link0 link1 link2 link3 link4 link5 link6 link7 link8 link9 link10 link11 link12 link13 link14 link15 link16 link17 link18 link19 link20 link21 link22 link23 link24 link25 link26 link27 link28 link29 link30 link31 link32 link33 link34 link35 link36 link37 link38 link39 link40 link41 link42 link43 link44 link45 link46 link47 link48 link49 link50 link51 link52 link53 link54 link55 link56 link57 link58 link59 link60 link61 link62 link63 link64 link65 link66 link67 link68 link69 link70 link71 link72 link73 link74 link75 link76 link77 link78 link79 link80 link81 link82 link83 link84 link85 link86 link87 link88 link89 link90 link91 link92 link93 link94 link95 link96 link97 link98 link99 link100 link101 link102 link103 link104 link105 link106 link107 link108 link109 link110 link111 link112 link113 link114 link115 link116 link117 link118 link119 link120 link121 link122 link123 link124 link125 link126 link127 link128 link129 link130 link131 link132 link133 link134 link135 link136 link137 link138 link139 link140 link141 link142 link143 link144 link145
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

La tossicità del levamisolo mima la malattia autoimmune

Levamisole toxicityIl levamisolo è presente come contaminante o additivo della maggior parte della cocaina venduta negli Stati Uniti. Fino ad ora sono stati descritti ampiamente diversi casi di agranulocitosi attribuiti alla cocaina contaminata con levamisolo, ed è stata riportata anche una reazione vasculopatica al levamisolo stesso. Tuttavia, non sono mai state ben riconosciute le caratteristiche diagnostiche come gli anticorpi anti-citoplasma dei neutrofili (ANCA) e la positività di altri marker autoimmunitari. Per questo motivo, ancora oggi, molti pazienti ricevono una diagnosi sbagliata e vengono sottoposti a trattamenti aggressivi e spesso inutili.

Obiettivo
Speriamo di educare i medici alle caratteristiche cliniche e di laboratorio della vasculopatia indotta dal levamisolo, in modo da garantire un'accurata diagnosi e gestione dei pazienti.

Metodi
Si è trattato di una serie di casi.

Risultati
Sei pazienti sono stati ricoverati con lesioni purpuriche e cambiamenti vasculitici all'esame bioptico: 5 di loro avevano ricevuto una diagnosi di condizione autoimmune, ed erano stati trattati di conseguenza, prima che fosse rivelata la diagnosi corretta. Tutti i pazienti presentavano una positività agli ANCA e 4 pazienti avevano anche delle ulteriori anomalie dei marcatori autoimmuni. Tutti i soggetti hanno riferito un uso recente della cocaina e, alla fine, hanno ricevuto la diagnosi di vasculopatia indotta da levamisolo.

Limitazioni
Il limite di questo studio osservazionale è stato la dimensione del campione.

Conclusioni
Tutti i pazienti con lesioni purpuriche e positività agli ANCA dovrebbero essere valutati per l'esposizione alla cocaina. È importante sapere che il levamisolo può indurre la positività agli ANCA e determinare altre anomalie dei marcatori autoimmuni. Questi pazienti, allora, potranno essere trattati con strategie terapeutiche meno aggressive rispetto a quelle usate per le vasculiti primarie associate agli ANCA.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Levamisole toxicity mimicking autoimmune disease

Rivista: Journal of the American Academy of Dermatology. Volume 69, Issue 6 , Pages 954-959, December 2013

Autori: Lauren Strazzula, Katherine K. Brown, Joaquin C. Brieva, Brendan J. Camp, Hillary C. Frankel, Eugene Kissin, Matthew J. Mahlberg, Mary Alice Mina, Miriam K. Pomeranz, Isaac Brownell, Daniela Kroshinsky

Affiliazioni:Department of Dermatology, Massachusetts General Hospital, Boston, Massachusetts Department of Dermatology, Harvard Medical School, Boston, Massachusetts

Abstract:
Background Levamisole is present as a contaminant or additive in most cocaine sold in the United States. Cases of agranulocytosis attributed to levamisole-tainted cocaine have been widely described. A vasculopathic reaction to levamisole has also been reported; however, diagnostic features such as antineutrophil cytoplasmic antibody (ANCA) and additional autoimmune marker positivity are not well recognized. As such, many patients are given a misdiagnosis, prompting aggressive and often unnecessary treatment. Objective We hope to educate practitioners about the clinical and laboratory features of levamisole-induced vasculopathy to ensure accurate diagnosis and management. Methods This was a case series. Results Six patients were admitted with purpuric lesions and vasculitic changes on biopsy specimen; 5 of them were given the diagnosis of and treated for autoimmune conditions before their true diagnosis was revealed. All patients had ANCA positivity, and 4 had additional abnormalities in autoimmune markers. All patients reported recent cocaine abuse, and were ultimately given the diagnosis of levamisole-induced vasculopathy. Limitations This observational study is limited by sample size. Conclusions Patients presenting with purpuric lesions with ANCA positivity should be assessed for cocaine exposure. It is important to recognize that levamisole may not only induce ANCA positivity but also other autoimmune marker abnormalities. Patients can often be treated with less aggressive therapeutic strategies than what is used for primary ANCA-associated vasculitides.