link0 link1 link2 link3 link4 link5 link6 link7 link8 link9 link10 link11 link12 link13 link14 link15 link16 link17 link18 link19 link20 link21 link22 link23 link24 link25 link26 link27 link28 link29 link30 link31 link32 link33 link34 link35 link36 link37 link38 link39 link40 link41 link42 link43 link44 link45 link46 link47 link48 link49 link50 link51 link52 link53 link54 link55 link56 link57 link58 link59 link60 link61 link62 link63 link64 link65 link66 link67 link68 link69 link70 link71 link72 link73 link74 link75 link76 link77 link78 link79 link80 link81 link82 link83 link84 link85 link86 link87 link88 link89 link90 link91 link92 link93 link94 link95 link96 link97 link98 link99 link100 link101 link102 link103 link104 link105 link106 link107 link108 link109 link110 link111 link112 link113 link114 link115 link116 link117 link118 link119 link120 link121 link122 link123 link124 link125 link126 link127 link128 link129 link130 link131 link132 link133 link134 link135 link136 link137 link138 link139 link140 link141 link142 link143 link144 link145
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

La fibrosi nefrogenica sistemica può insorgere decenni dopo l'esposizione al gadolinio

nephrogenic systemic fibrosis

Secondo uno studio di recente pubblicazione, la fibrosi nefrogenica sistemica (NSF) può svilupparsi anche dopo dieci anni dall'esposizione al gadolinio.

"Le tempistiche con cui la NSF si presenta, in seguito all'esposizione al gadolinio, sono molto più ampie di quanto ipotizzato fino a questo momento e dovrebbero essere prese in considerazione nei casi di pazienti con insufficienza renale che presentano patologie dermatologiche fibrotiche", ha dichiarato Krista N. Larson, della Virginia School of Medicine. "I medici devono sempre escludere una precedente esposizione al gadolinio in questi pazienti, anche se l'esposizione si è verificata a più di dieci anni di distanza dall'insorgere della patologia".

La fibrosi nefrogenica sistemica si manifesta tramite l'indurimento e l'ispessimento della pelle. Larson ha proseguito dicendo: "Il meccanismo tramite il quale la fibrosi si sviluppa è ancora ignoto. Prima che il gadolinio venisse usato come agente di contrasto e somministrato a pazienti con insufficienza renale, non si era mai manifestato alcun caso di fibrosi nefrogenica sistemica".

A causa di questa associazione l'agenzia americana FDA ha raccomandato, nel 2010, di evitare l'impiego di agenti di contrasto contenenti gadolinio in pazienti con un tasso stimato di filtrazione glomerulare (GFR) inferiore a 30 mL/min/1.73m2 a causa di insufficienza renale acuta o malattia renale cronica.

Larson e colleghi riferiscono di un caso di NSF in un uomo di 50 anni, che era stato sottoposto a emodialisi cronica per 25 anni, per una malattia renale allo stadio terminale. Il paziente era stato ripetutamente esposto ad agenti di contrasto a base di gadolinio durante multiple angiografie a risonanza magnetica dell'addome, la più recente delle quali risaliva al 2004, ossia dieci anni prima che si sviluppasse la prima lesione cutanea.

Il paziente presentava una diffusa eruzione di papule cutanee di dimensioni comprese fra 4 mm e 5 mm disposte in raggruppamenti lineari sulla schiena, sul torace, sull'addome e sulle cosce, senza sclerosi. L'aspetto al microscopio era consistente con la fibrosi sistemica nefrogenica.

"La dialisi a seguito dell'esposizione al gadolinio può diminuire il rischio di NSF, poiché rimuove più velocemente il gadolinio dal flusso sanguigno, ma secondo le nuove linee guida a nessun paziente con GFR inferiore a 30 mL/min/1,73m2 deve essere somministrato del gadolinio", ha detto Larson. "Ad eccezione della dialisi, non esiste alcun metodo per diminuire il rischio di NSF nei pazienti che sono stati esposti al gadolinio".

Gli autori dello studio concludono con una raccomandazione: "Tutti i pazienti con sintomi che indicano una patologia dermatologica fibrotica e con una storia di insufficienza renale dovrebbero essere sottoposti a test per accertare la presenza di fibrosi nefrogenica sistemica, indipendentemente dal numero di anni trascorsi dall'ultima esposizione al gadolinio".

Gli autori dello studio non hanno riferito di alcun finanziamento esterno.

 

Riferimenti:

JAMA Dermatology Online, May 27, 2015