link1168 link1169 link1170 link1171 link1172 link1173 link1174 link1175 link1176 link1177 link1178 link1179 link1180 link1181 link1182 link1183 link1184 link1185 link1186 link1187 link1188 link1189 link1190 link1191 link1192 link1193 link1194 link1195 link1196 link1197 link1198 link1199 link1200 link1201 link1202 link1203 link1204 link1205 link1206 link1207 link1208 link1209 link1210 link1211 link1212 link1213 link1214 link1215 link1216 link1217 link1218 link1219 link1220 link1221 link1222 link1223 link1224 link1225 link1226 link1227 link1228 link1229 link1230 link1231 link1232 link1233 link1234 link1235 link1236 link1237 link1238 link1239 link1240 link1241 link1242 link1243 link1244 link1245 link1246 link1247 link1248 link1249 link1250 link1251 link1252 link1253 link1254 link1255 link1256 link1257 link1258 link1259 link1260 link1261 link1262 link1263 link1264 link1265 link1266 link1267 link1268 link1269 link1270 link1271 link1272 link1273 link1274 link1275 link1276 link1277 link1278 link1279 link1280 link1281 link1282 link1283 link1284 link1285 link1286 link1287 link1288 link1289 link1290 link1291 link1292 link1293 link1294 link1295 link1296 link1297 link1298 link1299 link1300 link1301 link1302 link1303 link1304 link1305 link1306 link1307 link1308 link1309 link1310 link1311 link1312 link1313
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Sorprendente caso di melanoma scomparso dopo una sola dose di immunoterapia

melanoma immunoterapia

"Un minuto newyorkese" è un modo di dire americano che indica un periodo di tempo brevissimo e potrebbe essere l'espressione più adatta per descrivere la risposta al trattamento di una paziente affetta da melanoma in cura presso il Memorial Sloan Kettering (MSK) Cancer Center di New York.

La paziente, una donna di 49 anni con melanoma metastatico, presentava una formazione tumorale necrotica sotto il seno sinistro che è totalmente scomparsa in sole tre settimane, in seguito alla somministrazione di una singola dose di immunoterapia combinata sperimentale.

La qualità e la velocità della risposta al trattamento sono state definite "notevoli" da un trio di medici del centro, in una lettera pubblicata online il 20 aprile nel New England Journal of Medicine.

"Si tratta della risposta più incredibile che mi sia mai capitato di osservare", ha dichiarato uno degli autori della lettera, l'oncologo Dr. Paul Chapman, in un comunicato stampa. "Ci ricorda dell'enorme potenziale del sistema immunitario, una volta rimossi i 'freni' che gli impediscono di attaccare le cellule tumorali".

Il Dr. Chapman si riferisce al trattamento della paziente con una terapia combinata che comprende due potenti inibitori di 'checkpoints' del sistema immunitario. La donna è una dei 13 pazienti del centro MSK ad essere stati trattati con una combinazione di nivolumab (Opdivo, Bristol-Myers Squibb), un inibitore della proteina PD-1, e ipilimumab, un inibitore dell’antigene 4 dei linfociti T citotossici (CTLA-4).

La combinazione era stata oggetto di uno studio molto discusso, presentato durante il congresso annuale 2015 della American Association for Cancer Research (AACR). Durante il congresso, uno dei ricercatori aveva riferito che la combinazione di queste due sostanze aveva prodotto una "significativa" percentuale di risposta completa del 22% (16 pazienti su 74 non avevano tumori rilevabili dopo il trattamento).

Tuttavia, "le immunoterapie impiegate nella lotta al cancro hanno fama di produrre risposte molto lente nei pazienti", ha commentato il Dr. Michael Atkins, del Georgetown Comprehensive Cancer Center di Washington. "Si tende ad associare all'immunoterapia una risposta molto più lenta rispetto ad altri tipi di terapia", ha continuato "ma il sistema immunitario può agire con grande velocità una volta che vengono rimossi i limiti che gli impediscono di attaccare le cellule tumorali". Nel caso della paziente del centro MSK, "la risposta è stata così rapida che il tessuto sano circostante non è stato in grado di guarire altrettanto velocemente", ha concluso il Dr. Atkins.

Tuttavia, la rapida eliminazione della formazione tumorale non è l'unica preoccupazione del team di medici che si è occupato della terapia. CI sono anche dubbi circa la sicurezza. "Un effetto antitumorale così rapido e intenso potrebbe aver avuto gravi conseguenze, se si fosse verificato in altre zone normalmente affette da melanoma metastatico, come l'intestino o il miocardio", hanno scritto. "Sembra incredibile che la nostra preoccupazione adesso sia la possibilità di scatenare una reazione anti-melanoma troppo intensa", hanno chiosato.

Il Dr. Chapman ed il Dr. Atkins hanno riferito legami commerciali con la Bristol-Myers Squibb e con altre aziende farmaceutiche.

 

Riferimenti:

New England Journal of Medicine, April 20, 2015.