link292 link293 link294 link295 link296 link297 link298 link299 link300 link301 link302 link303 link304 link305 link306 link307 link308 link309 link310 link311 link312 link313 link314 link315 link316 link317 link318 link319 link320 link321 link322 link323 link324 link325 link326 link327 link328 link329 link330 link331 link332 link333 link334 link335 link336 link337 link338 link339 link340 link341 link342 link343 link344 link345 link346 link347 link348 link349 link350 link351 link352 link353 link354 link355 link356 link357 link358 link359 link360 link361 link362 link363 link364 link365 link366 link367 link368 link369 link370 link371 link372 link373 link374 link375 link376 link377 link378 link379 link380 link381 link382 link383 link384 link385 link386 link387 link388 link389 link390 link391 link392 link393 link394 link395 link396 link397 link398 link399 link400 link401 link402 link403 link404 link405 link406 link407 link408 link409 link410 link411 link412 link413 link414 link415 link416 link417 link418 link419 link420 link421 link422 link423 link424 link425 link426 link427 link428 link429 link430 link431 link432 link433 link434 link435 link436 link437
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Effetti immediati e prolungati dell'esposizione del fattore naturale di idratazione dello strato corneo al lauril-solfato di sodio

sodium-lauryl-sulphIl fattore naturale idratante (NMF) serve come umettante primario dello strato corneo (SC) ed è costituito principalmente da amminoacidi e derivati igroscopici che assorbono l'umidità. È stato dimostrato che la distruzione della barriera cutanea influenza in modo diverso e specifico i vari componenti dell'NMF, anche se non sono state ancora esaminate le cinetiche di ripristino dell'NMF a seguito di perturbazione. In questo lavoro abbiamo studiato l'impatto della distruzione della barriera — causata dall'esposizione ad un surfattante — su un sottoinsieme di componenti dell'NMF immediatamente dopo l'esposizione e dopo 10 giorni dall'esposizione stessa.

Metodi
I volontari hanno portato dei cerotti contenenti o lauril solfato di sodio (SLS) all'1% w/v o acqua distillata: i cerotti sono stati applicati per 24 h sugli avambracci. Sono state ottenute le misurazioni della perdita transepidermica di acqua, dell'eritema, del contenuto di acqua, lipidi e sottoinsiemi di NMF dello strato corneo dagli avambracci di entrambi i lati: i dati sono stati registrati prima del trattamento, il giorno di rimozione del cerotto e dopo 1, 2, 3, 6 e 10 giorni dal trattamento.

Risultati
Le componenti più misurate di NMF sono diminuite a seguito dell'esposizione a SLS. Si sono verificate delle eccezioni per quanto riguarda l'aumento del lattato, dell'ornitina e dell'urea, mentre non ci sono state differenze nei livelli di prolina. Nei giorni successivi all'esposizione, si sono riscontrati sempre livelli ridotti dei diversi componenti di NMF nei siti trattati con SLS; tuttavia, entro 10 giorni, tutti i componenti di NMF misurati hanno mostrato un'equivalenza con il sito di controllo. Inoltre l'istidina a pH 7, il lattato, l'ornitina e l'urea sono stati i primi a raggiungere i livelli equivalenti al controllo, normalizzandosi entro 1 giorno dalla rimozione del cerotto.

Conclusione
I risultati suggeriscono che i componenti dell'NMF derivati dal ciclo dell'urea e del sudore sono influenzati meno dall'esposizione a SLS, mentre sono maggiormente interessati i componenti dell'NMF derivanti dalla degradazione della filaggrina e/o da altre proteine S-100: infatti il ripristino dei processi responsabili del processamento della proteina S-100 in amminoacidi liberi richiede diversi giorni per tornare alla normalità. Un ulteriore analisi degli enzimi coinvolti nella trasformazione della proteina S-100 a seguito della perturbazione della barriera potrebbe fornire una conoscenza dei meccanismi di ripristino di NMF durante il ristabilirsi dello strato corneo.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Immediate and extended effects of sodium lauryl sulphate exposure on stratum corneum natural moisturizing factor

Rivista: International Journal of Cosmetic Science. doi: 10.1111/ics.12101

Autori: D. R. Hoffman, L. M. Kroll, A. Basehoar, B. Reece, C. T. Cunningham, D. W. Koenig

Affiliazioni:Kimberly-Clark Corporation, Neenah, WI, U.S.A Reliance Clinical Testing Services, Inc., Irving, TX, U.S.A

Abstract:
Objectives Natural moisturizing factor (NMF) serves as the primary humectant of the stratum corneum (SC), principally comprised of hygroscopic amino acids and derivatives that absorb moisture. Barrier disruption has been shown to differentially affect the levels of specific NMF components, though the kinetics of NMF component restoration following disruption have not been examined. Here, we investigated the impact of barrier disruption caused by surfactant exposure on a subset of NMF components immediately following exposure and out to 10 days post-exposure. Methods Volunteers wore patches containing either 1% w/v sodium lauryl sulphate (SLS) or distilled water on their forearms for 24 h. Measurements of transepidermal water loss, erythema, SC water content and a subset of SC NMF and lipid components were obtained at both sites before treatment, the day of patch removal, and 1, 2, 3, 6, and 10 days following treatment. Results Most measured NMF components decreased in response to SLS exposure. Exceptions were increases in lactate, ornithine and urea, and no difference in proline levels. In the days following exposure, reduced levels of several NMF components continued at the SLS site; however, all measured NMF components demonstrated equivalence to the vehicle control within 10 days. Histidine pH 7, lactate, ornithine and urea were the first to achieve levels equivalent to the vehicle control site, normalizing within 1 day after patch removal. Conclusion Results imply that NMF components derived from sweat and urea cycling are least impacted by SLS exposure whereas NMF components derived from degradation of filaggrin and/or other S-100 proteins are most impacted. This implies the restoration of the processes responsible for S-100 protein processing into free amino acids takes several days to return to normal. Further examination of the enzymes involved in S-100 protein processing following barrier disruption would provide insight into the pathway(s) for NMF restoration during SC recovery.