link1752 link1753 link1754 link1755 link1756 link1757 link1758 link1759 link1760 link1761 link1762 link1763 link1764 link1765 link1766 link1767 link1768 link1769 link1770 link1771 link1772 link1773 link1774 link1775 link1776 link1777 link1778 link1779 link1780 link1781 link1782 link1783 link1784 link1785 link1786 link1787 link1788 link1789 link1790 link1791 link1792 link1793 link1794 link1795 link1796 link1797 link1798 link1799 link1800 link1801 link1802 link1803 link1804 link1805 link1806 link1807 link1808 link1809 link1810 link1811 link1812 link1813 link1814 link1815 link1816 link1817 link1818 link1819 link1820 link1821 link1822 link1823 link1824 link1825 link1826 link1827 link1828 link1829 link1830 link1831 link1832 link1833 link1834 link1835 link1836 link1837 link1838 link1839 link1840 link1841 link1842 link1843 link1844 link1845 link1846 link1847 link1848 link1849 link1850 link1851 link1852 link1853 link1854 link1855 link1856 link1857 link1858 link1859 link1860 link1861 link1862 link1863 link1864 link1865 link1866 link1867 link1868 link1869 link1870 link1871 link1872 link1873 link1874 link1875 link1876 link1877 link1878 link1879 link1880 link1881 link1882 link1883 link1884 link1885 link1886 link1887 link1888 link1889 link1890 link1891 link1892 link1893 link1894 link1895 link1896
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Il rischio di mortalità correlato al melanoma uveale persiste anche decenni dopo il trattamento

radioterapia protoni

Secondo i risultati di uno studio retrospettivo, il rischio di mortalità da melanoma persiste per decenni, anche dopo il trattamento del melanoma uveale con radioterapia a protoni.

Il tasso di mortalità a 25 anni, a seguito di enucleazione per melanoma uveale, si attesta attorno al 50% ma si sa ancora poco dei rischi a lungo termine correlati al melanoma per i pazienti trattati con radioterapia a protoni.

Il Dott. Evangelos S. Gragoudas, del Massachusetts Eye and Ear Infirmary, e colleghi hanno usato dati raccolti da 3.088 pazienti con tumori coroidali e del corpo ciliare sottoposti a terapia con irradiazione di protoni e hanno seguito il decorso per periodi fino a 33,5 anni, per determinare se il tasso di sopravvivenza al melanoma sia simile a quello osservato post-enucleazione.

Dopo un periodo di follow-up medio di 12,3 anni (media di 13, 4 anni), sono morti 1.490 pazienti (48,3%). Il tasso di mortalità generale è stato del 49% a 15 anni e ha continuato ad aumentare di circa il 10% ogni 5 anni, raggiungendo il 58,6% a 20 anni ed il 66,8% a 25 anni.

Meno della metà delle morti è stata attribuita al melanoma. Stando a quanto riportato dalla pubblicazione online su HAMA Ophtalmology ad Aprile, il tasso non-corretto di mortalità correlata a melanoma è stato del 24,6% a 15 anni e del 26,4% a 25 anni.

Età e dimensioni del tumore hanno avuto un impatto significativo sulla mortalità. Infatti, solo l'8,6% dei pazienti con meno di 60 anni e con tumori di 11 mm o meno è morti di melanoma uveale dopo un follow-up di 20 anni, mentre il 40,1% dei pazienti più anziani con tumori più grandi è morto a causa del melanoma uveale.

I tassi di mortalità annuali da melanoma hanno avuto picchi dal 3% al 4% nel periodo da 3 a 6 anni dopo l'irradiazione con raggio a protoni e sono poi gradualmente diminuiti, ma il tasso di mortalità da melanoma non è sceso mai sotto l'1% nei 14 anni successivi al trattamento.

L'età al momento della diagnosi è stato il fattore prognostico più significativo nei tre anni successivi alla diagnosi, mentre il diametro della massa tumorale è stato il fattore prognostico principale nella valutazione del tasso di mortalità da melanoma post-trattamento, sia a breve che a lungo termine

"Un totale di 216 pazienti (7%) nella nostra coorte sono morti a causa di melanoma uveale in un periodo da 6 a 14 anni dopo la diagnosi iniziale ed il trattamento, con altre 18 morti avvenute dopo 14 anni", hanno commentato i ricercatori. "Dato lo scarso rischio mortalità, dopo 10 o 15 anni potrebbe apparire indicato ridurre il monitoraggio di questi pazienti.

Tuttavia, la prudenza suggerisce di continuare il monitoraggio a vita, poiché emergono sempre nuovi trattamenti per il melanoma metastatico in fase di sperimentazione", hanno concluso gli autori.

La ricerca è stata finanziata dal MEEI Research Fund.

 

Riferimenti:

JAMA Ophthalmology, 2015