link292 link293 link294 link295 link296 link297 link298 link299 link300 link301 link302 link303 link304 link305 link306 link307 link308 link309 link310 link311 link312 link313 link314 link315 link316 link317 link318 link319 link320 link321 link322 link323 link324 link325 link326 link327 link328 link329 link330 link331 link332 link333 link334 link335 link336 link337 link338 link339 link340 link341 link342 link343 link344 link345 link346 link347 link348 link349 link350 link351 link352 link353 link354 link355 link356 link357 link358 link359 link360 link361 link362 link363 link364 link365 link366 link367 link368 link369 link370 link371 link372 link373 link374 link375 link376 link377 link378 link379 link380 link381 link382 link383 link384 link385 link386 link387 link388 link389 link390 link391 link392 link393 link394 link395 link396 link397 link398 link399 link400 link401 link402 link403 link404 link405 link406 link407 link408 link409 link410 link411 link412 link413 link414 link415 link416 link417 link418 link419 link420 link421 link422 link423 link424 link425 link426 link427 link428 link429 link430 link431 link432 link433 link434 link435 link436 link437
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Medicinali: uso off-label ed eventi avversi

pill bottle spilled

Secondo uno studio pubblicato il 2 novembre, nell'edizione online di JAMA Internal Medicine, l'uso off-label di farmaci soggetti a prescrizione è associato ad una maggiore incidenza di eventi avversi, specialmente quanto le indicazioni per l'uso off-label non sono supportate da studi e prove cliniche.

"Questo studio rappresenta, per quanto ne sappiamo, il primo tentativo di valutare in maniera sistematica l'associazione fra uso off-label e rischio di eventi avversi", scrivono il Dr. Tewodros Eguale, epidemiologo presso la McGill University di Montreal nonché professore associato della School of Pharmacy presso la MCPHS University di Boston, e colleghi.

Sulla base dei risultati ottenuti, il Dr. Eguale e colleghi suggeriscono di "usare la massima attenzione nel prescrivere farmaci per l'uso off-label nei casi in cui manchi una solida documentazione scientifica".

I ricercatori hanno utilizzato i dati provenienti da cartelle cliniche elettroniche contenute in un database clinico relativo ad una singola comunità per identificare 46.021 adulti (età media 58,2 anni; 60,8% donne) che hanno ricevuto 151.305 farmaci prescritti dalle cliniche di cure primarie nella provincia del Quebec fra il 2005 e il 2009. Le cartelle cliniche riportavano tanto le indicazioni terapeutiche quanto gli esiti delle terapie.

Sebbene la maggioranza delle prescrizioni (88,2%) seguisse l'applicazione approvata per il farmaco, il 9,5% delle prescrizioni riguardava una tipologia di uso off-label non supportata da forti prove scientifiche e solo il 2,3% delle prescrizioni era per l'uso off-label supportato da forti prove di efficacia.

Gli autori hanno identificato 3.484 eventi avversi nella coorte, per un'incidenza totale di eventi avversi di 13,2 per 10.000 persone-mesi.Tuttavia l'incidenza di eventi avversi relativi all'uso off-label era significativamente più alta: 19,7 per 10.000 persone-mesi contro 12, 5 per 10.000 persone mesi (rapporto di rischio corretto [AHR] 1,44; 95% intervallo di confidenza [CI] 1,30 — 1,60).

Dopo aver analizzato l'incidenza di eventi avversi sulla base della forza delle prove a sostegno dell'uso off-label, i ricercatori hanno scoperto che l'uso non supportato da una forte evidenza scientifica ha avuto un tasso di eventi avversi più elevato, pari a 21,7 per 10.000 persone-mesi (AHR, 1,54; 95% CI 1,37 — 1,72), rispetto all'uso prescritto. L'uso off-label supportato da solide prove scientifiche ha avuto un tasso di incidenza di eventi avversi di 13,2 per 10.000 persone-mesi, praticamente lo stesso dell'uso secondo le indicazioni approvate (AHR, 1,10; 95% CI 0,88-1,38).

L'incidenza più alta di eventi avversi legati all'uso off-label riguarda i farmaci che hanno come obiettivo il tratto gastrointestinale, così come il sistema nervoso, respiratorio e muscolo-scheletrico. Gli effetti avversi associati più spesso all'uso di farmaci off-label comprendono: acatisia dovuta all'uso di gabapentin per il dolore neuropatico, agitazione associata all'uso di amitriptilina per la terapia dell'emicrania, allucinazioni a seguito dell'assunzione di trazodone per l'insonnia, prolungamento dell'intervallo QT dovuto all'uso di fumarato di quetiapina per la depressione e aumento di peso associato all'uso di olanzapina per il trattamento della depressione.

"Tanto i medici quanto le associazioni dovrebbero riconoscere l'enormità del problema ed essere partecipanti attivi nella promozione di un atteggiamento di grande cautela nella prescrizione di farmaci per uso off-label che mancano di forti prove scientifiche a supporto", scrivono il Dr. Eguale e colleghi. 

Essi inoltre sostengono che un sistema ben progettato di archiviazione e consultazione delle cartelle cliniche potrebbe semplificare l'analisi di problemi successivi alla messa in commercio dei farmaci e al loro uso off-label, contrastando quella che è "di fatto, la mancanza di un collegamento esplicito fra i farmaci prescritti e le loro indicazioni di uso, aggravata da una sottostima degli eventi avversi" e raccomandano che in futuro i database medici vengano progettati con questo tipo di uso in mente.

Resta vero tuttavia che in molte circostanze cliniche la prescrizione di farmaci off-label serve gli interessi del paziente e in molti casi rappresenta il miglior approccio terapeutico.

Riferimenti:

JAMA Internal Medicine, edizione online 2 novembre 2015; doi:10.1001/jamainternmed.2015.6058