link0 link1 link2 link3 link4 link5 link6 link7 link8 link9 link10 link11 link12 link13 link14 link15 link16 link17 link18 link19 link20 link21 link22 link23 link24 link25 link26 link27 link28 link29 link30 link31 link32 link33 link34 link35 link36 link37 link38 link39 link40 link41 link42 link43 link44 link45 link46 link47 link48 link49 link50 link51 link52 link53 link54 link55 link56 link57 link58 link59 link60 link61 link62 link63 link64 link65 link66 link67 link68 link69 link70 link71 link72 link73 link74 link75 link76 link77 link78 link79 link80 link81 link82 link83 link84 link85 link86 link87 link88 link89 link90 link91 link92 link93 link94 link95 link96 link97 link98 link99 link100 link101 link102 link103 link104 link105 link106 link107 link108 link109 link110 link111 link112 link113 link114 link115 link116 link117 link118 link119 link120 link121 link122 link123 link124 link125 link126 link127 link128 link129 link130 link131 link132 link133 link134 link135 link136 link137 link138 link139 link140 link141 link142 link143 link144 link145
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Aumento dei livelli sierici di interleuchina 33 nei pazienti con dermatite atopica

dermatite atopicaL'interleuchina (IL)-33 è un nuovo membro della famiglia dell'IL-1 e un promotore dell'infiammazione di tipo T helper 2 (Th2). In particolare, l'IL-33 potrebbe essere coinvolta nella patogenesi della dermatite atopica (AD) anche se non sappiamo esattamente quale sia il suo rapporto con la gravità della malattia, con i marker di laboratorio o con i tipi di eruzione nei pazienti con AD.

Obiettivo
Lo scopo di questo studio è stato quello di quantificare i livelli sierici di IL-33 nei pazienti con AD e di esaminarne i rapporti con la gravità della malattia, i marker di laboratorio e i diversi tipi di eruzione.

Metodi
Attraverso il saggio immunoassorbente legato agli enzimi, è stata misurata l'IL-33 su pazienti con AD, orticaria cronica idiopatica, psoriasi e infine su soggetti sani di controllo.

Risultati
I livelli sierici di IL-33 sono stati significativamente più alti nei pazienti con AD rispetto a quelli dei pazienti con orticaria, con psoriasi o ai soggetti sani di controllo; inoltre, si sono correlati con la gravità dell'AD. I livelli di IL-33 si sono correlati significativamente anche con i punteggi della xerosi e della desquamazione, ma non con l'eosinofilia ematica, né con le IgE sieriche, la chemochina sierica del timo regolante l'attivazione o la lattato deidrogenasi sierica. Gli elevati livelli di IL-33 si sono significativamente ridotti dopo che il trattamento farmacologico aveva migliorato le lesioni cutanee. Limitazione Una limitazione dello studio è stata il piccolo numero di soggetti presi in considerazione.

Conclusione
I nostri risultati suggeriscono che l'IL-33, rilasciata dalla pelle danneggiata meccanicamente o con alterazioni della barriera, può aumentare l'infiammazione nell'AD.

Storia della pubblicazione:

Titolo: Increased serum levels of interleukin 33 in patients with atopic dermatitis

Rivista: Journal of the American Academy of Dermatology. Volume 70, Issue 5, Pages 882–888, May 2014

Autori: Risa Tamagawa-Mineoka, Yasutaro Okuzawa, Koji Masuda, Norito Katoh

Affiliazioni:Department of Dermatology, Graduate School of Medical Science, Kyoto Prefectural University of Medicine, Kyoto, Japan

Abstract:
Background Interleukin (IL)-33 is a new member of the IL-1 cytokine family and a promoter of T helper type 2 (Th2) inflammation. IL-33 may be involved in the pathogenesis of atopic dermatitis (AD), but its relationship with disease severity, laboratory markers, and eruption types in patients with AD are unclear. Objective The aim of this study was to quantify serum IL-33 levels in patients with AD and to examine relationships with disease severity, laboratory markers, and eruption types. Methods Serum IL-33 was measured by enzyme-linked immunosorbent assay in patients with AD, chronic idiopathic urticaria, and psoriasis and in healthy control subjects. Results Serum levels of IL-33 were significantly higher in patients with AD compared with those in patients with urticaria and psoriasis and in healthy control subjects, and were correlated with the disease severity of AD. IL-33 levels were also significantly correlated with excoriation and xerosis scores, but not with blood eosinophilia, serum IgE, serum thymus and activation-related chemokine, and serum lactate dehydrogenase. Elevated IL-33 levels were significantly reduced after improvement of skin lesions by drug treatment. Limitation A limitation in the study was the small number of subjects. Conclusion Our results suggest that IL-33 released from mechanically injured or barrier-disrupted skin may increase inflammation in AD.

BP-PB