link438 link439 link440 link441 link442 link443 link444 link445 link446 link447 link448 link449 link450 link451 link452 link453 link454 link455 link456 link457 link458 link459 link460 link461 link462 link463 link464 link465 link466 link467 link468 link469 link470 link471 link472 link473 link474 link475 link476 link477 link478 link479 link480 link481 link482 link483 link484 link485 link486 link487 link488 link489 link490 link491 link492 link493 link494 link495 link496 link497 link498 link499 link500 link501 link502 link503 link504 link505 link506 link507 link508 link509 link510 link511 link512 link513 link514 link515 link516 link517 link518 link519 link520 link521 link522 link523 link524 link525 link526 link527 link528 link529 link530 link531 link532 link533 link534 link535 link536 link537 link538 link539 link540 link541 link542 link543 link544 link545 link546 link547 link548 link549 link550 link551 link552 link553 link554 link555 link556 link557 link558 link559 link560 link561 link562 link563 link564 link565 link566 link567 link568 link569 link570 link571 link572 link573 link574 link575 link576 link577 link578 link579 link580 link581 link582 link583
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

PET/CT: risultati dubbi per i casi di melanoma con linfonodo sentinella positivo

pet ct

Un nuovo studio indica che i risultati di PET/CT pre-operatori nei melanomi cutanei maligni con linfonodo sentinella positivo possono spesso contenere falsi positivi e che l'esito di queste procedure non altera significativamente la gestione clinica di questi pazienti.

Il National Comprehensive Cancer Network (NCCN) raccomanda la valutazione dello stadio del melanoma tramite PET/CT prima di procedere alla dissezione del linfonodo, tuttavia i dati a supporto di questa raccomandazione non sembrano essere significativi.

Il Dr. Benjamin Y. Scheier e colleghi della University of Michigan hanno condotto un'analisi retrospettiva su 78 casi di pazienti con melanoma, linfonodi regionali clinicamente silenti e mappatura del linfonodo sentinella positivo per determinare il valore dell'esame PET/CT in termini di individuazione di metastasi occulte.

Dei 46 pazienti che erano stati sottoposti a PET/CT preoperatorio, 15 (33%) presentavano intensa captazione a distanza dal tumore primario e dal bacino dei linfonodi locali. Nove di questi pazienti hanno subito una biopsia prima della dissezione del linfonodo e 3 di queste hanno dato un esito positivo per il melanoma metastatico, delineando un tasso di falsi positivi del 67% per quanto riguarda l'individuazione di metastasi distanti dal tumore primario.

"Soltanto in 3 (7%) casi, l'aver sottoposti i pazienti a PET/CT ha portato all'identificazione di melanomi metastatici ed ha evitato la dissezione del linfonodo", scrivono gli autori dello studio, pubblicato il 28 settembre nell'edizione online di JAMA Oncology.

"Abbiamo scoperto che l'esame PET/CT ha un'alta percentuale di falsi positivi e un effetto trascurabile sulla gestione clinica del paziente, almeno in questi casi, ed è dunque meglio che venga impiegato nel suo ruolo tradizionale come mezzo di valutazione della risposta al trattamento", hanno sottolineato i ricercatori. 

"I nostri dati suggeriscono che una maggioranza significativa di pazienti asintomatici con melanoma e linfonodo sentinella positivo di recente individuazione, non hanno metastasi rilevabili dall'esame PET/CT", hanno poi aggiunto. "La nostra analisi ha anche identificato potenziali rischi legati al ritardo nel trattamento, rischi legati all'essere sottoposti a procedure diagnostiche aggiuntive ed infine un aumento dell'uso delle risorse cliniche". Gli autori concludono dicendo: "Raccomandiamo che la procedura di PET/CT preoperatorio sia rivista e che ne venga ulteriormente valutata l'efficacia in ambito clinico".

Il patologo Dr. Robin T. Vollmer, della Duke University e del Durham Medical Centers, ha alle spalle una lunga lista di pubblicazioni sul melanoma maligno ed ha così commentato i risultati dello studio: "Poiché l'obbiettivo di PET/CT preoperatorio sono siti distanti da quello primario, immagino che le biopsie eseguite abbiano incluso anche campioni prelevati tramite agobiopsia (FNA), che presentano un alto tasso di falsi negativi, specialmente quando interessano aree difficili in termini di prelievo e quando il fulcro della metastasi è di dimensioni ridotte. In considerazione di questo, alcuni dei risultati dei PET/CT potrebbero non essere stati dei falsi positivi".

Al di là di questa precisazione, tuttavia, il Dr. Vollmer è concorde con gli autori dello studio: "la procedura PET/CT deve essere sottoposta ad ulteriori valutazioni per quanto concerne l'applicazione nei contesti con linfonodo sentinella positivo".

Riferimenti:

JAMA Oncology online, 24 settembre 2015; doi:10.1001/jamaoncol.2015.3664