link0 link1 link2 link3 link4 link5 link6 link7 link8 link9 link10 link11 link12 link13 link14 link15 link16 link17 link18 link19 link20 link21 link22 link23 link24 link25 link26 link27 link28 link29 link30 link31 link32 link33 link34 link35 link36 link37 link38 link39 link40 link41 link42 link43 link44 link45 link46 link47 link48 link49 link50 link51 link52 link53 link54 link55 link56 link57 link58 link59 link60 link61 link62 link63 link64 link65 link66 link67 link68 link69 link70 link71 link72 link73 link74 link75 link76 link77 link78 link79 link80 link81 link82 link83 link84 link85 link86 link87 link88 link89 link90 link91 link92 link93 link94 link95 link96 link97 link98 link99 link100 link101 link102 link103 link104 link105 link106 link107 link108 link109 link110 link111 link112 link113 link114 link115 link116 link117 link118 link119 link120 link121 link122 link123 link124 link125 link126 link127 link128 link129 link130 link131 link132 link133 link134 link135 link136 link137 link138 link139 link140 link141 link142 link143 link144 link145
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Il miele: un immunomodulatore nella guarigione delle ferite

HoneyIl miele è un prodotto naturale che viene utilizzato nel trattamento delle ustioni e in un ampio spettro di lesioni, tra cui le ferite croniche.
Le sue proprietà cicatrizzanti sono dovute al forte potenziale antibatterico e questa stessa attività è stata recentemente ben caratterizzata nei mieli ad uso medico.
Da qualche tempo, le proprietà immunomodulanti e multifunzionali del miele attirano l'attenzione di tutta comunità scientifica e, in questo contesto, il nostro studio si è posto l'obiettivo di fornire una maggiore comprensione dei potenziali effetti immunomodulatori del miele nella guarigione delle ferite.

Infatti, a seconda della condizione della ferita, il miele e i suoi componenti sono in grado di stimolare o inibire il rilascio di alcune citochine (TNF-α, interleuchina-1β, interleuchina-6) da parte dei monociti e dei macrofagi umani.
Analogamente, il miele sembra ridurre o attivare la produzione di specie reattive dell'ossigeno da parte dei neutrofili in modo dipendente dal microambiente della ferita.
Pertanto, l'attivazione indotta dal miele di questi due tipi di cellule immunitarie potrebbe promuovere il debridement di una ferita ed accelerare il processo di guarigione.

Anche le risposte dei cheratinociti, dei fibroblasti e delle cellule endoteliali umane (come per esempio la migrazione e la proliferazione cellulare, la produzione di matrice di collagene, la chemiotassi) sono influenzate positivamente dalla presenza del miele.
L'attività immunomodulante del miele è molto complessa a causa del coinvolgimento di molti composti quantitativamente variabili tra i mieli di origine diversa, ma l'identificazione di questi singoli composti con il relativo contributo alla guarigione delle ferite è fondamentale per meglio comprenderne i benefici sulle ferite croniche.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Honey: An immunomodulator in wound healing

Rivista: Wound Repair and Regeneration. doi: 10.1111/wrr.12117

Autori: Juraj Majtan

Affiliazioni:Institute of Zoology, Slovak Academy of Sciences, Bratislava, Slovakia Department of Microbiology, Faculty of Medicine, Slovak Medical University, Bratislava, Slovakia

Abstract:
Honey is a popular natural product that is used in the treatment of burns and a broad spectrum of injuries, in particular chronic wounds. The antibacterial potential of honey has been considered the exclusive criterion for its wound healing properties. The antibacterial activity of honey has recently been fully characterized in medical-grade honeys. Recently, the multifunctional immunomodulatory properties of honey have attracted much attention. The aim of this review is to provide closer insight into the potential immunomodulatory effects of honey in wound healing. Honey and its components are able to either stimulate or inhibit the release of certain cytokines (tumor necrosis factor-α, interleukin-1β, interleukin-6) from human monocytes and macrophages, depending on wound condition. Similarly, honey seems to either reduce or activate the production of reactive oxygen species from neutrophils, also depending on the wound microenvironment. The honey- induced activation of both types of immune cells could promote debridement of a wound and speed up the repair process. Similarly, human keratinocytes, fibroblasts, and endothelial cell responses (e.g., cell migration and proliferation, collagen matrix production, chemotaxis) are positively affected in the presence of honey; thus, honey may accelerate reepithelization and wound closure. The immunomodulatory activity of honey is highly complex because of the involvement of multiple quantitatively variable compounds among honeys of different origins. The identification of these individual compounds and their contributions to wound healing is crucial for a better understanding of the mechanisms behind honey- mediated healing of chronic wounds.

BP-PB