link1460 link1461 link1462 link1463 link1464 link1465 link1466 link1467 link1468 link1469 link1470 link1471 link1472 link1473 link1474 link1475 link1476 link1477 link1478 link1479 link1480 link1481 link1482 link1483 link1484 link1485 link1486 link1487 link1488 link1489 link1490 link1491 link1492 link1493 link1494 link1495 link1496 link1497 link1498 link1499 link1500 link1501 link1502 link1503 link1504 link1505 link1506 link1507 link1508 link1509 link1510 link1511 link1512 link1513 link1514 link1515 link1516 link1517 link1518 link1519 link1520 link1521 link1522 link1523 link1524 link1525 link1526 link1527 link1528 link1529 link1530 link1531 link1532 link1533 link1534 link1535 link1536 link1537 link1538 link1539 link1540 link1541 link1542 link1543 link1544 link1545 link1546 link1547 link1548 link1549 link1550 link1551 link1552 link1553 link1554 link1555 link1556 link1557 link1558 link1559 link1560 link1561 link1562 link1563 link1564 link1565 link1566 link1567 link1568 link1569 link1570 link1571 link1572 link1573 link1574 link1575 link1576 link1577 link1578 link1579 link1580 link1581 link1582 link1583 link1584 link1585 link1586 link1587 link1588 link1589 link1590 link1591 link1592 link1593 link1594 link1595 link1596 link1597 link1598 link1599 link1600 link1601 link1602 link1603 link1604 link1605
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Un semplice test per valutare il rischio di melanoma

Arm mole count

Un gruppo di ricercatori italiani e inglesi sostiene che è possibile valutare il rischio di un individuo di sviluppare un melanoma in maniera facile e veloce, tramite la conta dei nevi presenti sul braccio del paziente.

Usando dati provenienti da uno studio condotto su oltre 3.500 gemelli di sesso femminile, i ricercatori hanno scoperto che la conta totale dei nevi (TBNC) è comparabile, in maniera statisticamente significativa, alla conta dei nevi sul braccio.

L'autore principale, Dr. Simone Ribero, del dipartimento di Ricerca sui Gemelli ed Epidemiologia Genetica presso il King's College di Londra, ha spiegato: "È un dato molto importante perché il numero di nevi presenti sul corpo è strettamente correlato al rischio di melanoma: nella popolazione bianca l'avere più di 100 nevi sul corpo corrisponde ad un aumento del rischio di melanoma di cinque-sei volte".

I ricercatori hanno dimostrato che una conta dei nei sul braccio superiore a 11 è associata ad un numero totale di nevi corporei superiore a 100. Il braccio è rimasto il sito più predittivo per la conta totale dei nevi, anche quando lo studio è stato replicato in una popolazione di controllo che includeva membri di ambo i sessi, hanno precisato il Dr. Ribero e colleghi.

Il team di ricerca suggerisce quindi che questo "metodo di valutazione facile e veloce venga usato come tecnica preliminare nella pratica clinica, per l'individuazione del rischio melanoma".

Il Dr. Ribero spiega che il metodo non è privo di limiti, ma estremamente utile: "Il rischio di sviluppare melanoma non è limitato al braccio, perciò non possiamo semplicemente esaminare il braccio del paziente e valutare il rischio di melanoma alla perfezione, tuttavia questo metodo potrebbe diventare uno strumento per stimare il numero di nevi totali e permettere una valutazione preliminare veloce del rischio di melanoma".Lo studio è stato pubblicato a fine ottobre, nell'edizione online del British Journal of Dermatology.

Negli ultimi anni sono stati fatti grandi progressi nella ricerca sul melanoma, soprattutto nella caratterizzazione delle linee germinali e delle mutazioni somatiche. Tuttavia, la conta totale dei nevicontinua a rimanere il più importante fattore di rischio per lo sviluppo del melanoma.

Gli autori dello studio fanno notare come contare i nevi presenti sul corpo di un paziente sia un processo laborioso e lento per il personale medico, per questo numerosi studi hanno cercato di individuare singoli siti corporei che potessero essere usati per stabilire approssimativamente il numero di nevi totali e stimare il rischio di melanoma.

Il team di ricercatori ha analizzato i dati provenienti da 3694 gemelle (età media 47 anni), che hanno preso parte allo studio TwinsUK fra il gennaio 1995 e il dicembre 2003, fra i quali esami della pelle e valori baseline. Gli esami della pelle comprendevano la valutazione del fototipo, la colorazione di capelli e occhi, la presenza di efelidi e la conta dei nevi relativa a 17 diversi siti corporei. Tutti gli esami sono stati condotti da personale infermieristico specializzato.

Il risultato medio della conta totale dei nei era 32, numero che diminuisce in maniera costante dopo i 30 anni (P < .001) seguendo una progressione che corrisponde ad una diminuzione pari a 4 nevi per decade di vita, negli anni che vanno dai 30 ai 60. 

I siti corporei con i risultati più significativi in termini di rapporto con il numero totale di nevi sono stati braccia e gambe, con coefficienti di correlazione di 0.50 e 0.51, rispettivamente, per il braccio destro e sinistro (P < .001) e di 0.49 e 0.48, rispettivamente, per la gamba destra e sinistra (P < .001). Da questo si evince che anche la conta dei nei sulle gambe è un metodo che permette di stimare il risultato della conta totale dei nevi, ma i ricercatori hanno preferito concentrarsi sulle braccia, perché contraddistinte dal coefficiente di correlazione più alto e perché più facilmente accessibili all'esame clinico.

Per confermare i risultati ottenuti, il team ha analizzato i dati provenienti dal braccio di controllo di uno studio caso-controllo sul melanoma, condotto nel Regno Unito e basato sullo stesso protocollo. Lo studio aveva coinvolto 162 uomini e 253 donne (età media 45 anni), per i quali il risultato della conta totale dei nevi era, rispettivamente, di 33 e 35.Correggendo per età, altezza, fototipo e sesso, l'analisi statistica ha rilevato che il sito corporeo più predittivo del risultato della conta totale dei nevi era il braccio destro,tanto negli uomini che nelle donne, (per l'intero braccio r = 0.86; P < .001; per il braccio dal gomito alla spalla r = 0.83; P < .001).

Usando i dati provenienti dallo studio TwinsUK e i dati della coorte femminile del gruppo di controllo, è stata calcolata l'area sottesa dalla curva ROC (Area Under Curve, AUC), per determinare il valore predittivo associato a conte totali di 50 e di 100.

I risultati indicano che una conta dei nevi sul braccio destro superiore a 7 nelle donne è predittiva di una conta totale dei nevi superiore a 50 (AUC 0,74; odds ratio aggiustata 8,81). Per la conta dei nei superiore a 100, una conta dei nevi del braccio destro superiore a 11 si è rivelato il miglior parametro predittivo (AUC 0,71; odds ratio aggiustata 9,38).

Il Dr. Ribero, seppur notando che ci sono altri fattori di rischio associati al melanoma, ha sottolineato come la conta dei nevi totali sia uno dei fattori di rischio più forti e ha spiegato che l'obiettivo della loro ricerca era "fornire uno strumento per lo screening a tutti gli operatori che si trovano a dover valutare il rischio melanoma".

Non si tratta di una ricerca del tutto nuova e, anzi, consolida i risultati di studi precedenti. In un precedente studio caso-controllo, condotto in Australia, il braccio destro era stato considerato come un forte predittore del rischio di melanoma, in termini di conta dei nevi (con varie soglie di punteggio impiegate), e una conta superiore a 10 dei nevi del braccio destro era stata associata ad un rischio melanoma 11 volte superiore.

Riferimenti:

British Journal of Dermatology, ottobre 2015; doi: 10.1111/bjd.14216