link730 link731 link732 link733 link734 link735 link736 link737 link738 link739 link740 link741 link742 link743 link744 link745 link746 link747 link748 link749 link750 link751 link752 link753 link754 link755 link756 link757 link758 link759 link760 link761 link762 link763 link764 link765 link766 link767 link768 link769 link770 link771 link772 link773 link774 link775 link776 link777 link778 link779 link780 link781 link782 link783 link784 link785 link786 link787 link788 link789 link790 link791 link792 link793 link794 link795 link796 link797 link798 link799 link800 link801 link802 link803 link804 link805 link806 link807 link808 link809 link810 link811 link812 link813 link814 link815 link816 link817 link818 link819 link820 link821 link822 link823 link824 link825 link826 link827 link828 link829 link830 link831 link832 link833 link834 link835 link836 link837 link838 link839 link840 link841 link842 link843 link844 link845 link846 link847 link848 link849 link850 link851 link852 link853 link854 link855 link856 link857 link858 link859 link860 link861 link862 link863 link864 link865 link866 link867 link868 link869 link870 link871 link872 link873 link874 link875
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Staphylococcus aureus e l'uso topico dell'acido fusidico: i risultati di un audit clinico sulla resistenza agli antimicrobici

fusidic-acidLa resistenza all'acido fusidico (FA) nello Staphylococcus aureus pone un problema per il trattamento delle infezioni sistemiche da S. aureus meticillino-resistente, nelle quali FA potrebbe altrimenti rimanere un'opzione valida.

Questa resistenza può anche determinare il fallimento del trattamento delle comuni condizioni dermatologiche, come l'impetigine e l'eczema atopico infetto. Diversi studi hanno collegato la tendenze al prescrivere farmaci e l'uso topico di FA per quanto riguarda lo sviluppo della resistenza. Tuttavia, ancora pochi studi caso-controllo hanno valutato i fattori di rischio riguardo lo sviluppo di resistenza ad FA in S. aureus.

Metodi

È stato condotto un audit clinico per la resistenza antimicrobica in pazienti dermatologici provenienti dal Centro Nazionale della Pelle che sono stati ammessi alle cure di ricovero, dal 2006 al 2008 e che risultavano positivi a colture batteriche di S. aureus. Ogni caso di S. aureus resistente a FA (FRSA) è stato confrontato con quattro casi di FA-sensibili (FSSA), scelti in modo casuale. Le cartelle cliniche sono state valutate retrospettivamente, e sono stati analizzati i potenziali fattori di rischio per lo sviluppo della resistenza.

Risultati

Tredici dei 37 pazienti con FRSA (35.1%) avevano usato FA in modo topico rispetto agli 11 su 148 pazienti con FSSA (7.4%). I risultati dall'analisi multivariata indicano che l'uso precedente di FA topico è l'unico fattore di rischio indipendente per la resistenza ad FA (OR aggiustato 7.46, CI al 95% [2.60-21.41], P < 0.001). Le altre malattie dei pazienti, la recente ospedalizzazione o l'uso di antibiotici sistemici non hanno rappresentato rischi significativi.

Conclusioni

Un precedente e recente uso di FA topico si correlata positivamente con la resistenza ad FA in S. aureus. I medici che prescrivono questi farmaci devono essere vigili sull'insorgenza della resistenza ad FA e dei problemi derivanti, così da prescrivere sapientemente l'FA topico.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Staphylococcus aureus and topical fusidic acid use: results of a clinical audit on antimicrobial resistance

Rivista: International Journal of Dermatology. doi: 10.1111/j.1365-4632.2012.05747.x

Autori: Yee Kiat Heng, Kian Teo Tan, Priya Sen, Angela Chow, Yee Sin Leo, David C. Lye, Roy K.W. Chan

Affiliazioni:National Skin Centre, Singapore Department of Clinical Epidemiology, Tan Tock Seng Hospital, Singapore Department of Infectious Disease, Tan Tock Seng Hospital, Singapore

Abstract:
Background Fusidic acid (FA) resistance in Staphylococcus aureus poses a problem for treating systemic methicillin-resistant S. aureus infection, in which FA may otherwise remain a viable option. It can also result in treatment failure of common dermatological conditions such as impetigo and infected atopic eczema. Several studies have linked trends in prescribing medication and topical use of FA to development of resistance. However, few case–control studies have evaluated risk factors for developing FA resistance in S. aureus. Methods A clinical audit for antimicrobial resistance was performed in dermatology patients from the National Skin Centre who were admitted for inpatient care from 2006 to 2008 and had positive bacterial cultures for S. aureus. Each FA-resistant S. aureus (FRSA) case was compared with four randomly selected FA-susceptible (FSSA) cases. Medical records were reviewed retrospectively, and potential risk factors for development of resistance were analyzed. Results Thirteen of 37 patients with FRSA (35.1%) had used FA topically compared with 11 of 148 patients with FSSA (7.4%). Findings from multivariate analysis indicate that previous use of topical FA was the only independent risk factor of FA resistance (adjusted OR 7.46, 95% CI [2.60–21.41], P < 0.001). Patients' coexisting illnesses, recent hospitalization, or systemic antibiotic use were not significant risks. Conclusions Previous recent topical FA use correlated positively with FA resistance in S. aureus. Prescribing physicians must be vigilant of the rise of FA resistance and its resultant problems and prescribe topical FA discerningly.