link1022 link1023 link1024 link1025 link1026 link1027 link1028 link1029 link1030 link1031 link1032 link1033 link1034 link1035 link1036 link1037 link1038 link1039 link1040 link1041 link1042 link1043 link1044 link1045 link1046 link1047 link1048 link1049 link1050 link1051 link1052 link1053 link1054 link1055 link1056 link1057 link1058 link1059 link1060 link1061 link1062 link1063 link1064 link1065 link1066 link1067 link1068 link1069 link1070 link1071 link1072 link1073 link1074 link1075 link1076 link1077 link1078 link1079 link1080 link1081 link1082 link1083 link1084 link1085 link1086 link1087 link1088 link1089 link1090 link1091 link1092 link1093 link1094 link1095 link1096 link1097 link1098 link1099 link1100 link1101 link1102 link1103 link1104 link1105 link1106 link1107 link1108 link1109 link1110 link1111 link1112 link1113 link1114 link1115 link1116 link1117 link1118 link1119 link1120 link1121 link1122 link1123 link1124 link1125 link1126 link1127 link1128 link1129 link1130 link1131 link1132 link1133 link1134 link1135 link1136 link1137 link1138 link1139 link1140 link1141 link1142 link1143 link1144 link1145 link1146 link1147 link1148 link1149 link1150 link1151 link1152 link1153 link1154 link1155 link1156 link1157 link1158 link1159 link1160 link1161 link1162 link1163 link1164 link1165 link1166 link1167
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Un nuovo test capace di identificare il rischio metastatico dei melanomi al primo stadio

melanoma0906Due terzi dei pazienti affetti da melanoma che successivamente sono soggetti a metastasi o muoiono, ricevono una diagnosi durante il primo stadio della malattia, perciò è importante determinare il rischio di metastasi nei pazienti con melanoma al primo stadio. Circa il 75% dei pazienti affetti da melanoma viene diagnosticato durante i primi stadi della malattia (stadio I o II).

 

Secondo uno studio pubblicato nel numero di Gennaio di Clinical Cancer Research, un nuovo strumento prognostico basato su una firma genetica a 28 geni (DecisionDx-Melanoma, Castle Biosciences) potrebbe essere in grado di prevedere quali pazienti affetti da melanoma allo stadio I o II, sono ad alto rischio di metastasi e potrebbe influenzare il trattamento clinico di questi pazienti.

La firma a 28 geni è predittiva del rischio del paziente di sviluppare metastasi, indipendentemente da fattori quali la posizione nel sistema di classificazione del melanoma del Joint Committee on Cancer (AJCC), lo spessore di Breslow , la presenza di ulcerazioni, tasso mitotico ed età.

"Il comportamento dei melanomi è molto variabile e spesso non può essere pronosticato con precisione tramite i tradizionali sistemi di classificazione", ha dichiarato in un comunicato stampa l'autore dello studio Pedram Gerami, professore di dermatologia e direttore del programma di ricerca sul melanoma dell'istituto di ricerca sul cancro della Northwestern University di Chicago.

"Questi risultati dimostrano che una firma genetica può prevedere con precisione il rischio di metastasi, soprattutto in tumori classificati come a basso rischio metastatico a causa di fattori come lo stadio della malattia, le dimensioni ed altre caratteristiche. Il test potrebbe avere un significativo impatto sul piano clinico e sui risultati a lungo termine del trattamento di questi pazienti", ha aggiunto.

"Il set di dati proposti a sostegno del metodo basato sulla firma a 28 geni è ridotto, ma i dati sono convincenti" ha dichiarato Jeffrey J. Sussman, professore di chirurgia e direttore della divisione di oncologia chirugica presso la School of Medicine della Cincinnati University e non coinvolto nello studio che nel corso della propria pratica clinica impiega questo tipo di test su pazienti con linfonodo negativo e con fattori di rischio più elevato (fase IIa/IIb).

Nello studio, i pattern di espressione genica (GEP) sono stati analizzati in campioni fissati in formalina e inclusi in paraffina ottenuti da biopsie o procedure di escissione di melanomi primitivi.

L'RNA dei campioni è stato convertito in DNA complementare, amplificato e caricato su un chip contenente "28 geni discriminanti bersaglio" e tre geni di controllo.

I 28 geni sono stati selezionati a partire da banche dati pubbliche di melanomi primitivi; la società ha effettuato analisi accurate per identificare i geni che potrebbero indicare una malattia ad alto rischio di metastasi ed ha scoperto che, nel melanoma aggressivo, alcuni di questi geni sono sovraregolati mentre alti sono sottoregolati.

I GEP sono stati usati per classificare pazienti con melanoma di stadio I o II come a basso rischio (classe 1) o ad altro rischio (classe 2).

La firma a 28 geni è stata stabilita in coorti di sviluppo e di formazione ed è stata convalidata in una coorte indipendente composta da 104 pazienti, 35 dei quali hanno sviluppato condizioni metastatiche. Il tempo di follow-up per i pazienti che non hanno sviluppato metastasi è stato di 7,3 anni.

Nella coorte di validazione, 61 pazienti sono stati classificati come aventi un GEP a basso rischio, mentre 43 sono stati classificati ad alto rischio.

La sopravvivenza a cinque anni in assenza di malattia, era significativamente migliore per i pazienti a basso rischio nella coorte che per quelli ad alto rischio (97% contro 31%, P < .0001); questo confronto si allinea con i tassi a 5 anni visti nella coorte di sviluppo (100% contro 38%).

Quando le coorti di sviluppo e di validazione sono state combinate (n=220), i GEP hanno identificato con precisione il 90% dei pazienti senza prova documentata di metastasi e l'80% di quelli con metastasi documentata.

Il metodo con firma a 28 geni è stato convalidato in modo indipendente in una coorte di 217 pazienti con biopsia del linfonodo sentinella negativo, ha dichiarato Derek Maetzold, presidente e CEO di Castle Biosciences. Egli ha inoltre riferito che lo studio di questa coorte di validazione è attualmente in fase di pubblicazione.

 

Cambiamenti nella gestione clinica dei pazienti

 

Il test a 28 geni ha mostrato una significativa capacità di identificare con precisione i pazienti ad alto rischio metastasi e di conseguenza il tasso di mortalità, ha dichiarato il Dr. Gerami. Il sistema di classificazione AJCC ha dei limiti: due terzi dei pazienti che muoiono sono inizialmente diagnosticati con melanomi allo stadio I o II e non vengono classificati come ad alto rischio sull abase della biopsia del linfonodo sentinella, ha proseguito. La firma a 28 geni potrebbe cambiare la gestione clinica dei pazienti con melanoma in stadio precoce: i pazienti con malattia in stadio I e II sono in genere seguiti in cliniche dermatologiche o generiche, dove vengono sottoposti ad esami della pelle ma non al rigoroso protocollo di imaging dei pazienti con melanoma al III stadio. Tuttavia, ora che ci sono nuove opzioni di trattamento per il melanoma, l'identificazione dei pazienti ad alto rischio di metastasi è importantissima, ha detto il Dr. Gerami.

"I pazienti che presentano una firma ad alto rischio possono essere monitorati più frequentemente e sottoposti ad ulteriori test per individuare le metastasi al più presto", ha detto Alexander Miller, chirugo oncologico specializzato in cancro al seno e melanoma della South Texas Oncology and Hematology di San Antonio, che usa regolarmente il test.

 

Commercializzazione del test

 

"Castle Biosciences ha dato il via agli ordini per questo test nel 2013, dopo il completamento dei primi due stadi di valutazione clinica" ha dichiarato Maetzold. "Il test viene ordinato principalmente da chirurghi e dermatologi per migliorare la gestione di pazienti con diagnosi di malattia in stadio precoce" ha spiegato. "I chirurghi oncologici utilizzano il test principalment eper monitorare adeguatament ei paziente un biopsia del linfonodo sentinella negativo" ha aggiunto.

Maetzold ha anche fatto notare che i dati degli studi clinici dimostrano che ilt esto non è indicato per paziente con linfonodo positivo o con malattia in stadio III. Ha però dichiarato che spera che i primi due studi forniscano prove sufficienti per la commissione NCCN a considerare l'inclusione del test nelle future linee guida per la pratica clinica ed il monitoraggio dei pazienti che non sono considerati a rischio sulla base dei criteri di classificazione tradizionali. Maetzold pensa che il test dovrebbe essere impiegato in tutti i pazienti con melanoma allo stadio I o II.

 

Riferimenti:

Clin Cancer Res. 2015;21(1):175-183.