link730 link731 link732 link733 link734 link735 link736 link737 link738 link739 link740 link741 link742 link743 link744 link745 link746 link747 link748 link749 link750 link751 link752 link753 link754 link755 link756 link757 link758 link759 link760 link761 link762 link763 link764 link765 link766 link767 link768 link769 link770 link771 link772 link773 link774 link775 link776 link777 link778 link779 link780 link781 link782 link783 link784 link785 link786 link787 link788 link789 link790 link791 link792 link793 link794 link795 link796 link797 link798 link799 link800 link801 link802 link803 link804 link805 link806 link807 link808 link809 link810 link811 link812 link813 link814 link815 link816 link817 link818 link819 link820 link821 link822 link823 link824 link825 link826 link827 link828 link829 link830 link831 link832 link833 link834 link835 link836 link837 link838 link839 link840 link841 link842 link843 link844 link845 link846 link847 link848 link849 link850 link851 link852 link853 link854 link855 link856 link857 link858 link859 link860 link861 link862 link863 link864 link865 link866 link867 link868 link869 link870 link871 link872 link873 link874 link875
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Reazioni infiammatorie ad esordio tardivo correlate con le iniezioni di filler nei tessuti molli

soft-tissue-filler-injectionsUn numero sempre crescente di persone cerca delle soluzioni mediche per migliorare l'aspetto della pelle invecchiata o per migliorare l'aspetto estetico e cosmetico di diverse condizioni patologiche come le malformazioni, i traumi, il cancro e le condizioni ortopediche, urologiche, o oftalmologiche.
Attualmente, i medici hanno a disposizione molti tipi diversi di filler dermici e sottocutanei, come i materiali non permanenti, permanenti, reversibili o non reversibili. Nonostante le affermazioni dei produttori e di diversi autori per cui i filler non sono tossici e neanche immunogeni o le cui complicanze sono molto rare, alcuni effetti collaterali indesiderati si verificano comunque per tutti i composti utilizzati.
Infatti, i biomateriali impiantati, iniettati, e a contatto innescano una vasta gamma di reazioni avverse tra cui l'infiammazione, la trombosi e l'eccessiva fibrosi; e di solito, queste reazioni avverse sono associate con l'accumulo di grandi quantità di cellule mononucleate. Le reazioni avverse correlate con i filler comprendono una vasta gamma di manifestazioni, che possono apparire in anticipo o in ritardo e vanno dalla localizzazione locale a quella sistemica. I medici dovrebbero essere consapevoli di queste manifestazioni, dal momento che spesso il paziente non avvisa delle iniezioni precedenti o non è a conoscenza del materiale impiegato. La maggior parte di questi effetti avversi sembra avere una base immunologica in cui i riempitivi agiscono più come adiuvanti che come attivatori diretti delle cellule T, comunque su uno sfondo di predisposizione genetica individuale. Il loro trattamento non è stato ancora oggetto di studi ben progettati e la gestione delle reazioni, sia acute che sistemiche, rimane piuttosto difficile e richiede una terapia antinfiammatoria e occasionalmente anche immunosoppressiva.
In questo articolo vengono accuratamente passati in rassegna tutti gli aspetti clinici, patologici e terapeutici delle reazioni avverse ad esordio tardivo di tipo infiammatorio e immuno- mediato, correlati con le iniezioni di filler nei tessuti molli.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Late-onset inflammatory adverse reactions related to soft tissue filler injections.

Rivista: Clin Rev Allergy Immunol. 2013 Aug;45(1):97-108. doi: 10.1007/s12016-012-8348-5.

Autori: Alijotas-Reig J, Fernández- Figueras MT, Puig L.

Affiliazioni:Ageing and Systemic Autoimmune Diseases Research Unit, Service of Internal Medicine- I, Aging Basic Research Unit, Molecular Biology and Biochemistry Research Centre for Nanomedicine (CIBBIM- Nanomedicine), Vall d'Hebron University Hospital, Barcelona, Spain,

Abstract:
An ever-increasing number of persons seek medical solutions to improve the appearance of their aging skin or for aesthetic and cosmetic indications in diverse pathological conditions, such as malformations, trauma, cancer, and orthopedic, urological, or ophthalmological conditions. Currently, physicians have many different types of dermal and subdermal fillers, such as non-permanent, permanent, reversible, or non-reversible materials. Despite the claims of manufacturers and different authors that fillers are non- toxic and non-immunogenic or that complications are very uncommon, unwanted side effects do occur with all compounds used. Implanted, injected, and blood-contact biomaterials trigger a wide variety of adverse reactions, including inflammation, thrombosis, and excessive fibrosis. Usually, these adverse reactions are associated with the accumulation of large numbers of mononuclear cells. The adverse reactions related to fillers comprise a broad range of manifestations, which may appear early or late and range from local to systemic. Clinicians should be aware of them since the patient often denies the antecedent of injection or is unaware of the material employed. Most of these adverse effects seem to have an immunological basis, the fillers acting more as adjuvants than as direct T- cell activators, on a background of genetic predisposition. Their treatment has not been the subject of well-designed studies; management of both acute and systemic reactions is often difficult, and requires anti-inflammatory and occasionally immunosuppressive therapy. The clinical, pathological, and therapeutic aspects of inflammatory and immune-mediated late-onset adverse reactions related to soft tissue filler injections are thoroughly reviewed herein.

French pdf magazines free download journal-pdf.com.