link146 link147 link148 link149 link150 link151 link152 link153 link154 link155 link156 link157 link158 link159 link160 link161 link162 link163 link164 link165 link166 link167 link168 link169 link170 link171 link172 link173 link174 link175 link176 link177 link178 link179 link180 link181 link182 link183 link184 link185 link186 link187 link188 link189 link190 link191 link192 link193 link194 link195 link196 link197 link198 link199 link200 link201 link202 link203 link204 link205 link206 link207 link208 link209 link210 link211 link212 link213 link214 link215 link216 link217 link218 link219 link220 link221 link222 link223 link224 link225 link226 link227 link228 link229 link230 link231 link232 link233 link234 link235 link236 link237 link238 link239 link240 link241 link242 link243 link244 link245 link246 link247 link248 link249 link250 link251 link252 link253 link254 link255 link256 link257 link258 link259 link260 link261 link262 link263 link264 link265 link266 link267 link268 link269 link270 link271 link272 link273 link274 link275 link276 link277 link278 link279 link280 link281 link282 link283 link284 link285 link286 link287 link288 link289 link290 link291
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

BoNT/X: una nuova tossina botulinica

tossina botulinica BoNT X

Una nuova neurotossina botulinica, chiamata BoNT/X, è in grado di agire anche su proteine che non reagiscono agli altri tipi di tossina botulinica.

"Ci ha molto sorpreso scoprire che BoNT/X non solo è in grado di aderire a substrati BoNT tradizionali, ma anche a substrati non convenzionali come VAMP4, VAMP5 e Ykt6", ha dichiarato il Dr. Pal Stenmark dell'Università di Stoccolma, in Svezia. "Siamo stati anche molto sorpresi di trovare la sequenza di questa nuova tossina in una banca dati pubblica".

Tutti e sette i sierotipi di tossina botulinica conosciuti hanno una struttura e delle funzioni simili ma aderiscono a set di proteine diversi e negli ultimi 40 anni non è stato scoperto alcun nuovo sierotipo.

Il Dr. Stenmark e colleghi hanno analizzato le sequenze genomiche disponibili nelle banche dati pubbliche e hanno identificato il gene di un nuovo tipo di tossina botulinica codificato nel cromosoma di Clostridium botulinum 111, una famiglia di Clostridium botulinum originariamente identificata nel 1996 a partire dai campioni di un bambino giapponese affetto da botulismo.

Secondo lo studio pubblicato nell'edizione online di agosto di Nature Communications, il nuovo sierotipo ha mostrato una identità di sequenza proteica minima rispetto alle altre tossine botuliniche con le quali è stato confrontato. Caratteristica fondamentale per la sua designazione come nuovo sierotipo è il fatto che BoNT/X non venga riconosciuto dagli antisieri contro i tipi di tossina conosciuti. BoNT/X induce paralisi flaccida nei topi, ma le mutazioni a 2 residui disabilitano l'attività delle sue proteasi e annullano la sua tossicità in vivo.

"Al giorno d'oggi le tossine botuliniche A e B vengono usate per una gran quantità di indicazioni terapeutiche", ha spiegato il Dr. Stenmark. "ma con la nuova tossina botulinica denominata X abbiamo la possibilità di espanderne l'impiego ad aree del tutto nuove".

Non resta che augurarsi che la comunità scientifica, l'industria farmaceutica e i medici riescano a scoprire le possibili applicazioni terapeutiche di questa nuova tossina botulinica, ma prima di tutto, saranno necessari studi tossicologici per accertarne la tossicità negli esseri umani, poiché esistono seri rischi per la sicurezza legati all'assenza di un antisiero in grado di reagire con la nuova tossina.

 

Riferimenti:

Zhang, S., Masuyer, G., Zhang, J., Shen, Y. et al. — Identification and characterization of a novel botulinum neurotoxin. Nature Communications, 8, 14130; doi:https://doi.org/10.1038/ncomms14130