link438 link439 link440 link441 link442 link443 link444 link445 link446 link447 link448 link449 link450 link451 link452 link453 link454 link455 link456 link457 link458 link459 link460 link461 link462 link463 link464 link465 link466 link467 link468 link469 link470 link471 link472 link473 link474 link475 link476 link477 link478 link479 link480 link481 link482 link483 link484 link485 link486 link487 link488 link489 link490 link491 link492 link493 link494 link495 link496 link497 link498 link499 link500 link501 link502 link503 link504 link505 link506 link507 link508 link509 link510 link511 link512 link513 link514 link515 link516 link517 link518 link519 link520 link521 link522 link523 link524 link525 link526 link527 link528 link529 link530 link531 link532 link533 link534 link535 link536 link537 link538 link539 link540 link541 link542 link543 link544 link545 link546 link547 link548 link549 link550 link551 link552 link553 link554 link555 link556 link557 link558 link559 link560 link561 link562 link563 link564 link565 link566 link567 link568 link569 link570 link571 link572 link573 link574 link575 link576 link577 link578 link579 link580 link581 link582 link583
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

L'approvazione FDA di dispositivi ad alto rischio si basa su dati limitati

0810 fda approval

Un recente studio indica che la qualità e la quantità di dati sui quali l'agenzia americana del farmaco FDA si basa per approvare i dispositivi ad alto rischio e consentirne la commercializzazione è estremamente variabile.

Uno studio pubblicato nell'edizione dell'11 agosto di JAMA e redatto dal Dr. Joseph S. Ross, della Yale University School of Medicine di New Haven nel Connecticut, e colleghi ha evidenziato come quasi tutti dispositivi esaminati dagli autori fra il 2010 ed il 2011 abbiano ottenuto l'approvazione sulla base di due studi: uno studio cardine (che serve come base per l'approvazione da parte della FDA) e un ulteriore studio non-cardine. Gli studi che non soddisfano i criteri di quel che viene denominato uno studio cardine sono generalmente condotti al fine di valutare aspetti quali la fattibilità e coinvolgono un numero limitato di pazienti, questi studi vengono utilizzati principalmente per esaminare le prestazioni del dispositivo e per guidare lo sviluppo e l'uso clinico prima dell'immissione sul mercato.

Gli autori scrivono: "La maggior parte dei dispositivi è stata valutata, e viene ancora oggi valutata, sulla base di un numero ridotto di studi, molti dei quali sono spesso focalizzati su marker secondari e vengono condotti su un numero ridotto di pazienti, per un periodo di tempo limitato; questi studi inoltre esaminano spesso applicazioni diverse da quelle originariamente presentate nella domanda di approvazione alla messa in commercio".

Negli Stati Uniti, la FDA concede molto spesso l'autorizzazione alla commercializzazione di dispositivi ad alto rischio tramite procedure originariamente pensate per valutare l'approvazione preliminare alla messa in commercio, si tratta di dispositivi che gli autori dello studio definiscono come "[dispositivi] che supportano o sostengono la vita umana, prevengono specifiche malattie o presentano rischi potenzialmente seri per i pazienti che ne fanno uso".

Il percorso preliminare di approvazione richiede che le prove cliniche forniscano un ragionevole grado di sicurezza circa la sicurezza e l'efficacia del dispositivo.

L'agenzia americana ha accelerato le tempistiche di accesso alle nuove tecnologie da parte dei pazienti, mostrandosi più flessibile circa i requisiti necessari all'immissione sul mercato per i dispositivi da alto rischio, ma la preoccupazione è che gli studi a supporto di queste approvazioni manchino di rigore e siano invece caratterizzati da errori sistematici dovuti a distorsioni.

Lo studio mostra come, tra il 2010 e il 2011, la FDA abbia concesso l'approvazione alla commercializzazione di 28 dispositivi terapeutici ad alto rischio tramite le procedure utilizzate per l'approvazione preliminare alla vera e propria approvazione all'immissione sul mercato.

Fra i dispositivi approvati, 10 (35,7%) sono stati ritirati dal commercio almeno una volta e uno di questi (3,6%) è stato soggetto ad un ritiro dal commercio di classe I, che corrisponde al più alto livello di rischio che determina il ritiro dal mercato (ragionevole probabilità di gravi problemi di salute o morte). Un altro dispositivo è stato ritirato dal mercato volontariamente.

 

Maggiore enfasi sugli studi successivi alla messa in commercio

 

"Man mano che la FDA adotta linee guida sempre più flessibili per quanto riguarda l'approvazione preliminare alla messa in commercio di questa classe di dispositivi, con l'intenzione di rendere le nuove tecnologie disponibili ai pazienti in tempi più rapidi, i dati provenienti da studi condotti successivamente alla commercializzazione diventeranno un criterio sempre più importante in termini sia di impiego clinico che di redazione delle linee guida e relative regolamentazioni", scrivono gli autori.

Tuttavia, i ricercatori sottolineano come soltanto il 13% degli studi posteriori alla commercializzazione sia stato completato nel periodo compreso fra i 3 e i 5 anni successivi all'approvazione da parte della FDA. Nel 17,9% dei casi non sono stati condotti studi successivi all'immissione sul mercato e per 13 dispositivi (46,4%) il numero di studi condotti è stato minore di tre.

Gli autori dello studio spiegano: "I nostri risultati riguardo la limitata disponibilità di dati durante il processo di approvazione da parte della FDA, evidenziano come sia necessario condurre ulteriori studi dopo la messa in commercio di questi dispositivi, indipendentemente dal fatto che gli studi vengano avviati su iniziativa dell'azienda produttrice o di ricercatori indipendenti, per espandere le conoscenze relative all'efficacia e alla sicurezza dei dispositivi stessi".

Gli autori fanno inoltre notare come circa l'85% degli studi post-commercializzazione "non siano stati avviati in risposta alle esigenze della FDA, e il 40% sono stati condotti senza alcun supporto da parte dell'azienda produttrice".

Il Dr. Ross ha ricevuto sovvenzioni dal Pew Charitable Trusts ed è stato sostenuto dal National Institute on Aging e dalla American Federation for Aging Research. Il Dr. Ross e uno dei coautori hanno ricevuto finanziamenti (tramite la Yale University) da Medtronic e Johnson & Johnson; dai centri Medicare & Medicaid Services; e da parte della FDA, al fine di sviluppare metodologie per la sorveglianza e la valutazione post-commercializzazione dei dispositivi medici.

 

Riferimenti:

JAMA. 2015;314(6):604-612; doi:10.1001/jama.2015.8761

 

BP-PB