link1314 link1315 link1316 link1317 link1318 link1319 link1320 link1321 link1322 link1323 link1324 link1325 link1326 link1327 link1328 link1329 link1330 link1331 link1332 link1333 link1334 link1335 link1336 link1337 link1338 link1339 link1340 link1341 link1342 link1343 link1344 link1345 link1346 link1347 link1348 link1349 link1350 link1351 link1352 link1353 link1354 link1355 link1356 link1357 link1358 link1359 link1360 link1361 link1362 link1363 link1364 link1365 link1366 link1367 link1368 link1369 link1370 link1371 link1372 link1373 link1374 link1375 link1376 link1377 link1378 link1379 link1380 link1381 link1382 link1383 link1384 link1385 link1386 link1387 link1388 link1389 link1390 link1391 link1392 link1393 link1394 link1395 link1396 link1397 link1398 link1399 link1400 link1401 link1402 link1403 link1404 link1405 link1406 link1407 link1408 link1409 link1410 link1411 link1412 link1413 link1414 link1415 link1416 link1417 link1418 link1419 link1420 link1421 link1422 link1423 link1424 link1425 link1426 link1427 link1428 link1429 link1430 link1431 link1432 link1433 link1434 link1435 link1436 link1437 link1438 link1439 link1440 link1441 link1442 link1443 link1444 link1445 link1446 link1447 link1448 link1449 link1450 link1451 link1452 link1453 link1454 link1455 link1456 link1457 link1458 link1459
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Variazioni nell’eritema cutaneo fotoindotto con l'applicazione topica di combinazione di vitamine prima e dopo l'esposizione ai raggi UV

eritemaLa radiazione ultravioletta è dannosa per la pelle umana, e patologie fotodanneggianti quali l'eritema attinico sono state descritte in precedenza come una conseguenza dell'effetto diretto degli UV sul DNA e indirettamente come reazioni immunitarie locali. Tuttavia, non sono ancora completamente compresi il grado di partecipazione dello stress ossidativo nell'eritema attinico e il ruolo degli antiossidanti nella fotoprotezione.

L'obbiettivo di questo studio è stato quello di valutare il possibile ruolo palliativo di una combinazione di vitamine antiossidanti C ed E nell'eritema cutaneo dell'uomo quando applicata topicamente prima e dopo l'esposizione ai raggi UV.

Lo studio ha coinvolto 20 volontari dei fototipi II, II-III e III senza esposizione solare per i due mesi precedenti lo studio. I volontari sono stati sottoposti a fototest che consisteva nell'analisi della dose minima per l'eritema (MED) sotto diversi trattamenti:

  1. Irradiazione di pelle non trattata
  2. Irradiazione di pelle precedentemente trattata con il veicolo
  3. Irradiazione di pelle precedentemente trattata con una combinazione di vitamine (2.5% vit E–5% vit C)
  4. Pelle trattata con la combinazione antiossidante dopo l'irradiazione.

L'Eritema cutaneo è stato valutato 24 ore dopo l'esposizione e la MED è stata calcolata per ciascun trattamento.

L'applicazione del veicolo non ha influenzato significativamente la MED rispetto alla pelle irradiata non trattata. L'applicazione della combinazione antiossidante, prima dell'irradiazione, ha aumentato la MED in tutti i fototipi rispetto alla pelle irradiata non trattata con un incremento medio del 36,9%. Gli antiossidanti applicati dopo l'esposizione hanno portato ad un aumento medio della MED del 19,8%.

I risultati mostrano come la combinazione di antiossidanti topici (vitamine C ed E) mostri attività fotoprotettiva contro l'eritema, soprattutto a causa delle elevate proprietà di assorbimento degli antiossidanti stessi. Inoltre, la loro attività antiossidante può essere considerata come additivo, indipendente delle loro proprietà ottiche.

Storia della pubblicazione

Titolo: Changes in photoinduced cutaneous erythema with topical application of a combination of vitamins C and E before and after UV exposure

Fonte: Journal of Dermatological Science. Volume 66, Issue 13, Pages 216-220, June 2012

Autori: José Aguilera, Maria Victoria de Gàlvez, Cristina Sànchez, Enrique Herrera-Ceballos

Affiliazioni:Photobiological Dermatology Laboratory, Medical Research Center, Department of Dermatology and Medicine, Faculty of Medicine, University of Malaga, Campus Universitario de Teatinos s/n, E-29071, Malaga, Spain.

Dermatology Service, Hospital Clínico Universitario Virgen de la Victoria, Málaga, Spain

Abstract:

Background

Ultraviolet radiation is harmful for human skin, and photodamaging pathologies such as actinic erythema, are formerly described as a consequence of UV direct effect on DNA and indirectly by local immune reactions. However, the degree of participation of oxidative stress in actinic erythema and the role of antioxidants in photoprotection are still not fully understood.

Objective

To evaluate the possible palliative role of a combination of the antioxidants vitamins C and E in human cutaneous erythema when applied topically before and after UV exposure.

Materials and methods

The study included 20 volunteers of phototypes II, II–III and III with no solar exposure for two months prior to the study. The volunteers were submitted to a phototest consisting on the analysis of the minimal erythemal dose (MED) under different treatments: 1. Untreated irradiated skin; 2. Irradiated skin previously treated with vehicle; 3. Irradiated skin previously treated with a combination of vitamins (2.5% vit E–5% vit C); and 4. Skin treated with the antioxidant combination after irradiation. Cutaneous erythema was evaluated 24h after exposure and the MED was calculated for each treatment.

Results

The application of vehicle did not significantly affect the MED compared to untreated irradiated skin. Application of the antioxidant combination, prior to irradiation, increased the MED in all phototypes compared with untreated irradiated skin with an average increase of 36.9%. Antioxidants applied after exposure promoted an average increase of the MED by 19.8%.

Conclusions

Combination of topical antioxidants (vitamins C and E) shows photoprotection activity against erythema, mainly owing to their high absorption properties. Moreover, their antioxidant activity could be considered as additive, and independent of their optical properties.