link1460 link1461 link1462 link1463 link1464 link1465 link1466 link1467 link1468 link1469 link1470 link1471 link1472 link1473 link1474 link1475 link1476 link1477 link1478 link1479 link1480 link1481 link1482 link1483 link1484 link1485 link1486 link1487 link1488 link1489 link1490 link1491 link1492 link1493 link1494 link1495 link1496 link1497 link1498 link1499 link1500 link1501 link1502 link1503 link1504 link1505 link1506 link1507 link1508 link1509 link1510 link1511 link1512 link1513 link1514 link1515 link1516 link1517 link1518 link1519 link1520 link1521 link1522 link1523 link1524 link1525 link1526 link1527 link1528 link1529 link1530 link1531 link1532 link1533 link1534 link1535 link1536 link1537 link1538 link1539 link1540 link1541 link1542 link1543 link1544 link1545 link1546 link1547 link1548 link1549 link1550 link1551 link1552 link1553 link1554 link1555 link1556 link1557 link1558 link1559 link1560 link1561 link1562 link1563 link1564 link1565 link1566 link1567 link1568 link1569 link1570 link1571 link1572 link1573 link1574 link1575 link1576 link1577 link1578 link1579 link1580 link1581 link1582 link1583 link1584 link1585 link1586 link1587 link1588 link1589 link1590 link1591 link1592 link1593 link1594 link1595 link1596 link1597 link1598 link1599 link1600 link1601 link1602 link1603 link1604 link1605
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

I test di laboratorio e la diagnosi della malattia di Lyme cronica

laboratory test tubes

Secondo uno studio caso-controllo pubblicato il 16 giugno nella versione online di Clinical Infectious Diseases, una dettagliata valutazione clinica accompagnata da esami di laboratorio non riesce a distinguere fra la malattia di Lyme cronica (ADCLS), diagnosticata tramite esami condotti in laboratori alternativi, e la sindrome da affaticamento cronico (CFS).

 I ricercatori hanno fatto notare come i sintomi della malattia di Lyme cronica siano spesso simili a quelli della sindrome da affaticamento cronico e come l'incidenza della malattia di Lyme sia bassa nella provincia canadese della Columbia Britannica, dove si è svolto lo studio.

"I pazienti con una diagnosi di malattia di Lyme cronica possono essere suddivisi in quattro gruppi distinti, a seconda del metodo diagnostico impiegato", spiegano il Dr. David M. Patrick, della University of British Columbia e del Centre for Disease Control di Vancouver, e colleghi. "Uno di questi raccoglie i casi di diagnosi di malattia di Lyme cronica, fatte su base clinica e non supportate da test eseguiti presso un laboratorio di riferimento regionale, ma effettuate tramite test 'Western Blot' eseguiti presso un laboratorio americano specializzato nella diagnosi della malattia di Lyme (Lab A).. Questi test sono stati oggetto di numerosi avvertimenti circa la loro affidabilità, inoltre non offrono alcun vantaggio nell'individuazione della malattia di Lyme quando questa è presente e possono produrre falsi positivi in oltre il 50% dei soggetti esaminati e non affetti da malattia di Lyme".

I ricercatori hanno confrontato 13 casi di ADCLS, 12 dei quali erano stati diagnosticati da un laboratorio alternativo americano, con 25 casi di sindrome da affaticamento cronico, 25 soggetti di controllo e 11 soggetti di controllo con lupus sistemico eritematoso. I dati raccolti includevano anamnesi ed esame obiettivo, test diagnostici di laboratorio, sette scale funzionali, sierologia di riferimento per la malattia di Lyme in base a criteri del CDC, sierologia di riferimento per altri patogeni associati alla puntura di zecca e studi sull'espressione di citochine.

Il livello di disabilità fra i pazienti diagnosticati con ADCLS e CFS era significativo: incapacità di lavorare a tempo pieno, disturbi del sonno e profonda stanchezza; entrambi i gruppi esibivano marcate differenze rispetto al gruppo di controllo. Tuttavia, i casi di malattia di Lyme cronica non presentavano significative differenze rispetto ai casi di CFS, rispetto a nessuno dei parametri misurati.

Test di laboratorio di riferimento non hanno confermato una sierologia positiva per la malattia di Lyme in nessuno dei casi di malattia di Lyme cronica. Inoltre, i gruppi non differivano nella distribuzione di sierologia positiva per altri patogeni trasmessi dalle zecche o in termini di espressione di citochine.

"A fronte di una dettagliata valutazione clinica e di laboratorio, la malattia di Lyme cronica diagnosticata tramite metodi di laboratorio alternativi è indistinguibile dalla CFS", scrivono gli autori dello studio. "I test discordanti per la malattia di Lyme probabilmente rappresentano falsi positivi associati a diagnosi effettuate tramite un laboratorio alternativo, quanto meno nel nostro ambiente a bassa prevalenza di malattia di Lyme (la Columbia Britannica)".

I limiti di questo studio riguardano la piccola dimensione del campione (e conseguente scarsa efficacia nel rilevare piccole differenze tra i gruppi), distorsioni della memoria insite negli studi caso-controllo, possibile distorsione da selezione e bassa generalizzabilità rispetto alle aree con indici di prevalenza più elevati per la malattia di Lyme.

 

Riferimenti:

Clinical Infectious Diseases, 16 giugno 2015. doi: 10.1093/cid/civ470