link1606 link1607 link1608 link1609 link1610 link1611 link1612 link1613 link1614 link1615 link1616 link1617 link1618 link1619 link1620 link1621 link1622 link1623 link1624 link1625 link1626 link1627 link1628 link1629 link1630 link1631 link1632 link1633 link1634 link1635 link1636 link1637 link1638 link1639 link1640 link1641 link1642 link1643 link1644 link1645 link1646 link1647 link1648 link1649 link1650 link1651 link1652 link1653 link1654 link1655 link1656 link1657 link1658 link1659 link1660 link1661 link1662 link1663 link1664 link1665 link1666 link1667 link1668 link1669 link1670 link1671 link1672 link1673 link1674 link1675 link1676 link1677 link1678 link1679 link1680 link1681 link1682 link1683 link1684 link1685 link1686 link1687 link1688 link1689 link1690 link1691 link1692 link1693 link1694 link1695 link1696 link1697 link1698 link1699 link1700 link1701 link1702 link1703 link1704 link1705 link1706 link1707 link1708 link1709 link1710 link1711 link1712 link1713 link1714 link1715 link1716 link1717 link1718 link1719 link1720 link1721 link1722 link1723 link1724 link1725 link1726 link1727 link1728 link1729 link1730 link1731 link1732 link1733 link1734 link1735 link1736 link1737 link1738 link1739 link1740 link1741 link1742 link1743 link1744 link1745 link1746 link1747 link1748 link1749 link1750 link1751
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Consiglio Superiore della Sanità: può l’odontoiatra eseguire la medicina estetica?

istituto-superiore-di-sanitaIl 15 Luglio 2014 il Consiglio Superiore di Sanità "Esprime parere favorevole all'esecuzione, da parte dell'Odontoiatra, di terapie con finalità estetiche, solo dove queste siano destinate, ai sensi della Legge 24 luglio 1985, n.409, alla terapia delle malattie ed anomalie congenite ed acquisiste dei denti, della bocca, delle mascelle e dei relativi tessuti e solo ove contemplate in un protocollo di

cura odontoiatrica ampio e completo proposto al paziente, tale da rendere la cura estetica "correlata" , e non esclusiva, all'intero iter terapeutico odontoiatrico proposto al paziente medesimo, e comunque limitatamente alla zona labiale. Le terapie attuate non potranno, tuttavia, essere eseguite con l'impiego di dispositivi medici e farmaci immessi in commercio per finalità terapeutiche diverse dalla cura di zone anatomiche che sfuggono alle previsioni dell'Art. 2 della Legge 409/85."

Il testo, che viene a seguito di richiesta da parte dell'ordine dei medici e odontoiatri di Roma sulle competenze degli odontoiatri nel campo della medicina estetica, è di fatto assai rilevante. Al riguardo abbiamo sentito anche il parere del Dott. Valerio Cirfera, Presidente CeSIDeL "Vanni Labrini" (Centro Studi Italiano Dermatologia legale) e segretario del direttivo AIDA.

E' dunque finito il tempo della medicina estetica eseguita dagli odontoiatri?

Con questo parere, il Consiglio Superiore della Sanità, si esprime sulla possibilità professionale degli odontoiatri non medici di estendere il proprio campo d'azione operativo dalla cavità orale alle regioni anatomiche limitrofe e a tutto il viso.
Tale "Chance" aveva, a suo tempo, indotto le società di medicina estetica italiane a esporre ufficialmente la problematica con tutte le sue criticità al Ministero della Sanità, dal momento che l'operato dell'odontoiatra poteva presumibilmente configurarsi come abuso di professione. In buona sostanza il parere del Consiglio Superiore di Sanità si sofferma su tre parametri o requisiti operativi, che nel loro complesso riducono alquanto il campo di intervento dell'odontoiatra:

dente-11. il limite del distretto anatomico di competenza (individuata nella zona labiale)
2. il requisito delle accessorietà delle cure con finalità estetica rispetto a quelle odontoiatriche
3. divieto dell'utilizzo di dispositivi medici e farmaci che non fanno parte di quelli previsti dell'Art. 2 della Legge 409/85 (e cioè quelli che utilizzano per il loro lavoro di odontoiatri)

Orbene, tali limitazioni non assurgono a funzione di legge, ma costituiscono un parere, sia pur ufficiale, da parte di un ente ministeriale. Pur non costituendo legge, nella sostanza il parere ha, comunque, una valenza e un'importanza massimale, in quanto potrebbe essere fatto valere allorquando insorgessero dei contenziosi giudiziari o extragiudiziari con prevedibile soccombenza dell'odontoiatra a cui venissero contestati livelli ed estensioni operative non appropriati per la funzione della propria laurea.
Nel merito, l'odontoiatra, può occuparsi di migliorare l'aspetto estetico dei suoi pazienti-clienti solo ed esclusivamente per quanto riguarda la cavità orale sino alle labbra comprese, e comunque esclusivamente nell'ambito di un programma diagnostico-terapeutico avente come riferimento oggettivo di intervento il cavo orale e l'apparato dentale, a completamento della propria opera armonica che "guarda" alle labbra come al confine anatomo-funzionale del distretto corporeo di cui l'odontoiatra si occupa.
L'intervento a finalità estetiche sulle labbra (l'unico permesso), non può essere comunque perseguito con farmaci o dispositivi medici che non siano necessari all'esercizio della loro normale professione di odontoiatra (dell'Art. 2 della Legge 409/85).
Quest'ultimo punto limita oggettivamente la gran parte dei mezzi utilizzati nella medicina estetica fra cui citiamo solo per esempio la radiofrequenza, la tossina botulinica, i filler in genere i laser per uso cutaneo, la luce pulsata e così via.

Valerio Cirfera & Giovanni Menchini