link0 link1 link2 link3 link4 link5 link6 link7 link8 link9 link10 link11 link12 link13 link14 link15 link16 link17 link18 link19 link20 link21 link22 link23 link24 link25 link26 link27 link28 link29 link30 link31 link32 link33 link34 link35 link36 link37 link38 link39 link40 link41 link42 link43 link44 link45 link46 link47 link48 link49 link50 link51 link52 link53 link54 link55 link56 link57 link58 link59 link60 link61 link62 link63 link64 link65 link66 link67 link68 link69 link70 link71 link72 link73 link74 link75 link76 link77 link78 link79 link80 link81 link82 link83 link84 link85 link86 link87 link88 link89 link90 link91 link92 link93 link94 link95 link96 link97 link98 link99 link100 link101 link102 link103 link104 link105 link106 link107 link108 link109 link110 link111 link112 link113 link114 link115 link116 link117 link118 link119 link120 link121 link122 link123 link124 link125 link126 link127 link128 link129 link130 link131 link132 link133 link134 link135 link136 link137 link138 link139 link140 link141 link142 link143 link144 link145
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Uno studio mette in dubbio la necessità di interrompere gli anticoagulanti prima degli interventi di chirurgia plastica

blood-platelets

Secondo un recente studio, la terapia con anticoagulanti e antipiastrinici può essere continuata anche nel periodo peri-operatorio nei casi di chirurgia plastica facciale, senza aumento del rischio di complicazioni.

Il Dr. Jeffrey S. Moyer, primario di Chirurgia Plastica Facciale e Ricostruttiva presso l'Università del Michigan, crede che i risultati dello studio porteranno ad un "cambiamento della pratica clinica per molti medici, in quanto la sospensione di aspirina o coumadin è una pratica standard per i chirurghi che praticano questo tipo di interventi".

Il Dr. Moyer e colleghi hanno analizzato i tassi di complicazioni in 320 pazienti sottoposti ad interventi di chirurgia plastica facciale contemporaneamente alla somministrazione di farmaci anticoagulanti e/o antipiastrinici (aspirina, clopidogrel o warfarina) rispetto ad un gruppo di controllo di 320 pazienti che non seguivano terapie di questo tipo nel periodo peri-operatorio.

Secondo quanto riportato nello studio, 42 pazienti (13.1%) appartenenti al gruppo in terapia con anticoagulanti o antipiastrinici hanno mostrato almeno una complicazione, rispetto ai 52 pazienti (16,2%) con complicazioni del gruppo di controllo. Cinque pazienti in ciascun gruppo sono incorsi in una complicazione di tipo grave (1,6%).

I pazienti in terapia con aspirina al momento dell'intervento non hanno mostrato un innalzamento nella propensione ad incorrere in complicazioni rispetto al gruppo di controllo (odds ratio 0,73). Anche i pazienti in terapia con aspirina e clopidogrel non hanno mostrato alcun aumento nel rischio di complicazioni.

"Questi dati sono coerenti con la maggior parte degli studi pubblicati sul tema, che hanno mostrato come l'aspirina possa essere assunta nel periodo peri-operatorio senza un aumento significativo del rischio di complicazioni", hanno dichiarato i ricercatori.

I pazienti in terapia con warfarina hanno mostrato un aumento del rischio emorragico nel periodo peri-operatorio e un maggior rischio di infezioni post-operatorie (odds ratios del 3,80 e del 7,29 rispettivamente). Nessuno dei pazienti in terapia con warfarina e aspirina ha mostrato complicazioni significative dal punto di vista statistico, a causa anche del ridotto numero di partecipanti con queste caratteristiche, ma i ricercatori sottolineano come
questo sottogruppo abbia mostrato una marcata tendenza ad esibire più complicazioni peri-operatorie.

Tuttavia, nei pazienti che hanno proseguito la terapia con warfarina nel periodo peri-operatorio non è stato riscontrato un aumento di complicazioni gravi come necrosi, deiescenza o ritorno in sala operatoria.

"La decisione di interrompere i farmaci anticoagulanti e/o antipiastrinici richiede una valutazione qualitativa e quantitativa dei rischi connessi con la prosecuzione o la sospensione di questi farmaci," hanno commentato i ricercatori.

"I dati che mostrano il mancato aumento di complicazioni a fronte dell'assunzione di aspirina o di serie complicazioni a fronte dell'assunzione di coumadin (nonostante i tassi di infezione più alti riscontrati in caso di terapia con coumadin) sembrano suggerire che continuare la terapia con questi farmaci nel periodo peri-operatorio possa scongiurare la comparsa di complicazioni più serie associate alla loro sospensione (ad esempio, ictus o morte)".

I ricercatori hanno aggiunto: "i pazienti in terapia con più farmaci di questo tipo dovrebbero essere passati ad una terapia che ne preveda uno solo, dato l'aumento nel rischio di complicazioni".

 

Riferimenti:

JAMA Facial Plastic Surgery, 42