link1752 link1753 link1754 link1755 link1756 link1757 link1758 link1759 link1760 link1761 link1762 link1763 link1764 link1765 link1766 link1767 link1768 link1769 link1770 link1771 link1772 link1773 link1774 link1775 link1776 link1777 link1778 link1779 link1780 link1781 link1782 link1783 link1784 link1785 link1786 link1787 link1788 link1789 link1790 link1791 link1792 link1793 link1794 link1795 link1796 link1797 link1798 link1799 link1800 link1801 link1802 link1803 link1804 link1805 link1806 link1807 link1808 link1809 link1810 link1811 link1812 link1813 link1814 link1815 link1816 link1817 link1818 link1819 link1820 link1821 link1822 link1823 link1824 link1825 link1826 link1827 link1828 link1829 link1830 link1831 link1832 link1833 link1834 link1835 link1836 link1837 link1838 link1839 link1840 link1841 link1842 link1843 link1844 link1845 link1846 link1847 link1848 link1849 link1850 link1851 link1852 link1853 link1854 link1855 link1856 link1857 link1858 link1859 link1860 link1861 link1862 link1863 link1864 link1865 link1866 link1867 link1868 link1869 link1870 link1871 link1872 link1873 link1874 link1875 link1876 link1877 link1878 link1879 link1880 link1881 link1882 link1883 link1884 link1885 link1886 link1887 link1888 link1889 link1890 link1891 link1892 link1893 link1894 link1895 link1896
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Terapia ormonale in menopausa aumenta il rischio di basalioma

hormone replacement

Le donne in terapia ormonale sostitutiva, così come quelle per cui la menopausa arriva in età avanzata, sono esposte ad un maggiore rischio di sviluppare carcinomi basocellulari (BCC), secondo i risultati di un nuovo studio.

"Sebbene il basalioma sia raramente fatale, la morbidità e i costi sanitari possono diventare notevoli se non viene individuato in tempo", ha dichiarato l'autrice principale dello studio, la Dr.ssa Elizabeth Cahoon del National Cancer Institute di Bethesda. "Le donne che fanno uso di sostanze fotosensibilizzanti, come i farmaci usati per la terapia sostitutiva, potrebbero aver bisogno di screening oncologici più frequenti".

I ricercatori avevano notato già negli anni '60 che i contraccettivi orali potevano aumentare la fotosensibilità, fanno notare la Dr. Cahoon e colleghi nel loro studio, pubblicato nell'edizione online del 2 novemebre del Journal of Clinical Oncology. Poiché gli estrogeni sostitutivi rendono la pelle più sensibile agli effetti della radiazione ultravioletta (UVR), aggiungono i ricercatori, possono essere in grado di aumentare il processo di fotocarcinogenesi.

Per indagare gli effetti di fattori riproduttivi ed estrogeni esogeni sul rischio di BCC, la Dr.ssa Cahoon e colleghi hanno esaminato dati provenienti dal US Radiologic Technologists Study, che ha coinvolto 46.100 donne di etnica caucasica senza storia clinica di tumori. Durante il follow-up, durato 10 anni, 1.730 donne avevano sviluppato BCC.

Le donne che erano entrate in menopausa dai 55 anni in poi avevano un rischio di sviluppare BBC più alto del 50% rispetto alle donne entrate in menopausa fra i 50 e i 54 anni di età. Nessun altro fattore riproduttivo studiato, come l'età del menarca o l'aver avuto figli, è stato associato ad una variazione nel rischio di BCC.

Anche le donne che avevano fatto uso di terapia ormonale sostitutiva erano esposte ad un rischio più alto (hazard ratio 1,16); l'innalzamento del rischio è stato rilevato sia nelle donne che hanno assunto solo estrogeni, sia in quelle che assumevano una combinazione di estrogeni e progestine. Tuttavia, il rischio associato alla terapia ormonale sostitutiva era più basso per le donne che avevano subito un'isterectomia.

Più lunga la durata della terapia sostitutiva, più alto il rischio di BCC: le donne che avevano assunto ormoni sostitutivo per 10 anni o più erano esposte ad un rischio due volte maggiore, rispetto alle donne che non avevano mai usato una terapia ormonale sostitutiva.

La Dr.ssa Cahoon ha sintetizzato dicendo: "La frequenza di controlli dermatologici varia da donna a donna, con raccomandazioni diverse a seconda dei diversi fattori di rischio. Questo potrebbe essere un nuovo fattore di rischio da prendere in considerazione per decidere la frequenza degli screening ai quali sottoporre le pazienti".

Riferimenti:

Journal of Clinical Oncology, edizione online 2 novembre 2015; doi: 10.1200/JCO.2015.62.0625