link1314 link1315 link1316 link1317 link1318 link1319 link1320 link1321 link1322 link1323 link1324 link1325 link1326 link1327 link1328 link1329 link1330 link1331 link1332 link1333 link1334 link1335 link1336 link1337 link1338 link1339 link1340 link1341 link1342 link1343 link1344 link1345 link1346 link1347 link1348 link1349 link1350 link1351 link1352 link1353 link1354 link1355 link1356 link1357 link1358 link1359 link1360 link1361 link1362 link1363 link1364 link1365 link1366 link1367 link1368 link1369 link1370 link1371 link1372 link1373 link1374 link1375 link1376 link1377 link1378 link1379 link1380 link1381 link1382 link1383 link1384 link1385 link1386 link1387 link1388 link1389 link1390 link1391 link1392 link1393 link1394 link1395 link1396 link1397 link1398 link1399 link1400 link1401 link1402 link1403 link1404 link1405 link1406 link1407 link1408 link1409 link1410 link1411 link1412 link1413 link1414 link1415 link1416 link1417 link1418 link1419 link1420 link1421 link1422 link1423 link1424 link1425 link1426 link1427 link1428 link1429 link1430 link1431 link1432 link1433 link1434 link1435 link1436 link1437 link1438 link1439 link1440 link1441 link1442 link1443 link1444 link1445 link1446 link1447 link1448 link1449 link1450 link1451 link1452 link1453 link1454 link1455 link1456 link1457 link1458 link1459
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Le iniezioni di Botox cambiano la struttura della pelle?

Botox 23

I risultati di un recente studio mostrano che le iniezioni con tossina botulinica A (Botox) possono migliorare la struttura della pelle, rendendola più elastica.

 

"Oltre alla paralisi dei muscoli trattati, stiamo cominciando a notare alcuni cambiamenti nella pelle che sono riconducibili a cambiamenti nei fibroblasti" ha dichiarato uno degli autori dello studio, il Dr. James Bonaparte della University of Ottawa, in Canada.

I dati presentati in questo nuovo studio sollevano l'interrogativo sui possibili effetti anti-invecchiamento diretti della tossina botulinica A e potrebbero aprire la strada a nuovi tipi di trattamento estetico per quanto riguarda la riduzione di visibilità delle cicatrici.

Il Dr. Bonaparte e il Dr. Ellis, della University of Toronto, hanno sottolineato nel loro studio, pubblicato a fine maggio su JAMA Dermatology online, che sebbene alcuni studi condotti in precedenza abbiano dimostrato che le rughe tendono a svanire dopo ripetute iniezioni di Botox, il meccanismo di azione tramite il quale si raggiungono questi risultati non è ancora stato del tutto chiarito.

In un precedente studio, datato 2014, il Dr. Bonaparte e il Dr. Ellis avevano osservato e catalogato i cambiamenti biomeccanici avvenuti nel tessuto cutaneo di pazienti che si erano sottoposti a iniezioni con Botox, ma il periodo di osservazione dei pazienti non si estendeva oltre i due mesi. Alcuni critici hanno espresso dubbi circa l'origine dei cambiamenti notati dai due ricercatori, ipotizzando che questi fossero dovuti all'infiammazione insorta in seguito alle iniezioni.

Per rispondere a questo tipo di domande, nel nuovo studio proposto da Bonaparte ed Ellis i pazienti sono stati seguiti per un periodo di quattro mesi. Allo studio hanno preso parte 48 donne senza alcuna storia clinica di iniezioni con Botox e con rughe lievi della fronte, glabella e contorno occhi. Di queste, 43 hanno completato lo studio. I ricercatori si sono avvalsi di un Cutometer MPA 580 (prodotto da Courage & Khazaka Electronic, Germania) per misurare l'elasticità della pelle, lo strumento misura la deformazione e il rilassamento della pelle durante e dopo l'esercitazione di una pressione da aspirazione.

Tutte le pazienti sono state sottoposte ad iniezioni nelle aree del contorno occhi e della glabella e tutte hanno mostrato un incremento dell'elasticità della pelle, in termini di flessibilità e ritorno elastico, in tutti i siti di iniezione.

Le pazienti che hanno preso parte allo studio mostravano anche una riduzione del rapporto fra componente di resistenza viscoelastica e resistenza elastica, un dato che indica che i cambiamenti osservati non sono stati il risultato di gonfiore o infiammazione dei tessuti a seguito di iniezione. Tutti i parametri erano tornati ai valori iniziali nel giro di quattro mesi.

Il Dr. Bonaparte ha dichiarato: "È possibile che i fibroblasti siano dotati di recettori che interagiscono con la tossina botulinica, stimolando le cellule ad una maggior produzione di collagene, elastina e altre sostanze che influiscono sul tono e sull'elasticità della pelle". Uno studio di laboratorio precedente, risalente al 2014, aveva scoperto che la tossina botulinica A blocca l'espressione di proteine legate ai processi di invecchiamento nei fibroblasti esposti a radiazione UVB, mentre al contempo stimola la produzione di collagene.

"Se questa ipotesi è corretta", ha aggiunto "presto potrebbe essere possibile ridurre la visibilità delle rughe tramite iniezioni di tossina botulinica direttamente nella pelle, piuttosto che nei muscoli facciali per provocarne la paralisi". Come già accennato, se le iniezioni fossero effettivamente in grado di produrre cambiamenti nei fibroblasti, questa scoperta potrebbe significare un grosso passo avanti nel campo dei trattamenti per la riduzione della visibilità delle cicatrici.

In un editoriale uscito qualche giorno fa, la Dr.ssa Catherine Winslow, della Indiana University School of Medicine, ha fatto notare come la tossina botulinica potrebbe agire direttamente sulla pelle impedendo il rilascio di radicali liberi che normalmente avviene a seguito di contrazioni muscolari.

"I risultati di questa ricerca, così come i risultati degli studi sull'elasticità e sul contenuto di collagene della pelle iniettata con tossina botulinica A, permetteranno ai chirurghi estetici di perfezionare strategie a lungo termine volte a contrastare i processi di invecchiamento e permetteranno loro di educare i propri pazienti sull'importanza di terapie di mantenimento non-chirurgiche; queste scoperte, inoltre, potrebbero aprire nuove vie di trattamento per quanto riguarda le cicatrici difficili e certe malattie della pelle", ha concluso la Dr.ssa Winslow.

Il Dr. Ellis e il Dr. Bonaparte hanno ricevuto finanziamenti da Allergan, azienda che commercializza la tossina botulinica A sotto il nome commerciale di Botox.

 

Riferimenti:

JAMA Facial Plastic Surgery, maggio 2015