link1168 link1169 link1170 link1171 link1172 link1173 link1174 link1175 link1176 link1177 link1178 link1179 link1180 link1181 link1182 link1183 link1184 link1185 link1186 link1187 link1188 link1189 link1190 link1191 link1192 link1193 link1194 link1195 link1196 link1197 link1198 link1199 link1200 link1201 link1202 link1203 link1204 link1205 link1206 link1207 link1208 link1209 link1210 link1211 link1212 link1213 link1214 link1215 link1216 link1217 link1218 link1219 link1220 link1221 link1222 link1223 link1224 link1225 link1226 link1227 link1228 link1229 link1230 link1231 link1232 link1233 link1234 link1235 link1236 link1237 link1238 link1239 link1240 link1241 link1242 link1243 link1244 link1245 link1246 link1247 link1248 link1249 link1250 link1251 link1252 link1253 link1254 link1255 link1256 link1257 link1258 link1259 link1260 link1261 link1262 link1263 link1264 link1265 link1266 link1267 link1268 link1269 link1270 link1271 link1272 link1273 link1274 link1275 link1276 link1277 link1278 link1279 link1280 link1281 link1282 link1283 link1284 link1285 link1286 link1287 link1288 link1289 link1290 link1291 link1292 link1293 link1294 link1295 link1296 link1297 link1298 link1299 link1300 link1301 link1302 link1303 link1304 link1305 link1306 link1307 link1308 link1309 link1310 link1311 link1312 link1313
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

MIA nella diagnostica e nella terapia del melanoma — una piccola proteina che diventa grande

small-protein-is-looming-largeIl melanoma maligno è un tumore altamente aggressivo con una prognosi infausta dopo insorgenza di metastasi.
Precedentemente, avevamo dimostrato che la proteina con attività inibitoria del melanoma (MIA) era coinvolta nel meccanismo di immunosoppressione e delle metastasi del melanoma maligno.
Recentemente, abbiamo anche stabilito che MIA rappresenta un bersaglio terapeutico per inibire la diffusione metastatica del melanoma.

Pertanto, con questo studio abbiamo voluto dimostrare che l'inibizione di MIA da parte di un peptide sintetico, in un modello murino di melanoma maligno, diminuisce sia il numero di metastasi che l'immunosoppressione. Per controllare la recidiva dopo resezione chirurgica di una lesione primaria, è fondamentale disporre degli strumenti diagnostici che siano in grado di rilevare una ricaduta, questo perché il melanoma ha un forte potenziale metastatico.
In particolare, il follow-up di questo studio è stato mantenuto con riesami periodici.
Inoltre, a causa dei costi elevati e dell'esposizione alle radiazioni, se possibile sono stati evitati gli esami radiologici.

In questa recensione ci siamo concentrati sull'analisi quantitativa della proteina MIA come strumento prognostico, anche perché si è dimostrata un utile marcatore sierico per documentare la progressione del melanoma maligno.
L'esame che serve per quantificare MIA è eseguito facilmente attraverso un kit ELISA e le comuni attrezzature laboratoristiche.
Poiché l'analisi dei livelli sierici di MIA in combinazione con altri marcatori come S100B migliora il valore prognostico, riteniamo che la quantificazione di MIA nel siero (insieme agli altri indicatori) debba essere eseguita come standard generale di cura nei pazienti a rischio di sviluppare il melanoma metastatico.

Storia della pubblicazione:

Titolo: MIA in melanoma diagnostics and therapy — a small protein is looming large

Rivista: Experimental Dermatology. doi: 10.1111/exd.12281

Autori: Alexander Riechers, Anja Katrin Bosserhoff

Affiliazioni:Institute of Pathology, University of Regensburg, Germany

Abstract:
Malignant melanoma is a highly aggressive cancer with a very poor prognosis after the onset of metastasis. We have previously demonstrated that the protein melanoma inhibitory activity (MIA) is involved in the metastasis of and immunosuppression in malignant melanoma. Recently, we further established MIA as a therapeutic target to inhibit metastatic spread in malignant melanoma. We could show that an inhibition of MIA by a synthetic peptide decreased both the number of metastases as well as immunosuppression in a murine model of malignant melanoma. To control recurrence after surgical resection of a primary lesion, it is paramount to have diagnostic tools available that can detect a relapse due to the strong metastatic potential of melanoma. This follow up is maintained with periodic re-examinations. Due to high cost and the associated radiation exposure, radiology examinations are avoided if possible. The analysis of prognostic markers in patient serum is therefore attractive. In this review, we focus on the quantitative analysis of the MIA protein as a prognostic tool because it has proven to be a useful serum marker for documenting disease progression of malignant melanoma. The MIA quantification assay itself is readily performed using an ELISA kit and common laboratory equipment. Because analyzing MIA serum levels in combination with other established markers such as S100B improves their prognostic value, we feel that the quantification of MIA in the serum, among other markers, should be performed as a general standard of care in patients at risk of developing metastatic melanoma.