link438 link439 link440 link441 link442 link443 link444 link445 link446 link447 link448 link449 link450 link451 link452 link453 link454 link455 link456 link457 link458 link459 link460 link461 link462 link463 link464 link465 link466 link467 link468 link469 link470 link471 link472 link473 link474 link475 link476 link477 link478 link479 link480 link481 link482 link483 link484 link485 link486 link487 link488 link489 link490 link491 link492 link493 link494 link495 link496 link497 link498 link499 link500 link501 link502 link503 link504 link505 link506 link507 link508 link509 link510 link511 link512 link513 link514 link515 link516 link517 link518 link519 link520 link521 link522 link523 link524 link525 link526 link527 link528 link529 link530 link531 link532 link533 link534 link535 link536 link537 link538 link539 link540 link541 link542 link543 link544 link545 link546 link547 link548 link549 link550 link551 link552 link553 link554 link555 link556 link557 link558 link559 link560 link561 link562 link563 link564 link565 link566 link567 link568 link569 link570 link571 link572 link573 link574 link575 link576 link577 link578 link579 link580 link581 link582 link583
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Un confronto tra il laser Q-switched Nd:YAG in aggiunta alla fototermolisi frazionale da 1550 nm e la monoterapia Q-switched Nd:YAG, per il melasma facciale della pelle asiatica

melasma3Il melasma è un comune disturbo della pigmentazione che pone una sostanziale sfida terapeutica. La terapia combinata potrebbe essere utile negli Asiatici dove predomina un tipo misto di melasma.

 

Obiettivo:

Abbiamo cercato di valutare l'efficacia e la sicurezza del trattamento con Q-switched Nd:YAG da 1064 nm (QSNY 1064) e del trattamento con fototermolisi frazionale erbio-dopato non ablativa (NFP) da 1550 nm per il melasma Asiatico.

Metodi:

Si è trattato di uno studio di metà faccia, nel quale sono stati trattati 26 pazienti con QSNY 1064 (dimensione dello spot 6 mm, fluenza 1.2-1.4 J/cm2) per 10 sedute ad intervalli di 2 settimane su tutto il viso, e con il NFP (modalità dinamica, energia dell'impulso 6-8 mJ/zona di trattamento microtermica (MTZ); densità totale di 300 MTZs/cm2) per cinque sedute ad intervalli di 4 settimane e su un solo lato del viso.

Sono state modificate le variabili di efficacia: l'Indice di Area e Severità del Melasma (mMASI), la valutazione globale del medico (PhGA), e la valutazione globale soggettiva del paziente (PGA). Attraverso la segnalazione degli eventi avversi, ne è stata valutata la sicurezza. Risultati: La percentuale di miglioramento soggettivo è stata praticamente identica per entrambi i lati.

L'mMASI ha corroborato la stima soggettiva dei pazienti, sia in termini di grado di miglioramento che di mancanza di differenza tra i lati trattati con QSNY 1064 + NFP e quelli trattati con QSNY 1064. Per entrambi i lati, non sono stati riportati gravi effetti collaterali.

Conclusioni:

I nostri risultati non supportano l'ipotesi che NFP fornisca un sostanziale beneficio nel trattamento del melasma se confrontato con il solo trattamento QSNY 1064.

Storia della pubblicazione:

Titolo: A split-face comparison of low-fluence Q-switched Nd: YAG laser plus 1550 nm fractional photothermolysis vs. Q- switched Nd: YAG monotherapy for facial melasma in Asian skin.

Rivista: J Cosmet Laser Ther. 2013 Apr 22.

Autori: Kim HS, Kim EK, Jung KE, Park YM, Kim HO, Lee JY.

Affiliazioni:Department of Dermatology, Seoul St. Mary's Hospital, The Catholic University of Korea , Seoul , Korea.

Abstract:
Background: Melasma is a common pigmentary disorder which poses substantial therapeutic challenge. Combined therapy may be beneficial in Asians, where mixed type melasma is dominant. Objective: We sought to assess the efficacy and safety of a 1064 nm Q-switched Nd: YAG (1064 QSNY) and a nonablative 1550 nm erbium- doped fractional photothermolysis (NFP) treatment in Asian melasma. Methods: This was a split face study, in which 26 patients were treated with the 1064 QSNY (6 mm spot size, 1.2-1.4 J/cm2 fluence) for 10 sessions at 2-week intervals to the entire face, and with the NFP (dynamic mode, pulse energy 6- 8 mJ/microthermal zone (MTZ); total density 300 MTZs/cm2) for five sessions at 4-week intervals to the experimental side of the face. Efficacy variables were modified Melasma Area and Severity Index (mMASI), the physician's global assessment (PhGA), and patient's subjective global assessment (PGA). Safety was evaluated through the reporting of adverse events. Results: The percentage of subjective improvement was virtually identical on both sides. The mMASI corroborated the patients' subjective estimate, both in terms of the degree of improvement and the lack of difference between the 1064 QSNY + NFP and the 1064 QSNY treated sides. No serious side effects were reported in either side. Conclusions: Our findings do not support the hypothesis of NFP providing a substantial benefit in treating the melasma when compared with the lone treatment of the 1064 QSNY.