link1314 link1315 link1316 link1317 link1318 link1319 link1320 link1321 link1322 link1323 link1324 link1325 link1326 link1327 link1328 link1329 link1330 link1331 link1332 link1333 link1334 link1335 link1336 link1337 link1338 link1339 link1340 link1341 link1342 link1343 link1344 link1345 link1346 link1347 link1348 link1349 link1350 link1351 link1352 link1353 link1354 link1355 link1356 link1357 link1358 link1359 link1360 link1361 link1362 link1363 link1364 link1365 link1366 link1367 link1368 link1369 link1370 link1371 link1372 link1373 link1374 link1375 link1376 link1377 link1378 link1379 link1380 link1381 link1382 link1383 link1384 link1385 link1386 link1387 link1388 link1389 link1390 link1391 link1392 link1393 link1394 link1395 link1396 link1397 link1398 link1399 link1400 link1401 link1402 link1403 link1404 link1405 link1406 link1407 link1408 link1409 link1410 link1411 link1412 link1413 link1414 link1415 link1416 link1417 link1418 link1419 link1420 link1421 link1422 link1423 link1424 link1425 link1426 link1427 link1428 link1429 link1430 link1431 link1432 link1433 link1434 link1435 link1436 link1437 link1438 link1439 link1440 link1441 link1442 link1443 link1444 link1445 link1446 link1447 link1448 link1449 link1450 link1451 link1452 link1453 link1454 link1455 link1456 link1457 link1458 link1459
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

La diagnostica micologica nell'ambulatorio professionale: intervista alla Prof.ssa Manuela Papini

papiniLe patologie micotiche di cute ed annessi costituiscono un rilievo quotidiano della professione del dermatologo. La quantità di approfondimenti e comunicazioni in ambito congressuale non sembra tuttavia proporzionale alla rilevanza di questo interessantissimo campo ed è ormai di raro riscontro il dermatologo che compie diagnosi micologica nel proprio ambulatorio.

 

Per queste motivazioni abbiamo intervistato una eccellenza italiana nel campo delle micosi, la professoressa Manuela Papini, Coordinatore Scientifico di Sezione Clinica Dermatologica e Venereologica a Terni

 

 

 

 

INderma:
Le micosi superficiali sono patologie di frequentissimo riscontro dermatologico. Quali sono le forme emergenti?

 

onicomicosi1Onicomicosi sottoungueale con interessamento della lunula

Prof.ssa Papini:Le micosi cutanee sono forse le infezioni superficiali più diffuse in tutto il mondo. L’epidemiologia delle numerose forme di micosi varia notevolmente nei diversi Paesi del mondo e nel tempo, in funzione di molti fattori, da quelli ambientali, alle condizioni socio-economiche, ai movimenti migratori, alle abitudini di vita, allo stato generale del soggetto (immunodepressione, diabete, altre malattie favorenti). Molti di questi fattori sono strettamente connessi tra loro.

 

Un esempio paradigmatico è sicuramente l’epidemiologia della tinea capitis. Negli anni ’70-’80 del secolo scorso, la tigna del capillizio in Europa occidentale era abbastanza comune tra i bambini in età scolare e causata in oltre il 90% dei casi dal Microsporum canis. Attualmente, l’epidemiologia di questa dermatofitosi è cambiata ed è divenuta molto diversa in nazioni europee, quali l’Italia e la Spagna da un lato e il Regno Unito e la Francia dall’altro, che apparentemente hanno condizioni socio-economiche e stili di vita del tutto simili. Nel nostro Paese, come in Spagna, la tinea capitis ha oggi una frequenza relativamente ridotta rispetto al passato e continua ad essere causata soprattutto dal M. canis, mentre in Francia e nei paesi nord-europei la maggior parte dei casi di tigna è causata da miceti antropofili, quali il Trichophyton violaceum e il T. tonsurans, reintrodotti in Europa con le migrazioni dall’Africa e dall’Asia, e mostra un andamento endemico-epidemico nelle scolaresche e nei nuclei familiari di ceto sociale medio-basso.

Attualmente, in Italia, le micosi cutanee emergenti sono sicuramente la tinea pedis e le onicomicosi, soprattutto quelle dei piedi. Entrambe sono favorite da molteplici fattori ambientali e da alcuni stili di vita sempre più diffusi tra la popolazione: l’uso di calzature occlusive (scarpe antinfortunistiche, scarpe sportive) e la condivisione di impianti igienici tra più persone (luoghi di lavoro, impianti sportivi e ricreativi). Anche l’allungamento della vita media favorisce notevolmente queste due micosi, sia per l’aumento progressivo dell’esposizione al contagio, sia per la frequente presenza nell’anziano di comorbidità predisponenti, quali diabete, insufficienza vascolare periferica, immunocompromissione. Tinea pedis e onicomicosi, peraltro, sono strettamente legate tra loro: il 20-30% dei soggetti con tinea pedis hanno anche una o più unghie malate e oltre il 70% dei pazienti con onicomicosi presenta anche una tinea pedis, spesso minima o misconosciuta.

INderma:
Le onicomicosi costituiscono il 30% di tutte le forme micotiche superficiali ed il 50% di tutte le onicopatie, quando il trattamento sistemico è giustificato e come deciderne la durata?

 

onicomicosi2Onicomicosi bianca superficiale

Prof.ssa Papini:La terapia di qualsiasi malattia cutanea dovrebbe essere, come dicono gli anglosassoni, tailored on the person, ovvero scelta “su misura del paziente”. L’onicomicosi non fa eccezione. Nel decidere la scelta della terapia topica o sistemica si devono considerare la localizzazione e il tipo di onicomicosi, il numero di unghie colpite, l’agente eziologico, le condizioni generali del paziente, le eventuali terapie sistemiche in uso che potrebbero interagire con gli antimicotici orali, ma anche preferenze del paziente, le sue capacità di eseguire correttamente la terapia e gli aspetti economici (terapia orale dispensata dal SSN, terapia topica totalmente a carico del paziente). Questi ultimi fattori possono essere determinanti per l’aderenza alla terapia e quindi per il successo terapeutico.

 

In generale, le linee-guida italiane ed europee consigliano di impiegare sempre la terapia sistemica in tutte le forme di onicomicosi da dermatofiti, tranne nella forma bianca superficiale per la quale è sufficiente la terapia topica. L’antimicotico orale di prima scelta in queste forme è la terbinafina 250 mg/dì e la durata del trattamento consigliata è di almeno 12 settimane per le unghie dei piedi e 8 settimane per le mani. L’itraconazolo può essere vantaggioso quando si voglia attuare una terapia pulsata, somministrando 400 mg/dì per una settimana al mese per almeno 2 cicli per le mani e 6 cicli per i piedi. Il periodo di trattamento che consigliano le linee-guida è, naturalmente, solo indicativo, perché inrealtà deve essere adeguato, caso per caso, in base alla risposta terapeutica.

Nelle onicomicosi da muffe, la scelta della terapia dipende molto dall’agente eziologico; molte muffe (Aspergilli, Scopulariopsis) rispondono alla terbinafina o all’itraconazolo orale, ma alcune (Fusarium) sono spesso resistenti e in questi casi occorre spesso associare l’avulsione della lamina ungueale (chimica e/o chirurgica) con un’accurata terapia topica.

 

onicomicosi3Onicomicosi bianca superficiale profonda

Nelle onico-perionissi da lieviti delle mani la terapia topica è spesso sufficiente, ma in caso di insuccesso, la terapia orale di prima scelta è quella con itraconazolo, in schema continuativo (200 mg/dì per almeno 6 settimane) o pulsato.

 

Anche quando si decida di adottare una terapia sistemica, la terapia topica ha comunque un ruolo importante nel ridurre la contagiosità, importante soprattutto nelle forme da dermatofiti, e per accelerare la guarigione.

Importante, in tutti i casi, è la ricerca e rimozione (ove possibile) dei fattori predisponenti, spiegando al paziente l’importanza del cambiamento di alcune abitudini quotidiane, per esempio l’uso dei guanti nelle onicomicosi delle mani o l’adozione di idonee calzature per le forme dei piedi.

 

INderma:
E’ sempre più raro trovare colleghi dermatologi che eseguano esami microscopici diretti e colturali nel proprio ambulatorio. Quali sono le ragioni secondo lei?

 

Prof.ssa Papini:Gli esami micologici microscopico e colturale dovrebbero essere sempre eseguiti non solo per confermare la diagnosi, ma anche per identificare l’agente eziologico. Queste indagini sono di semplice esecuzione, ma è sempre più difficile trovare laboratori di riferimento capaci di eseguirli correttamente. Questa è forse una delle ragioni che portano molti colleghi a non richiedere tali indagini, ma molto più spesso alla base di questo comportamento c’è l’erronea

onicomicosi4Onicomicosi prossimale associata a tinea pedis cronica a mocassino in soggetto HIV+

credenza che la diagnosi di micosi cutanea sia essenzialmente clinica e non necessiti di una conferma di laboratorio. Molti colleghi, inoltre, non hanno le capacità tecniche per eseguire tali indagini, perché non le hanno acquisite nel corso della loro formazione specialistica.

 

 

INderma:
Dedicare nel proprio ambulatorio una piccola sezione per gli esami mitologici diretti colturali, comporta la richiesta alla ASL qualche adempimento burocratico?

 

Prof.ssa Papini: Dedicare una piccola sezione per gli esami micologici nel proprio ambulatorio può essere semplice dal punto di vista tecnico, molto meno da quello burocratico. L’esecuzione dell’esame microscopico e colturale a completamento della visita e senza refertazione è fattibile, ma se si vuole eseguire “ufficialmente” degli esami micologici è necessario avere un’autorizzazione dell’ASL per l’esecuzione di indagini di laboratorio. Ogni Regione ha poi proprie normative alle quali occorre fare riferimento. Forse un buon compromesso potrebbe essere quello di eseguire personalmente i prelievi (cosa che non richiede alcuna autorizzazione particolare) e accordarsi con un laboratorio analisi già autorizzato per l’esecuzione delle indagini (eventualmente partecipando personalmente alla lettura dell’esame microscopico e colturale).

 

INderma:
Supponendo che un collega voglia iniziare a fare esami mitologici diretti e colturali, di quale budget ha bisogno?

 

onicomicosi5Onicomicosi distrofica totale di entrambi gli alluci

Prof.ssa Papini:Il budget per allestire un piccolo laboratorio di micologia dermatologica (per il quale si deve avere comunque un locale, anche piccolo, dedicato a questa funzione) è molto contenuto. Innanzi tutto occorre un buon microscopio da studio ( in commercio se ne trovano di buoni e adeguati a meno di 1000 €) e dei semplici attrezzi per il prelievo: bisturi e/o lame monouso, tronchesi da unghie, curette monouso, pinzette da peli, provette monouso per la conservazione dei campioni. La spesa iniziale è solo questa, poi si dovranno acquistare i materiali di consumo: per l’esecuzione dell’esame microscopico occorrono solo dei vetrini porta- e coprioggetto e una soluzione di KOH al 40%; per l’esame colturale occorrono piastre di terreno di Sabouraud già pronte, che possono essere acquistate da ditte specializzate a costi intorno ad 1-2 € ciascuna.

 

INderma:

 

La ringraziamo per il tempo che ci ha dedicato e cogliamo l'occasione per rendere noto ai colleghi che il 20 settembre inizierà il suo corso teorico-pratico a Terni proprio su questi argomenti.

I posti disponibili sono molto limitati; per assicurasi la possibilità di partecipare è necessario affrettarsi ad iscriversi.

Ulteriori dettagli sul corso