link876 link877 link878 link879 link880 link881 link882 link883 link884 link885 link886 link887 link888 link889 link890 link891 link892 link893 link894 link895 link896 link897 link898 link899 link900 link901 link902 link903 link904 link905 link906 link907 link908 link909 link910 link911 link912 link913 link914 link915 link916 link917 link918 link919 link920 link921 link922 link923 link924 link925 link926 link927 link928 link929 link930 link931 link932 link933 link934 link935 link936 link937 link938 link939 link940 link941 link942 link943 link944 link945 link946 link947 link948 link949 link950 link951 link952 link953 link954 link955 link956 link957 link958 link959 link960 link961 link962 link963 link964 link965 link966 link967 link968 link969 link970 link971 link972 link973 link974 link975 link976 link977 link978 link979 link980 link981 link982 link983 link984 link985 link986 link987 link988 link989 link990 link991 link992 link993 link994 link995 link996 link997 link998 link999 link1000 link1001 link1002 link1003 link1004 link1005 link1006 link1007 link1008 link1009 link1010 link1011 link1012 link1013 link1014 link1015 link1016 link1017 link1018 link1019 link1020 link1021
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Nevo angio-annessocentrico

Angioadnexocentric-nevusL'associazione tra nevo melanocitico e ghiandole eccrine è ben documentata e di definisce come nevo eccrine-centrato. Spesso, i nevi congeniti non giganti presentano una crescita angiocentrica e/o annesso-centrica di cellule neviche e, inoltre, i vasi sanguigni sono il sito più importante di infiltrazione e propagazione di queste cellule.
Nel nostro campione, il secondo sito più frequente è stato quello dei dotti eccrini: questi siti selettivi di infiltrazione hanno dato luogo ad un modello lineare di distribuzione di cellule neviche. Ad un rapido esame a basso ingrandimento, sono state mimate alcune patologie vascolari come la perivasculite linfocitaria e in particolare il modello "a maniche di cappotto" dell'eritema anulare centrifugo.
L'S-100 ha colorato immunologicamente le cellule linfocitoidi perivascolari e periduttali, mentre sono stati negativi il CD3, 4 e 8 per le cellule T e il CD20 e 79a per le cellule B. Inoltre, l'S-100 ha rilevato un comportamento invasivo delle cellule neviche che erano penetrate nelle pareti vascolari e duttali. Il Ki-67 è stato negativo in tutte le cellule, suggerendo una natura benigna di questa lesione.
In base a questi risultati è stato ipotizzato che le cellule intradermiche neviche della pelle fetale migrino liberamente attraverso il tessuto mesenchimale e che si fermino quando colpiscono le barriere come i vasi sanguigni e dotti eccrini, per poi propagarsi in situ.
Ma perché i vasi sanguigni e dotti eccrini attirano la quota maggiore di cellule neviche? La risposta risiede nel fatto che queste sono le barriere più grandi del derma fetale.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Angioadnexocentric nevus

Rivista: The Journal of Dermatology. doi: 10.1111/j.1346-8138.2012.01599.x

Autori: Ken HASHIMOTO, Masahiro AMANO, Mitsuru SETOYAMA

Affiliazioni:Department of Dermatology, Wayne State University School of Medicine, Detroit, Michigan, USA Department of Dermatology, Faculty of Medicine, University of Miyazaki, Miyazaki, Japan

Abstract:
An association of melanocytic nevus with eccrine glands has been well-documented and well-known as eccrine-centered nevus. Non-giant congenital nevi sometimes contain angiocentric and/or adnexocentric growth of nevus cells. Blood vessels are the most prominent site of nevus cell infiltration and propagation. In our specimen, the second was eccrine ducts. These selective sites of infiltration gave rise to a linear pattern of nevus cell distribution. Upon cursory examination at low magnification, vascular pathologies such as lymphocytic perivasculitis and particularly “coat-sleeve-like” pattern of erythema annulare centrifugum were suggested. S-100 immunostained perivascular and periductal lymphocytoid cells while CD3, 4 and 8 for T cells, and CD20 and 79a for B cells, were all negative. S-100 detected some invasive behavior of nevus cells penetrating into the vascular and ductal walls. However, Ki-67 was negative in all cells, suggesting a benign nature of this lesion. It is postulated that intradermal nevus cells of fetal skin freely migrate through mesenchymal tissue and stop when they hit barriers such as blood vessels and eccrine ducts and propagate in situ. How does this random migration theory explain the blood vessels and eccrine ducts getting the largest share of nevus cells? It is because they are the largest barriers of fetal dermis.