link0 link1 link2 link3 link4 link5 link6 link7 link8 link9 link10 link11 link12 link13 link14 link15 link16 link17 link18 link19 link20 link21 link22 link23 link24 link25 link26 link27 link28 link29 link30 link31 link32 link33 link34 link35 link36 link37 link38 link39 link40 link41 link42 link43 link44 link45 link46 link47 link48 link49 link50 link51 link52 link53 link54 link55 link56 link57 link58 link59 link60 link61 link62 link63 link64 link65 link66 link67 link68 link69 link70 link71 link72 link73 link74 link75 link76 link77 link78 link79 link80 link81 link82 link83 link84 link85 link86 link87 link88 link89 link90 link91 link92 link93 link94 link95 link96 link97 link98 link99 link100 link101 link102 link103 link104 link105 link106 link107 link108 link109 link110 link111 link112 link113 link114 link115 link116 link117 link118 link119 link120 link121 link122 link123 link124 link125 link126 link127 link128 link129 link130 link131 link132 link133 link134 link135 link136 link137 link138 link139 link140 link141 link142 link143 link144 link145
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Il Regno Unito sospenda la vendita delle protesi Silimed

breast implants 003

Ad inizio ottobre le vendite di protesi al silicone prodotte dall'azienda brasiliana Silimed, usate da migliaia di pazienti nel solo Regno Unito, sono state sospese per motivi di sicurezza.

L'agenzia britannica Medicines and Healthcare Products Regulatory Agency (MHRA) ha fatto sapere di star testando, insieme ad altre agenzie europee, i prodotti Silimed (protesi per seno, pene e testicoli) poiché, durante un controllo sulle procedure di produzione della società brasiliana, è stata scoperta una contaminazione.

L'autorità tedesca incaricata del monitoraggio di SIlimed ha rilasciato un comunicato nel quale dichiara di "aver recentemente portato a termine un'ispezione dello stabilimento di produzione di Silimed in Brasile e aver riscontrato che alcuni dispositivi sono stati contaminati da microparticelle".

La MHRA ha fatto sapere che la sospensione delle vendite riguarda i prodotti Silimed utilizzati nell'ambito della chirurgia plastica e comprende protesi mammarie e pettorali, protesi per il pene e il testicoli, stent vaginali e dispositivi chirurgici.

La Eurosurgical, azienda distributrice dei prodotti Silimed nel Regno Unito, ha dichiarato di aver venduto oltre 13.000 impianti negli ultimi cinque anni: "La maggior parte dei prodotti venduti è rappresentata da protesi mammarie, il 60% delle quali sono state usate per interventi di mastoplastica a fini estetici".

Un portavoce della MHRA ha dichiarato che non è ancora noto se prodotti potenzialmente contaminati possano aver raggiunto i pazienti e che non esistono ancora delle stime sulla quantità di prodotti esposti al rischio di contaminazione. Il portavoce ha dichiarato che tutti questi interrogativi sono al momento al centro delle indagine della MHRA. Tuttavia, il comunicato stampa dell'agenzia recita "per il momento non ci sono indicazioni che le problematiche rilevate possano avere alcun tipo rdi ripercussione sulla salute del paziente". 

Silimed, che sul proprio sito dichiara di essere il terzo produttore di impianti al silicone al mondo, ha dichiarato in un email di star preparando un documento tecnico per mostrare come i propri processi di produzione siano conformi agli standard nazionali ed internazionali, documento che verrà inoltrato quanto prima alle autorità sanitarie europee.

La sospensione dei prodotti Silimed segue il caso, risalente al 2010, della francese Poly Implant Prothèse (PIP), primo produttore al mondo di protesi mammarie, che produceva le protesi senza impiegare silicone per uso medico, incrementando del doppio il rischio di rottura degli impianti stessi.

Centinaia di migliaia di pazienti in tutta Europa e nel Sud America hanno subito le conseguenze di questa pratica illecita e il presidente di PIP, Jean-Claude Mas, è stato condannato a 4 anni di carcere nel 2013.

La British Association of Plastic, Reconstructive and Aesthetic Surgeons (BAPRAS) ha detto di essere già a conoscenza del problema Silimed e ha dichiarato di star lavorando a stretto contatto con le autorità britanniche. "Non vi è alcuna indicazione ... che questi problemi possano rappresentare una minaccia per la sicurezza del paziente, ma stiamo consigliando ai nostri associati di contattare i pazienti coinvolti", ha detto il presidente della BAPRAS, Nigel Mercer, in un comunicato.