link584 link585 link586 link587 link588 link589 link590 link591 link592 link593 link594 link595 link596 link597 link598 link599 link600 link601 link602 link603 link604 link605 link606 link607 link608 link609 link610 link611 link612 link613 link614 link615 link616 link617 link618 link619 link620 link621 link622 link623 link624 link625 link626 link627 link628 link629 link630 link631 link632 link633 link634 link635 link636 link637 link638 link639 link640 link641 link642 link643 link644 link645 link646 link647 link648 link649 link650 link651 link652 link653 link654 link655 link656 link657 link658 link659 link660 link661 link662 link663 link664 link665 link666 link667 link668 link669 link670 link671 link672 link673 link674 link675 link676 link677 link678 link679 link680 link681 link682 link683 link684 link685 link686 link687 link688 link689 link690 link691 link692 link693 link694 link695 link696 link697 link698 link699 link700 link701 link702 link703 link704 link705 link706 link707 link708 link709 link710 link711 link712 link713 link714 link715 link716 link717 link718 link719 link720 link721 link722 link723 link724 link725 link726 link727 link728 link729
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Elettrochemioterapia per la gestione delle metastasi del melanoma cutaneo: una revisione della letteratura e le possibili combinazioni con l'immunoterapia

ElectrochemotherapyNonostante il trattamento chirurgico del tumore primario, circa il 5-10% dei pazienti con melanoma possono sviluppare delle metastasi cutanee o subcutanee.
La presenza di metastasi cutanee diminuisce la qualità di vita dei pazienti.
La loro gestione rappresenta una sfida e dipende da diverse variabili come la dimensione e il numero delle lesioni, la loro posizione, nonché la presenza o l'assenza di metastasi viscerali.

Quando possibile la resezione chirurgica radicale rappresenta l'approccio migliore; invece, se si prevede che la chirurgia non possa fornire un risultato funzionale ragionevole, devono essere considerati dei trattamenti alternativi.
Ad oggi sono disponibili diversi trattamenti locali e loco-regionali per la gestione delle metastasi del melanoma cutaneo come l'elettrochemioterapia e la chemioterapia regionale.
Anche se in diversi studi clinici sono stati osservati dei tassi di risposta elevati, il loro impatto sulla sopravvivenza non è ancora chiaro: per questo motivo si stanno compiendo dei grandi sforzi in modo da migliorarne l'efficacia e minimizzarne la tossicità.

La combinazione di tali trattamenti con l'immunoterapia potrebbe rappresentare una valida strategia per indurre delle risposte durature e migliorare la sopravvivenza.
Infatti, i pazienti trattati regionalmente non hanno la soppressione immunitaria tipica della maggior parte dei trattamenti sistemici, un aspetto che potrebbe compromettere l'efficacia dell'immunoterapia; inoltre, le recenti scoperte suggeriscono che le reazioni infiammatorie successive ai trattamenti citotossici loco-regionali, come l'elettrochemioterapia, possono aumentare l'attività degli agenti immunoterapeutici.
In questo articolo passiamo in rassegna gli studi recenti sull'elettrochemioterapia e le metastasi del melanoma cutaneo e, inoltre, discutiamo il possibile ruolo che potrebbero avere le combinazioni con l'immunoterapia sulla base dei dati forniti dagli studi clinici e dalla ricerca traslazionale.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Electrochemotherapy for the management of melanoma skin metastasis: a review of the literature and possible combinations with immunotherapy

Rivista: Archives of Dermatological Research

Autori: Paola Queirolo, Francesco Marincola, Francesco Spagnolo

Affiliazioni:

Abstract:
Despite surgical treatment of primary tumor, about 5–10 % of melanoma patients will eventually suffer from cutaneous or subcutaneous metastasis. The presence of skin metastases decreases patients’ quality of life. Their management is a challenge and depends on several variables such as size and number of the lesions, their location, the presence or absence of visceral metastasis. When possible, radical surgical resection is the best approach; if surgery is not expected to provide a reasonable functional outcome, alternative treatments must be considered. Several local and loco-regional treatments, such as electrochemotherapy and regional chemotherapy, are available for the management of melanoma skin metastasis. Even if high response rates have been observed in several clinical trials, their impact on survival is not clear. Efforts are being made to improve their efficacy and minimize toxicity. The combination of such treatments with immunotherapy could be a strategy to induce durable responses and improve survival. In fact, regionally treated patients do not have the immune suppression associated with most systemic treatments, which could compromise the efficacy of immunotherapy, and recent findings suggest that the inflammatory reactions following loco-regional cytotoxic treatments, such as electrochemotherapy, may enhance the activity of immunotherapeutic agents. In this manuscript, we review recent studies on electrochemotherapy and melanoma skin metastasis, and we comment about the role that combinations with immunotherapy may have based on the data provided by clinical trials and translational research.

BP-PB