link876 link877 link878 link879 link880 link881 link882 link883 link884 link885 link886 link887 link888 link889 link890 link891 link892 link893 link894 link895 link896 link897 link898 link899 link900 link901 link902 link903 link904 link905 link906 link907 link908 link909 link910 link911 link912 link913 link914 link915 link916 link917 link918 link919 link920 link921 link922 link923 link924 link925 link926 link927 link928 link929 link930 link931 link932 link933 link934 link935 link936 link937 link938 link939 link940 link941 link942 link943 link944 link945 link946 link947 link948 link949 link950 link951 link952 link953 link954 link955 link956 link957 link958 link959 link960 link961 link962 link963 link964 link965 link966 link967 link968 link969 link970 link971 link972 link973 link974 link975 link976 link977 link978 link979 link980 link981 link982 link983 link984 link985 link986 link987 link988 link989 link990 link991 link992 link993 link994 link995 link996 link997 link998 link999 link1000 link1001 link1002 link1003 link1004 link1005 link1006 link1007 link1008 link1009 link1010 link1011 link1012 link1013 link1014 link1015 link1016 link1017 link1018 link1019 link1020 link1021
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

I livelli di periostina si correlano con la gravità e la cronicità della malattia nei pazienti con dermatite atopica

PeriostinLa dermatite atopica (AD) è una malattia cronica infiammatoria della pelle nella quale prevalgono le risposte immunitarie di tipo T helper 2 (Th2). I cheratinociti secernono, in modo persistente, le citochine proinfiammatorie e le chemochine, amplificando le risposte di tipo Th2 nell'AD. Le recenti scoperte indicano come la periostina, una proteina della matrice extracellulare indotta dalle citochine Th2, svolga un ruolo critico nella patogenesi di AD.

Obiettivo
Determinare se il livello sierico di periostina si associ con il fenotipo clinico dei pazienti adulti con AD.

Metodi
È stato eseguito il saggio immunoassorbente legato ad un enzima in modo da determinare i livelli di periostina sierica in 257 pazienti adulti con AD, in 66 pazienti con psoriasi volgare (PV) — come controllo della malattia — e in 25 soggetti sani di controllo. In particolare, sono stati analizzati i livelli sierici di periostina insieme alle caratteristiche cliniche ed ai parametri di laboratorio: tra cui la chemochina del timo regolante l'attivazione (TARC), la lattato deidrogenasi (LDH), la conta degli eosinofili nel sangue e le immunoglobuline E (IgE) totali. È stata eseguita l'analisi immunoistochimica per valutare l'espressione della periostina in associazione con i diversi fenotipi clinici di AD; inoltre, è stato valutato l'effetto del trattamento sul livello di periostina sierica.

Risultati
La periostina sierica è stata significativamente più alta nei pazienti con AD rispetto ai pazienti con PV o ai soggetti sani di controllo. Il livello di periostina si è correlato positivamente con la gravità della malattia, con il livello di TARC, di LDH e con la conta degli eosinofili, ma non con il livello di IgE. È stato osservato un più alto livello di periostina sierica nei pazienti con AD estrinseca rispetto a quelli con AD intrinseca, mentre la correlazione positiva con la gravità della malattia è scomparsa nei pazienti con AD intrinseca. È stata rilevata un'espressione consistente di periostina nel derma di pazienti con AD ed eritrodermia, lichenificazione e, in misura minore, anche eritema squamoso. Inoltre, la misurazione seriale della periostina sierica ha messo in evidenza una diminuzione dei livelli di periostina dopo il trattamento per l'AD.

Conclusioni
Il livello di periostina riflette la gravità della malattia e il fenotipo clinico dei pazienti adulti con AD. I nostri risultati suggeriscono che, nel contesto della patogenesi di AD, la periostina può giocare un ruolo critico nella sua gravità e cronicità.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Periostin levels correlate disease severity and chronicity in patients with atopic dermatitis

Rivista: British Journal of Dermatology. doi: 10.1111/bjd.12943

Autori: K. Kou, T. Okawa, Y. Yamaguchi, J. Ono, Y. Inoue, M. Kohno, S. Matsukura, T. Kambara, S. Ohta, K. Izuhara e M. Aihara

Affiliazioni:Department of Environmental Immuno- Dermatology, Yokohama City University Graduate School of Medicine, Yokohama, Japan Shino-Test Corporation, Sagamihara, Japan Department of Dermatology, Yokohama City University Medical Center, Yokohama, Japan Department of Laboratory Medicine, Saga Medical School, Saga, Japan Division of Medical Biochemistry, Department of Biomolecular Sciences, Saga Medical School, Saga, Japan

Abstract:
Background Atopic dermatitis (AD) is a chronic inflammatory skin disease in which T helper 2 (Th2)-type immune responses are dominant. Keratinocytes persistently secrete proinflammatory cytokines and chemokines, amplifying Th2- type responses in AD. Recent findings indicate that periostin, an extracellular matrix protein induced by Th2 cytokines, plays a critical role in the pathogenesis of AD. Objective To determine whether serum periostin level is associated with the clinical phenotype in adult AD patients. Methods An enzyme-linked immunosorbent assay was performed to determine serum periostin levels in 257 adult AD patients, 66 patients with psoriasis vulgaris (PV) as a disease control and 25 healthy control subjects. Serum periostin levels were analysed together with clinical characteristics and laboratory parameters including thymus and activation-regulated chemokine (TARC), lactate dehydrogenase (LDH), blood eosinophil count and total immunoglobulin E (IgE). Immunohistochemical analysis was performed to evaluate periostin expression in association with various clinical phenotypes of AD. The effect of treatment on serum periostin level was also assessed. Results Serum periostin was significantly higher in AD patients than in PV patients and healthy control subjects. The periostin level was found to be positively correlated with disease severity, TARC level, LDH level and eosinophil count, but not IgE level. Higher serum periostin level was observed in extrinsic AD patients compared to intrinsic AD patients, and the positive correlation of disease severity disappeared in patients with intrinsic AD. Robust expression of periostin was detected in the dermis of AD patients with erythroderma, lichenification and, to a lesser extent, scaly erythema. Serial measurement of serum periostin revealed decreased levels of periostin after treatment for AD. Conclusions The periostin level reflects disease severity and clinical phenotype of adult AD patients. Our results suggest that periostin may play a critical role in disease severity and chronicity in the pathogenesis of AD.

BP-PB