link730 link731 link732 link733 link734 link735 link736 link737 link738 link739 link740 link741 link742 link743 link744 link745 link746 link747 link748 link749 link750 link751 link752 link753 link754 link755 link756 link757 link758 link759 link760 link761 link762 link763 link764 link765 link766 link767 link768 link769 link770 link771 link772 link773 link774 link775 link776 link777 link778 link779 link780 link781 link782 link783 link784 link785 link786 link787 link788 link789 link790 link791 link792 link793 link794 link795 link796 link797 link798 link799 link800 link801 link802 link803 link804 link805 link806 link807 link808 link809 link810 link811 link812 link813 link814 link815 link816 link817 link818 link819 link820 link821 link822 link823 link824 link825 link826 link827 link828 link829 link830 link831 link832 link833 link834 link835 link836 link837 link838 link839 link840 link841 link842 link843 link844 link845 link846 link847 link848 link849 link850 link851 link852 link853 link854 link855 link856 link857 link858 link859 link860 link861 link862 link863 link864 link865 link866 link867 link868 link869 link870 link871 link872 link873 link874 link875
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

25-idrossivitamina D plasmatica e rischio di cancro alla pelle, melanoma e non-melanoma: uno studio prospettico di coorte

Plasma-25-Hydroxyvitamin-DL'esposizione solare è uno dei fattori di rischio più importanti per il cancro alla pelle ed è anche una fonte importante di vitamina D. Abbiamo testato l'ipotesi che elevate concentrazioni plasmatiche di 25-idrossivitamina D (25-OH-vitD) si associno con un aumentato rischio di cancro alla pelle melanoma e non-melanoma, nella popolazione generale. Abbiamo misurato la 25-OH-vitD plasmatica in 10,060 individui bianchi appartenenti alla popolazione danese generale.

 

Durante i 28 anni di follow-up, 590 persone hanno sviluppato un tumore cutaneo non-melanoma e 78 hanno sviluppato il cancro della pelle melanoma. I livelli aumentati di 25-OH-vitD, per categorie cliniche o per terzili aggiustati stagionalmente, sono stati associati con una crescente incidenza cumulativa del tumore cutaneo non-melanoma (trend P=2 × 10−15 e P=3 × 10−17) e del cancro della pelle melanoma (P=0.003 e P=0.001).

I rapporti di rischio multivariato del cancro alla pelle non-melanoma sono stati di 5.04 (intervallo di confidenza (CI) al 95%: 2.78-9.16) per 25-OH-vitD maggiore o uguale a 50 rispetto a <25 nmol l−1, e di 4.02 (2.45-6.60) per il terzile alto rispetto a quello basso. I rapporti di rischio multivariato per il cancro della pelle melanoma sono stati di 4.7 (0.96-23.3) per 25-OH-vitD maggiore o uguale a 50 vs. <25 nmol l−1, e di 6.3 (1.38-28.8) per il terzile alto rispetto a quello basso.

Il rischio assoluto a 20 anni è stato dell'11% per il cancro della pelle non-melanoma e di 1.5% per il cancro della pelle melanoma, in soggetti con età maggiore di 60 anni, con livelli invernali di 25-OH-vitD maggiore o uguale a 50 nmol l−1, e che eseguono degli esercizi all'aperto. In conclusione, abbiamo dimostrato che i livelli aumentati di 25-OH-vitD sono associati anche con un aumento del rischio di cancro alla pelle melanoma e non-melanoma.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Plasma 25-Hydroxyvitamin D and Risk of Non-Melanoma and Melanoma Skin Cancer: A Prospective Cohort Study

Rivista: Journal of Investigative Dermatology 133, 629-636 (March 2013) doi| :10.1038/jid.2012.395

Autori: Shoaib Afzal, Børge G Nordestgaard and Stig E Bojesen

Affiliazioni:

Abstract:
Sun exposure is a major risk factor for skin cancer and is also an important source of vitamin D. We tested the hypothesis that elevated plasma 25-hydroxyvitamin D (25-OH-vitD) associates with increased risk of non-melanoma and melanoma skin cancer in the general population. We measured plasma 25-OH-vitD in 10,060 white individuals from the Danish general population. During 28 years of follow-up, 590 individuals developed non-melanoma skin cancer and 78 developed melanoma skin cancer. Increasing 25-OH-vitD levels, by clinical categories or by seasonally adjusted tertiles, were associated with increasing cumulative incidence of non-melanoma skin cancer (trend P=2 × 10−15 and P=3 × 10−17) and melanoma skin cancer (P=0.003 and P=0.001). Multivariable adjusted hazard ratios of non-melanoma skin cancer were 5.04 (95% confidence interval (CI): 2.78–9.16) for 25-OH-vitD 50 vs. <25 nmol l−1, and 4.02 (2.45–6.60) for top versus bottom tertile. Multivariable adjusted hazard ratios of melanoma skin cancer were 4.7 (0.96–23.3) for 25-OH-vitD 50 vs. <25 nmol l−1, and 6.3 (1.38–28.8) for top versus bottom tertile. The absolute 20-year risk was 11% for non-melanoma skin cancer and 1.5% for melanoma skin cancer, in participants with age >60 years, 25-OH-vitD winter levels 50 nmol l−1, and performing outdoor exercise. In conclusion, we show that increasing levels of 25-OH-vitD are associated with increased risk of non-melanoma and melanoma skin cancer.