link1314 link1315 link1316 link1317 link1318 link1319 link1320 link1321 link1322 link1323 link1324 link1325 link1326 link1327 link1328 link1329 link1330 link1331 link1332 link1333 link1334 link1335 link1336 link1337 link1338 link1339 link1340 link1341 link1342 link1343 link1344 link1345 link1346 link1347 link1348 link1349 link1350 link1351 link1352 link1353 link1354 link1355 link1356 link1357 link1358 link1359 link1360 link1361 link1362 link1363 link1364 link1365 link1366 link1367 link1368 link1369 link1370 link1371 link1372 link1373 link1374 link1375 link1376 link1377 link1378 link1379 link1380 link1381 link1382 link1383 link1384 link1385 link1386 link1387 link1388 link1389 link1390 link1391 link1392 link1393 link1394 link1395 link1396 link1397 link1398 link1399 link1400 link1401 link1402 link1403 link1404 link1405 link1406 link1407 link1408 link1409 link1410 link1411 link1412 link1413 link1414 link1415 link1416 link1417 link1418 link1419 link1420 link1421 link1422 link1423 link1424 link1425 link1426 link1427 link1428 link1429 link1430 link1431 link1432 link1433 link1434 link1435 link1436 link1437 link1438 link1439 link1440 link1441 link1442 link1443 link1444 link1445 link1446 link1447 link1448 link1449 link1450 link1451 link1452 link1453 link1454 link1455 link1456 link1457 link1458 link1459
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Consumatori confusi sulla scelta della protezione solare

sunscreen 2

Un nuovo studio suggerisce che la maggior parte delle persone è consapevole di quanto sia importante proteggere la propria pelle dal sole, ma si trova tuttavia confusa su come scegliere la giusta protezione solare o sulla quantità di protezione solare da utilizzare.

I ricercatori hanno esaminato i pazienti di una clinica dermatologica nel corso dell'anno passato e hanno scoperto che quasi tutti avevano acquistato un crema solare nel corso del 2013. Meno della metà, tuttavia, è stata in grado di identificare correttamente i termini presenti sulle etichette, che indicano il livello di protezione del prodotto rispetto al rischio di cancro della pelle e di scottature.

"Gli acquirenti dovrebbero essere alla ricerca di due cose sulle etichette della protezione solare", ha detto l'autore principale dello studio, Dr.ssa Roopal Kundu, ricercatrice presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago.

"Dovrebbero cercare protezioni solari 'ad ampio spettro', che significa che il prodotto protegge dai raggi ultravioletti A (UVA) e raggi ultravioletti B (UVB)".

Inoltre, i consumatori "dovrebbero fare attenzione al valore SPF", che sta per 'fattore di protezione solare' e misura l'efficacia del prodotto in termini di protezione dai raggi UV.

"La cosa importante è trovare una protezione solare ad ampio spettro e con un SPF di almeno 30, che sia bene tollerata dall'individuo e che possa essere riapplicata ogni due ore, quando ci si trova all'aperto", ha fatto notare la Dr.ssa Kundu.

"Se il soggetto passa molto tempo in acqua", ha aggiunto la Dr.ssa Kundu "è importante anche che la protezione solare sia resistente all'acqua".

Per verificare la comprensione dei criteri di scelta della protezione solare, Kundu e colleghi hanno esaminato 114 pazienti che hanno visitato la loro clinica dermatologica tra giugno e agosto 2014.

La maggior parte dei pazienti era bianca. Secondo il rapporto pubblicato il 17 giugno su JAMA Dermatology, circa tre quarti dei soggetti non avevano ricevuto diagnosi di tumore cutaneo e circa due terzi hanno dichiarato di non avere una storia familiare di questo tipo di patologie.

Solo il 29% ha dichiarato di applicare la protezione solare ogni giorno e solo il 5,3% ha riferito di riapplicarla durante il giorno, ogni giorno.

Circa il 55% dei partecipanti ha dichiarato di leggere l'etichetta prima di acquistare una protezione solare e le cose più comuni alle quali hanno dichiarato di fare attenzione sono state il valore SPF, la formulazione per pelli sensibili, la resistenza all'acqua e al sudore e infine il prezzo.

Quando i ricercatori hanno mostrato ai pazienti un'etichetta tipica e hanno chiesto loro di interpretarla, il 92% ha detto che le creme solari con alto SPF proteggono contro le scottature, mentre il 72% ha detto che proteggono contro il cancro della pelle.

Tuttavia, quando ai pazienti sono state poste domande a risposta aperta su come determinare se una crema solare protegga contro il cancro della pelle, solo il 38% ha identificato correttamente il valore SPF o il termine 'ad ampio spettro' nell'etichetta.

Interrogati sulla quantità di protezione solare necessaria, il 55% dei pazienti ha risposto correttamente che la quantità appropriata è di circa 45 ml, l'equivalente volumetrico di un bicchiere da shot.

I ricercatori hanno anche mostrato ai partecipanti un design sperimentale per le etichette, che utilizza un sistema di valutazione a stelle, con valori compresi fra un e quattro, per indicare la protezione UVA e che indica il fattore di protezione UVB in termini di valore SPF. Con questo nuovo tipo di etichette, la maggior parte dei pazienti è stata in grado di identificare correttamente il livello di protezione.

"Lo studio ha mostrato che i consumatori sono in grado di interpretare un sistema di valutazione della protezione UVA (come quello a stelle), che fornisce maggiori informazioni sulla quantità di protezione UVA fornita da una crema solare", ha commentato Kundu.

"Sebbene sia incoraggiante il fatto che molte persone sono in grado di leggere correttamente le etichette dei solari, nella confezione non sono contenute informazioni cruciali, ossia quelle che riguardano la protezione dai tumori cutanei", ha detto il Dr. Steven Wang, dermatologo presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center di Basking Ridge, nel New Jersey .

"La principale informazione che manca nelle etichette dei solari è la quantità di crema da utilizzare", ha proseguito il Dr. Wang, che non è stato coinvolto nello studio.

Il consiglio migliore è quello di applicare due mani di crema solare e riapplicare il prodotto ogni dure ore.

"Durante la prima applicazione, infatti, la maggior parte delle persone tende a tralasciare alcune aree", ha fatto notare il Dr. Wang. "Ecco perché è possibile scottarsi in certe parti del corpo, anche quando si usa una protezione solare. La seconda passata copre l'intera superficie in maniera molto più affidabile".

 

Riferimenti:

JAMA Dermatology online, 17 giugno 2015. doi:10.1001/jamadermatol.2015.1253