link876 link877 link878 link879 link880 link881 link882 link883 link884 link885 link886 link887 link888 link889 link890 link891 link892 link893 link894 link895 link896 link897 link898 link899 link900 link901 link902 link903 link904 link905 link906 link907 link908 link909 link910 link911 link912 link913 link914 link915 link916 link917 link918 link919 link920 link921 link922 link923 link924 link925 link926 link927 link928 link929 link930 link931 link932 link933 link934 link935 link936 link937 link938 link939 link940 link941 link942 link943 link944 link945 link946 link947 link948 link949 link950 link951 link952 link953 link954 link955 link956 link957 link958 link959 link960 link961 link962 link963 link964 link965 link966 link967 link968 link969 link970 link971 link972 link973 link974 link975 link976 link977 link978 link979 link980 link981 link982 link983 link984 link985 link986 link987 link988 link989 link990 link991 link992 link993 link994 link995 link996 link997 link998 link999 link1000 link1001 link1002 link1003 link1004 link1005 link1006 link1007 link1008 link1009 link1010 link1011 link1012 link1013 link1014 link1015 link1016 link1017 link1018 link1019 link1020 link1021
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

La kellina e la visnagina modulano diversamente la via di segnalazione AHR e inibiscono l'attività di CYP1A nelle cellule epatiche umane

liver-cellLa kellina e la visnagina sono due furanocromoni che si trovano spesso nelle formulazioni etnomedicali in Asia e in Medio Oriente. Entrambi questi composti possiedono proprietà antinfiammatorie e analgesiche, pertanto la medicina moderna li utilizza per il trattamento della vitiligine, dell'asma bronchiale e delle coliche renali, sia nella loro forma primitiva che come derivati strutturalmente simili.
Nonostante il loro uso frequente, non sono ancora del tutto note le loro potenziali proprietà tossiche: molti composti naturali modulano l'espressione e l'attività del citocromo P450 1A1 (CYP1A1) che è ben noto per attivare i pro-carcinogeni.
L'espressione di questo enzima è controllata dal recettore aril-idrocarburo (AHR), un fattore di trascrizione attivato dal ligando e un regolatore del metabolismo dei farmaci. In questo articolo, abbiamo studiato l'influenza di entrambi i furanocromoni sulla via di segnalazione AHR nelle cellule di epatocarcinoma umano (HepG2) e negli epatociti primari umani. Entrambi i composti trans-attivano l'attività del gene reporter che guida l'elemento di risposta agli xenobiotici (XRE) in modo dipendente dalla dose e, inoltre, induce la trascrizione di CYP1A1 nelle cellule HepG2 e negli epatociti primari: quest'ultimo è abolito in presenza di uno specifico antagonista di AHR.
Il saggio per misurare l'attività enzimatica di CYP1A eseguito sulle cellule HepG2 e sugli epatociti primari ha rivelato un'inibizione dell'attività enzimatica da parte di entrambi i furanocromoni, risultato che potrebbe diventare importante per il metabolismo degli xenobiotici e per i farmaci co-somministrati.
L'induzione osservata di altri membri della batteria genica di AHR — i cui prodotti sono coinvolti nella regolazione della crescita cellulare, nella differenziazione e nella migrazione — indica che serve urgentemente un'ulteriore caratterizzazione tossicologica della visnagina e della kelllina in modo da ridurre al minimo le possibili interazioni tra i farmaci e altri effetti collaterali tossici che possono verificarsi durante la terapia.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Khellin and Visnagin Differentially Modulate AHR Signaling and Downstream CYP1A Activity in Human Liver Cells.

Rivista: PLoS One. 2013 Sep 19;8(9):e74917. doi: 10.1371/journal.pone.0074917.

Autori: Vrzal R, Frauenstein K, Proksch P, Abel J, Dvorak Z, Haarmann-Stemmann T.

Affiliazioni:Department of Cell Biology and Genetics, Faculty of Science, Palacky University, Olomouc, Czech Republic.

Abstract:
Khellin and visnagin are two furanochromones that can be frequently found in ethnomedical formulations in Asia and the Middle East. Both compounds possess anti-inflammatory and analgesic properties, therefore modern medicine uses these compounds or structurally related derivatives for treatment of vitiligo, bronchial asthma and renal colics. Despite their frequent usage, the potential toxic properties of visnagin and khellin are not well characterized up-to-now. Many natural compounds modulate the expression and activity of cytochrome P450 1A1 (CYP1A1), which is well-known to bioactivate pro-carcinogens. The expression of this enzyme is controlled by the aryl hydrocarbon receptor (AHR), a ligand-activated transcription factor and regulator of drug metabolism. Here, we investigated the influence of both furanochromones on AHR signaling in human HepG2 hepatocarcinoma cells and primary human hepatocytes. Both compounds transactivated xenobiotic response element (XRE)-driven reporter gene activity in a dose-dependent manner and induced CYP1A1 transcription in HepG2 cells and primary hepatocytes. The latter was abolished in presence of a specific AHR antagonist. CYP1A enzyme activity assays done in HepG2 cells and primary hepatocytes revealed an inhibition of enzyme activity by both furanochromones, which may become relevant regarding the metabolism of xenobiotics and co-administered therapeutic drugs. The observed induction of several other members of the AHR gene battery, whose gene products are involved in regulation of cell growth, differentiation and migration, indicates that a further toxicological characterization of visnagin and khelllin is urgently required in order to minimize potential drug-drug interactions and other toxic side-effects that may occur during therapeutic usage of these furanochromones.