link584 link585 link586 link587 link588 link589 link590 link591 link592 link593 link594 link595 link596 link597 link598 link599 link600 link601 link602 link603 link604 link605 link606 link607 link608 link609 link610 link611 link612 link613 link614 link615 link616 link617 link618 link619 link620 link621 link622 link623 link624 link625 link626 link627 link628 link629 link630 link631 link632 link633 link634 link635 link636 link637 link638 link639 link640 link641 link642 link643 link644 link645 link646 link647 link648 link649 link650 link651 link652 link653 link654 link655 link656 link657 link658 link659 link660 link661 link662 link663 link664 link665 link666 link667 link668 link669 link670 link671 link672 link673 link674 link675 link676 link677 link678 link679 link680 link681 link682 link683 link684 link685 link686 link687 link688 link689 link690 link691 link692 link693 link694 link695 link696 link697 link698 link699 link700 link701 link702 link703 link704 link705 link706 link707 link708 link709 link710 link711 link712 link713 link714 link715 link716 link717 link718 link719 link720 link721 link722 link723 link724 link725 link726 link727 link728 link729
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Discussione sulla terapia dell'acne a base di isotretinoina

IsotretinoinL'isotretinoina è un farmaco molto efficace per l'acne volgare grave e recalcitrante. Subito dopo il rilascio del farmaco nei primi anni '80, sono stati segnalati diversi effetti collaterali importanti che hanno portato ad una serie di controversie mediche e medico-legali.

Tre di queste controversie saranno discusse ed analizzate riguardo il ruolo putativo dell'isotretinoina (1) nella depressione e nel suicidio, (2) nella malattia infiammatoria intestinale, e (3) nell'iPledge e nei programmi di prevenzione durante la gravidanza.

Sembra che un piccolo sottogruppo di pazienti trattati con isotretinoina per l'acne siano a rischio di depressione, una condizione gestibile a condizione che vi sia un'adeguata consapevolezza del paziente rispetto a questa possibilità, la massima comunicazione tra paziente e medico, e la cessazione della terapia se insorge una depressione clinicamente importante (dopo la depressione si risolve rapidamente in una settimana o anche meno).

Diversi studi controllati suggeriscono attualmente un effetto molto favorevole dell'isotretinoina sulla depressione e sull'ansia che sono situazioni comuni tra i pazienti sottoposti a isotretinoina. Per quanto riguarda la malattia infiammatoria intestinale è stata raggiunta una significatività statistica per l'associazione tra la colite ulcerosa e l'isotretinoina in un solo studio, anche se l'attuale incidenza rimane sorprendentemente bassa.

Infine, è chiaro che anche il più recente programma di prevenzione di gravidanza (iPledge) non ha più successo dei programmi precedenti; probabilmente ci sarà sempre un piccolo numero di pazienti di sesso femminile che rimarranno incinta durante un trattamento con isotretinoina per l'acne volgare.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Important Controversies Associated with Isotretinoin Therapy for Acne

Rivista: American Journal of Clinical Dermatology. April 2013, Volume 14, Issue 2, pp 71-76

Autori: Stephen E. Wolverton, Julie C. Harper

Affiliazioni:

Abstract:
Isotretinoin is a remarkably effective drug for severe, recalcitrant acne vulgaris. Soon after the drug’s release in the early 1980s, a number of important adverse effects were reported subsequently leading to a variety of medical and medicolegal controversies. Three of these controversies will be highlighted concerning the putative role of isotretinoin in (1) depression and suicide, (2) inflammatory bowel disease, and (3) iPledge and pregnancy prevention programs. It appears that a very small subset of patients receiving isotretinoin for acne are at risk for depression, which is very manageable provided there is adequate patient awareness of the possibility, maximum communication between the patient and physician, and cessation of therapy if clinically important depression occurs (after which the depression rapidly resolves in a week or less). Multiple controlled studies actually suggest a very favorable effect of isotretinoin on depression and anxiety common in the population requiring isotretinoin. With regard to inflammatory bowel disease, in just one study, only ulcerative colitis association with isotretinoin reached statistical significance. The actual incidence of this association is strikingly low. Finally, it is clear that even the most recent pregnancy prevention program (iPledge) is no more successful than prior programs; there will likely always be a small number of female patients becoming pregnant while receiving isotretinoin for acne vulgaris.