 link747 link748 link749 link750 link751 link752 link753 link754 link755 link756 link757 link758 link759 link760 link761 link762 link763 link764 link765 link766 link767 link768 link769 link770 link771 link772 link773 link774 link775 link776 link777 link778 link779 link780 link781 link782 link783 link784 link785 link786 link787 link788 link789 link790 link791 link792 link793 link794 link795 link796 link797 link798 link799 link800 link801 link802 link803 link804 link805 link806 link807 link808 link809 link810 link811 link812 link813 link814 link815 link816 link817 link818 link819 link820 link821 link822 link823 link824 link825 link826 link827 link828 link829 link830 link831 link832 link833 link834 link835 link836 link837 link838 link839 link840 link841 link842 link843 link844 link845 link846 link847 link848 link849 link850 link851 link852 link853 link854 link855 link856 link857 link858 link859 link860 link861 link862 link863 link864 link865 link866 link867 link868 link869 link870 link871 link872 link873 link874 link875
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Il pre-trattamento con laser migliora i risultati della terapia fotodinamica

skin pretreatment

Secondo un gruppo di ricercatori danesi il pre-trattamento con laser è uno degli strumenti più efficaci per stimolare la formazione di protoporfirina IX (PPIX) indotta dal metil Aminolevulinato cloridrato nella terapia fotodinamica (PDT).

In un articolo pubblicato nell'edizione online del 1 febbraio 2017 di JAMA Dermatology, la Dr.ssa Christiane Bay e colleghi dell’Università di Copenaghen hanno osservato come il pre-trattamento della pelle faciliti l’assorbimento degli agenti fotosensibilizzanti e ne consigliano l'impiego per ottenere risultati ottimali.

Tuttavia, l’efficacia relativa dei vari pre-trattamenti utilizzati per indurre la produzione di PPIX nella pelle umana è ancora sconosciuta. Per studiarla, il gruppo di ricercatori ha arruolato 12 volontari sani.

Ciascun soggetto è stato sottoposto a preparazione standardizzata della cute con curettage, microdermoabrasione con spugne abrasive, stimolazione cutanea con microaghi, ablazione laser frazionata (AFXL), non frazionata e nessun pretrattamento. Successivamente i soggetti sono stati sottoposti a tre ore di incubazione con metil-aminolevulinato cloridrato e successiva illuminazione con luce rossa.

I ricercatori sottolineano che la valutazione superficiale della fluorescenza PPIX è un metodo riconosciuto per valutare la fluorescenza PPIX indotta da acido aminolevulinico e metil aminolevulinato.

La fluorescenza PPIX ha raggiunto la più alta intensità nei soggetti pretrattati con ablazione laser frazionata (AFXL). La media relativa a questo approccio è stata pari a 8661. I valori medi relativi agli altri pre-trattamenti sono stati: 6731 per la microdermoabrasione, 5609 per la stimolazione con microaghi e 4765 per il curettage.

I livelli di fluorescenza più bassi fra i soggetti sottoposti a pre-trattamento sono stati rilevati nelle pelli trattate con laser non frazionato (non AFXL), mentre il livello più basso è stato rilevato nelle pelli non trattate.

Il team ha scoperto che aumentando la densità laser e aumentando il numero di passaggi da uno a tre non si osservano ulteriori miglioramenti in termini di fluorescenza PPIX.

I ricercatori concludono sottolineando come, nonostante questi risultati, "non sia ancora chiaro quale dei trattamenti ha il maggior potenziale rispetto all'induzione di reazioni PDT in specifiche malattie cutanee".

 

Riferimenti:

Christiane Bay, Catharina Margrethe Lerche, Bradford Ferrick, et al — "Comparison of Physical Pretreatment Regimens to Enhance Protoporphyrin IX Uptake in Photodynamic Therapy", JAMA Dermatology edizione online del 1 febbraio 2017; doi:10.1001/jamadermatol.2016.5268