link730 link731 link732 link733 link734 link735 link736 link737 link738 link739 link740 link741 link742 link743 link744 link745 link746 link747 link748 link749 link750 link751 link752 link753 link754 link755 link756 link757 link758 link759 link760 link761 link762 link763 link764 link765 link766 link767 link768 link769 link770 link771 link772 link773 link774 link775 link776 link777 link778 link779 link780 link781 link782 link783 link784 link785 link786 link787 link788 link789 link790 link791 link792 link793 link794 link795 link796 link797 link798 link799 link800 link801 link802 link803 link804 link805 link806 link807 link808 link809 link810 link811 link812 link813 link814 link815 link816 link817 link818 link819 link820 link821 link822 link823 link824 link825 link826 link827 link828 link829 link830 link831 link832 link833 link834 link835 link836 link837 link838 link839 link840 link841 link842 link843 link844 link845 link846 link847 link848 link849 link850 link851 link852 link853 link854 link855 link856 link857 link858 link859 link860 link861 link862 link863 link864 link865 link866 link867 link868 link869 link870 link871 link872 link873 link874 link875
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Screening a confronto: LDS e TBE

mole screening

Secondo uno studio pubblicato il 14 Ottobre nell'edizione online di JAMA Dermatology, i dermatologi con poco tempo a disposizione possono usare lo screening delle lesioni sospette (LDS) come metodo di rilevazione di possibili tumori cutanei poiché il suo tasso di affidabilità è simile a quello dell'esame completo della pelle (total-body examination, TBE) ma il tempo richiesto è 5,6 volte inferiore.

"Per quanto riguarda l'identificazione dei tumori cutanei, i tassi relativi ai due metodi non differiscono significativamente: 2.3% (39 su 1668) per TBE contro 3.2% (8 su 248) per LDS (P = .40)", scrivono gli autori dello studio, la Dr.ssa Isabelle Hoorens, del dipartimento di Dermatologia della clinica universitaria di Ghent in Belgio, e colleghi. "Tuttavia fra la popolazione invitata a sottoporsi a TBE sono stati individuati molti più tumori cutanei, per via del tasso di partecipazione più alto dello 0,4% (39 su 9325) per TBE e dello 0,1% (8 su 9484) per LDS (P < .01)".

Per comparare i due metodi, un gruppo composto da sei dermatologi ha offerto screening gratuiti a due comunità di residenti nelle Fiandre Orientali molto simili fra di loro. Dei 9325 pazienti invitati a sottoporsi a TBE, 1668 (pari al 17,9%) hanno accettato l'offerta e hanno ricevuto uno screening della durata media di 232,0 secondi. Per quanto riguarda il metodo LDS, l'invito è stato esteso a quei soggetti che presentavano già una lesione sospetta: su 9484 individui invitati a partecipare, solo 314 (pari al 3,3%) si sono sottoposti allo screening mirato, che è durato in media 40,9 secondi.

"In totale, l'iniziativa ha portato a termine lo screening di 1982 soggetti e individuato 47 tumori cutanei (2,4%), confermati tramite esame istologico, di cui: 9 melanomi (0,5%), 37 basaliomi (1,9%) e un carcinoma cutaneo spinocellulare(0.1%)", scrivono gli autori. "Nel gruppo di età inferiore a 35 anni, composto da 434 individui, non sono stati rilevati tumori cutanei mentre il tasso di rilevazione nel gruppo 35 anni e oltre è stato del 3,0% (47 su 1548)".

I costi dello screening sono stati pari a 1.008 dollari statunitensi per ciascun tumore individuato tramite LDS e di 1.096 dollari per quelli individuati tramite TBE. Per quanto riguarda i tassi di rilevazione di melanomi, il costo per melanoma rilevato è compreso fra i 5.015 e i 8.067 dollari statunitensi.

"I risultati ottenuti dallo studio condotto in Belgio potrebbero rivelarsi molto utili per quanto riguarda la gestione dei pazienti ad alto rischio residenti negli Stati Uniti, dove il costo delle cure per i melanomi di recente diagnosi è stato di 457 millioni di dollari nel 2011 e raggiungerà, secondo le previsioni, la cifra di 1,6 miliardi entro il 2030", hanno commentato il Dr. June K. Robinson, del dipartimento di Dermatologia della Northwestern University Feinberg School of Medicine di Chicago nonché redattore di JAMA Dermatology, e il Dr. Allan C. Halpern, del dipartimento di Dermatologia del Memorial Sloan Kettering Cancer Center di New York City, nell'editoriale che accompagna l'articolo.

"I partecipanti allo studio condotto in Belgio si sono attenuti alla raccomandazione di sottoporsi a screening in conformità ai seguenti criteri: ABCD (asimmetria, bordo, colorazione e diametro), segno del brutto anatroccolo, nuova lesione per più di 4 settimane e/o lesione rossa non associata a cicatrizzazione. Questi individui hanno compreso i criteri di individuazione in maniera sufficiente a implementarli su se stessi, conducendo autocontrolli periodici e cercando consulti specialistici in caso di lesioni sospette", hanno continuato.

Gli autori dello studio ipotizzano che gli invitati a sottoporsi a screening LDS abbiano correttamente interpretato il messaggio "più complesso e selettivo" contenuto nell'invito: il 75,8% di loro ha asserito di essere preoccupato per una o più lesioni.

"Il TBE ha individuato un numero assoluto maggiore di tumori cutanei nella popolazione invitata. Ma il metodo LDS ha mostrato un simile tasso di rilevazione (3,2%) richiedendo un tempo 5,6 volte inferiore" hanno concluso la Dr.ssa Hoorens e colleghi. "Quando viene impiegato da un dermatologo, il metodo LDS è un'alternativa accettabile allo screening completo, specialmente in sistemi sanitari con budget limitati e lunghe liste d'attesa".

Riferimenti:

JAMA Dermatology, edizione online del 14 ottobre 2015; doi:10.1001/jamadermatol.2015.2680