link730 link731 link732 link733 link734 link735 link736 link737 link738 link739 link740 link741 link742 link743 link744 link745 link746 link747 link748 link749 link750 link751 link752 link753 link754 link755 link756 link757 link758 link759 link760 link761 link762 link763 link764 link765 link766 link767 link768 link769 link770 link771 link772 link773 link774 link775 link776 link777 link778 link779 link780 link781 link782 link783 link784 link785 link786 link787 link788 link789 link790 link791 link792 link793 link794 link795 link796 link797 link798 link799 link800 link801 link802 link803 link804 link805 link806 link807 link808 link809 link810 link811 link812 link813 link814 link815 link816 link817 link818 link819 link820 link821 link822 link823 link824 link825 link826 link827 link828 link829 link830 link831 link832 link833 link834 link835 link836 link837 link838 link839 link840 link841 link842 link843 link844 link845 link846 link847 link848 link849 link850 link851 link852 link853 link854 link855 link856 link857 link858 link859 link860 link861 link862 link863 link864 link865 link866 link867 link868 link869 link870 link871 link872 link873 link874 link875
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Gli effetti avversi della terapia fotodinamica (PDT) per il trattamento delle voglie a macchia vino porto (PWS)

port wine stainDiversi studi cinesi suggeriscono che la terapia fotodinamica (PDT) mediata dall'emoporfirina rappresenti un trattamento alternativo per le voglie a macchia vino porto (PWS). OBIETTIVO:
Valutare le risposte terapeutiche e gli effetti avversi associati alla PDT con emoporfirina per il trattamento e la gestione delle PWS. METODO: Sono state esaminate retrospettivamente le cartelle cliniche di 700 pazienti che hanno subito un trattamento di PDT nel nostro centro. Sono stati rivisti anche gli effetti negativi e le reazioni correlate al trattamento.
RISULTATO:
Diversi tipi di lesioni PWS e individui diversi hanno mostrato altrettante risposte immediate (ad esempio il gonfiore, il cambiamento di colore, il dolore): da un certo punto di vista, queste reazioni sono state un utile indicatore dell'endpoint del trattamento. L'edema e la formazione di croste sono state le reazioni più comuni del post-trattamento. Gli effetti avversi a breve termine (come le bolle, la dermatite eczematosa, la fotosensibilità cutanea) e a lungo termine (come il cambiamento della pigmentazione, la formazione di cicatrici) sono stati causati generalmente dalla fototossicità associata alla combinazione di un fotosensibilizzatore e dell'esposizione alla luce.
CONCLUSIONE:
Anche se la PDT rappresenta un trattamento alternativo e sicuro per le voglie a PWS, i parametri di trattamento devono essere selezionati per ciascun paziente e, durante l'irradiazione, devono essere monitorati i cambiamenti della pelle in modo da ridurre al minimo il rischio di reazioni avverse. Infatti, la sovrastima del dosaggio di luce richiesta o l'incapacità di riconoscere i cambiamenti cutanei associati agli effetti avversi possono aumentare il rischio di un esito sfavorevole.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Adverse effects associated with photodynamic therapy (PDT) of port-wine stain (PWS) birthmarks.

Rivista: Photodiagnosis Photodyn Ther. 2012 Dec;9(4):332-6. doi: 10.1016/j.pdpdt.2012.03.007. Epub 2012 Apr 17.

Autori: Yuan KH, Gao JH, Huang Z.

Affiliazioni:Department of Plastic and Reconstructive Surgery, Nanfang Hospital of South China Medical University, Guangzhou, China

Abstract:
BACKGROUND: Several Chinese studies suggest that Hemoporfin-mediated photodynamic therapy (PDT) is an alternative treatment for port-wine stain (PWS) birthmarks. OBJECTIVE: To evaluate treatment responses and adverse effects associated with Hemoporfin PDT for the treatment of PWS and their management. METHOD: The medical records of 700 patients who underwent PDT treatment in our center were retrospectively examined. Treatment-related reactions and adverse effects were reviewed. RESULT: Different types of PWS lesions and different individuals showed different immediate responses (e.g. swelling, color change, pain). To certain extents these reactions were a useful indicator of the treatment endpoint. Edema and scabbing were the most common post-treatment responses. Short-term (e.g. blister, eczematous dermatitis, cutaneous photosensitivity) and long-term (e.g. pigmentation change, scar formation) adverse effects were generally caused by the phototoxicity associated with the combination of photosensitizer and light exposure. CONCLUSION: Although PDT is a safe treatment alternative for PWS birthmarks, treatment parameters must be selected for each individual patient and cutaneous changes must be monitored during light irradiation to minimize the risk of adverse effects. Over estimation of required light dosage or failure to recognize cutaneous changes associated with adverse effects can increase the risk of a poor outcome.