link1314 link1315 link1316 link1317 link1318 link1319 link1320 link1321 link1322 link1323 link1324 link1325 link1326 link1327 link1328 link1329 link1330 link1331 link1332 link1333 link1334 link1335 link1336 link1337 link1338 link1339 link1340 link1341 link1342 link1343 link1344 link1345 link1346 link1347 link1348 link1349 link1350 link1351 link1352 link1353 link1354 link1355 link1356 link1357 link1358 link1359 link1360 link1361 link1362 link1363 link1364 link1365 link1366 link1367 link1368 link1369 link1370 link1371 link1372 link1373 link1374 link1375 link1376 link1377 link1378 link1379 link1380 link1381 link1382 link1383 link1384 link1385 link1386 link1387 link1388 link1389 link1390 link1391 link1392 link1393 link1394 link1395 link1396 link1397 link1398 link1399 link1400 link1401 link1402 link1403 link1404 link1405 link1406 link1407 link1408 link1409 link1410 link1411 link1412 link1413 link1414 link1415 link1416 link1417 link1418 link1419 link1420 link1421 link1422 link1423 link1424 link1425 link1426 link1427 link1428 link1429 link1430 link1431 link1432 link1433 link1434 link1435 link1436 link1437 link1438 link1439 link1440 link1441 link1442 link1443 link1444 link1445 link1446 link1447 link1448 link1449 link1450 link1451 link1452 link1453 link1454 link1455 link1456 link1457 link1458 link1459
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Terapia combinata a base di IL-2 contro il melanoma cutaneo metastatico

IL2 structure

Secondo un piccolo studio retrospettivo, una combinazione di interleuchina (IL)-2 intralesionale, imiquimod e retinoidi topici sarebbe in grado di indurre una risposta locale completa nei pazienti affetti da melanoma cutaneo metastatico e potrebbe migliorare le prospettive di sopravvivenza.

Il Dr. Emanual Maverakis ha commentato: "I risultati da noi ottenuti sono stati sorprendenti. Nel corso degli ultimi anni le terapie di tipo intralesionale (intratumorale) per il melanoma metastatico hanno acquisito un deciso rilievo al di fuori degli Stati Uniti, tuttavia questo tipo di terapie non è ancora stato sufficientemente documentato dalla letteratura scientifica. Nella maggior parte di queste terapie viene iniettata, direttamente nel tumore, una proteina che induce le cellule immunitarie alla divisione".

Egli ha poi aggiunto:"Dopo aver osservato il successo di questa pratica negli studi condotti in passato, abbiamo deciso di iniziare una terapia analoga presso il nostro istituto. Abbiamo modificato leggermente il protocollo esistente: anzitutto abbiamo aumentato la dose di proteina immuno-attivante e abbiamo aggiunto un attivatore immunitario topico all'inizio della terapia, infine abbiamo usato una crema a base di retinoidi per aumentare la penetrazione dell'attivatore immunitario".

In un articolo pubblicato online il 7 agosto sul Journal of the American Academy of Dermatology, il Dr. Maverakis, della facoltà di Medicina della University of California di Sacramento, e colleghi hanno riportato i risultati ottenuti su 11 pazienti.

L'età media dei pazienti era di 69 anni e otto degli undici pazienti presentavano melanoma al III stadio, causato da metastasi in transito. I restanti tre pazienti avevano melanoma di IV stadio al momento dell'inizio del trattamento. Tutti i pazienti presentavano patologie croniche. La maggior parte aveva una malattia cardiovascolare significativa e molti dei pazienti avevano una storia clinica di precedenti fallimenti terapeutici.

Le tossicità indotte dal trattamento sono state da lievi a moderate, mentre il tasso di risposta locale completa è stato del 100%. La sopravvivenza a due anni, dopo la prima metastasi, è stata del 82%. Dopo un follow-up medio di due anni, cinque pazienti erano ancora in vita e non presentavano recidiva, mentre uno esibiva un peggioramento della malattia metastatica. I rimanenti cinque pazienti erano morti per cause diverse.

"Gestire i pazienti con melanoma cutaneo metastatico è un compito difficile. Per il paziente è incredibilmente stressante veder crescere sulla propria pelle un tumore metastatico. Quindi, è necessario sviluppare strategie di trattamento migliori per questi pazienti", ha detto il Dr. Maverakis. "Tradizionalmente l'escissione chirurgica è stata la via più praticata, ma le recidive sono fin troppo comuni", ha aggiunto. Il Dr. Maverakis ha inoltre sottolineato come i pazienti con metastasi in transito siano ottimi candidati per questo tipo di terapia combinata. "Dalla conclusione dello studio abbiamo iniziato il trattamento su di un ulteriore paziente".

Il Dr. Robert T. Brodell, commentando i risultati dello studio, ha dichiarato, "Si tratta di uno studio piccolo, che tuttavia potrebbe aprire la strada ad un nuovo tipo di trattamento palliativo per le lesioni cutanee dovute al melanoma metastatico".

Tuttavia il Dr.Brodell, professore e primario di Dermatologia presso la clinica universitaria della University of Mississippi di Jackson, ha aggiunto: "Non vorrei che si pensasse che il 100% dei pazienti con melanoma metastatico può essere curato per mezzo di questa terapia. Non si tratta di un mezzo per trattare il melanoma sul piano sistemico, ma piuttosto di una terapia per l'eliminazione delle metastasi cutanee. Inoltre, prima che questo tipo di terapia diventi lo standard per la cura di questo tipo di lesioni, è necessario che vengano condotti degli studi su un campione più ampio di pazienti, possibilmente provenienti da diversi istituti".

La ricerca è stata sovvenzionata dal Burroughs Wellcome Fund, dal Howard Hughes Medical Institute e dal National Institutes of Health. Gli autori non hanno riferito di alcuna relazione commerciale o finanziaria significativa.

 

Riferimenti:

Journal of the American Academy of Dermatology, 7 agosto 2015; doi: 10.1016/j.jaad.2015.06.060