In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Confronto a mezza faccia tra laser frazionati al biossido di carbonio in modalità ultrapulsata e in modalità superpulsata, per la pelle fotoinvecchiata

fractionated-carbon-dioxide-lasersSia i laser frazionati a CO2 nella modalità ultrapulsata che quelli nella modalità superpulsata (UPCO2 e SPCO2) potrebbero essere utilizzati con successo nel trattamento della pelle fotoinvecchiata.

Obiettivo: Questo studio basato sull'evidenza ha avuto come scopo quello di confrontare gli effetti terapeutici e quelli collaterali di UPCO2 e di SPCO2 nel trattamento della pelle fotoinvecchiata di soggetti Cinesi.

Metodi: In questo studio randomizzato e di metà faccia, sono stati inclusi diciotto soggetti cinesi con pelle di tipo IV secondo la scala Fitzpatrick. I soggetti hanno ricevuto SPCO2 su una metà del volto e UPCO2 sull'altra metà. Prima e dopo le foto, è stato misurato: il colore della pelle, il contenuto epidermico di acqua, il livello di sebo, le rughe periorbitali, la rugosità della pelle, e l'autostima dei pazienti tramite questionario.

Risultati: I risultati riguardo la valutazione globale e l'autostima dei soggetti hanno mostrato un andamento simile ad 1 mese e a 3 mesi di follow-up, su entrambi i lati. Il laser UPCO2 ha un tempo di inattività inferiore di 6.25 ± 2.71 giorni rispetto ai 6.41 ± 2.67 giorni per il laser SPCO2, ma ha una maggiore incidenza di edema, sanguinamento locale, arrossamento prolungato e iperpigmentazione post-infiammatoria. Altri soggetti hanno preferito il trattamento con SPCO2 a fronte di un'efficacia simile e di un minor numero di effetti collaterali.

Conclusione: L'efficacia del laser SPCO2 nel trattamento della pelle foto-invecchiata è molto simile al laser UPCO2, con meno eritema, ma con più croste e con un tempo più lungo di inattività.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Split-face comparison of ultrapulse-mode and superpulse-mode fractionated carbon dioxide lasers on photoaged skin.

Rivista: J Drugs Dermatol. 2012 Nov 1;11(11):1310-4.

Autori: Luo YJ, Xu XG, Wu Y, Xu TH, Chen JZ, Gao XH, Chen HD, Li YH.

Affiliazioni: 

Abstract: 

Background: Both ultrapulse-mode and superpulse-mode fractional CO2 lasers (UPCO2 and SPCO2) could be successfully used in treating photoaged skin. Objective: This evidence-based study was intended to compare the therapeutic and adverse effects of UPCO2 and SPCO2 in treating photoaged skin in Chinese subjects. Methods: Eighteen Chinese subjects with Fitzpatrick skin type IV were enrolled in a randomized, split-face trial. Subjects received SPCO2 on one half of the face and UPCO2 on the other half. Before and after photos, skin color, epidermal water content, sebum level, periorbital wrinkles, skin roughness, and self-esteem questionnaires were used. Results: Global evaluation and subjects' self-esteem assessments showed a similar trend at 1-month and 3-month follow-up visits on both sides. The UPCO2 laser has a shorter downtime of 6.25±2.71 days compared with 6.41±2.67 days for SPCO2, but has a higher incidence of edema, spot bleeding, prolonged redness and postinflammatory hyperpigmentation. More subjects prefer SPCO2 treatment because of similar efficacy and fewer adverse effects. Conclusion: The effectiveness of the SPCO2 laser in treating photoaged skin is very similar to the UPCO2 laser, with less erythema, but more crusting and longer downtime.