link584 link585 link586 link587 link588 link589 link590 link591 link592 link593 link594 link595 link596 link597 link598 link599 link600 link601 link602 link603 link604 link605 link606 link607 link608 link609 link610 link611 link612 link613 link614 link615 link616 link617 link618 link619 link620 link621 link622 link623 link624 link625 link626 link627 link628 link629 link630 link631 link632 link633 link634 link635 link636 link637 link638 link639 link640 link641 link642 link643 link644 link645 link646 link647 link648 link649 link650 link651 link652 link653 link654 link655 link656 link657 link658 link659 link660 link661 link662 link663 link664 link665 link666 link667 link668 link669 link670 link671 link672 link673 link674 link675 link676 link677 link678 link679 link680 link681 link682 link683 link684 link685 link686 link687 link688 link689 link690 link691 link692 link693 link694 link695 link696 link697 link698 link699 link700 link701 link702 link703 link704 link705 link706 link707 link708 link709 link710 link711 link712 link713 link714 link715 link716 link717 link718 link719 link720 link721 link722 link723 link724 link725 link726 link727 link728 link729
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Stato della vitamina D e rischio di cancro alla pelle, indipendentemente dal tempo passato all'aperto: 11 anni di studio prospettico in una comunità australiana

Vitamin DLa vitamina D può avere effetti anti-cancerogeni sulla pelle, ma la prova basata sulla popolazione è carente. Abbiamo quindi valutato le associazioni tra lo stato della vitamina D e il rischio di cancro alla pelle in una comunità subtropicale australiana.

Abbiamo analizzato l'incidenza potenziale del cancro alla pelle per 11 anni dopo una valutazione di base dei livelli sierici di 25(OH)-vitamina D in 1,191 adulti (con età media di 54 anni) e abbiamo usato l'analisi di regressione logistica multivariata per regolare le stime di rischio in base all'età, al sesso, alle valutazioni dettagliate del solito periodo di tempo trascorso all'aperto, alle caratteristiche fenotipiche, e ad altri possibili fattori confondenti.

I partecipanti con concentrazioni sieriche di 25(OH)-vitamina D superiori a 75 nmol l−1 rispetto a quelli con concentrazioni sotto i 75 nmol l−1 hanno sviluppato più spesso carcinoma basocellulare (odds ratio (OR)=1.51 (intervallo di confidenza (CI) al 95%: 1.10-2.07, P = 0.01) e melanoma (OR=2.71 (CI al 95%: 0.98-7.48, P = 0.05)). L'incidenza del carcinoma a cellule squamose è risultata essere più bassa nelle persone con concentrazioni sieriche di 25(OH)-vitamina D superiori a 75 nmol l−1 rispetto a quelle sotto 75 nmol l−1 (OR=0.67 (CI al 95%: 0.44–1.03, P=0.07)). Lo stato della vitamina D non è stato associato con l'incidenza del cancro alla pelle quando i partecipanti avevano una concentrazione di 25(OH)-vitamina D al di sopra o al di sotto di 50 nmol l−1.

I nostri risultati non indicano che la cancerogenicità di un'elevata esposizione al sole può essere contrastata con un elevato stato di vitamina D. Quindi, deve essere evitata la prolungata esposizione al sole come mezzo per raggiungere un alto livello di vitamina D.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Vitamin D Status and Skin Cancer Risk Independent of Time Outdoors: 11-Year Prospective Study in an Australian Community

Rivista: Journal of Investigative Dermatology 133, 637-641 (March 2013) doi| :10.1038/jid.2012.346

Autori: Jolieke C van der Pols, Anne Russell, Ulrike Bauer, Rachel E Neale, Michael G Kimlin and Adèle C Green

Affiliazioni:

Abstract:
Vitamin D may have anti–skin cancer effects, but population-based evidence is lacking. We therefore assessed associations between vitamin D status and skin cancer risk in an Australian subtropical community. We analyzed prospective skin cancer incidence for 11 years following baseline assessment of serum 25(OH)-vitamin D in 1,191 adults (average age 54 years) and used multivariable logistic regression analysis to adjust risk estimates for age, sex, detailed assessments of usual time spent outdoors, phenotypic characteristics, and other possible confounders. Participants with serum 25(OH)-vitamin D concentrations above 75 nmol l−1 versus those below 75 nmol l−1 more often developed basal cell carcinoma (odds ratio (OR)=1.51 (95% confidence interval (CI): 1.10–2.07, P=0.01) and melanoma (OR=2.71 (95% CI: 0.98–7.48, P=0.05)). Squamous cell carcinoma incidence tended to be lower in persons with serum 25(OH)-vitamin D concentrations above 75 nmol l−1 compared with those below 75 nmol l−1 (OR=0.67 (95% CI: 0.44–1.03, P=0.07)). Vitamin D status was not associated with skin cancer incidence when participants were classified as above or below 50 nmol l−1 25(OH)-vitamin D. Our findings do not indicate that the carcinogenicity of high sun exposure can be counteracted by high vitamin D status. High sun exposure is to be avoided as a means to achieve high vitamin D status.

BP-PB