link584 link585 link586 link587 link588 link589 link590 link591 link592 link593 link594 link595 link596 link597 link598 link599 link600 link601 link602 link603 link604 link605 link606 link607 link608 link609 link610 link611 link612 link613 link614 link615 link616 link617 link618 link619 link620 link621 link622 link623 link624 link625 link626 link627 link628 link629 link630 link631 link632 link633 link634 link635 link636 link637 link638 link639 link640 link641 link642 link643 link644 link645 link646 link647 link648 link649 link650 link651 link652 link653 link654 link655 link656 link657 link658 link659 link660 link661 link662 link663 link664 link665 link666 link667 link668 link669 link670 link671 link672 link673 link674 link675 link676 link677 link678 link679 link680 link681 link682 link683 link684 link685 link686 link687 link688 link689 link690 link691 link692 link693 link694 link695 link696 link697 link698 link699 link700 link701 link702 link703 link704 link705 link706 link707 link708 link709 link710 link711 link712 link713 link714 link715 link716 link717 link718 link719 link720 link721 link722 link723 link724 link725 link726 link727 link728 link729
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Un curioso caso di fotoinvecchiamento unilaterale del volto

fotoinvecchiamento-cutaneo

L' esposizione solare unilaterale del volto per 28 anni ha fatto sì che il signor Bill McElligott sviluppasse un aspetto più anziano di 20 anni rispetto alla metà destra non esposta durante il suo lavoro di conducente di camion.

Presso il nostro studio si è presentato un uomo di 69 anni con una storia di 25 anni di graduale ed asintomatico aumento dello spessore della cute e rugosità unilaterale del volto. Alla visita la cute manifesta ipercheratosi con una rete accentuata, comedoni aperti multipli, e aree di elastosi nodulare.

All'analisi istopatologica si dimostrano degli accumuli di materiale elastolitico nel derma, e la formazione di milia contenenti un follicolo vellus. I ritrovamenti sono dunque consoni con la sindrome di Favre–Racouchot anche detta "cute foto danneggiata", conosciuta anche come dermatoeliosi.

Il paziente racconta che ha guidato per oltre 28 anni un camion. Le radiazioni ultraviolette A passano attraverso il vetro del finestrino penetrando nell'epidermide e negli strati alti del derma. L'esposizione cronica ai raggi ultravioletti A provoca l'ispessimento dell'epidermide e dello strato corneo, così come la distruzione delle fibre elastiche. Il il fotodanneggiamento provocato dagli UVA è in contrasto con la fotocarcinogenesi. Sebbene l'esposizione ai raggi UV B sia collegata ad una maggior percentuale di fotocarcinogenesi, gli UVA hanno mostrato di indurre danni e mutazioni del DNA che portano alla formazione di tumori. L'uso di protezione solare e retinoidi topici oltre che a periodici monitoraggi della cute sono raccomandati in questi pazienti.

Il signor McElligott, oggi, usa sempre schermi solari quando esce.

Storia della pubblicazione

Fonte: N Engl J Med 2012; 366:e25April 19, 2012

Titolo: Unilateral Dermatoheliosis

Autori: Jennifer R.S. Gordon, M.D., and Joaquin C. Brieva, M.D.

Affiliazioni: Northwestern University, Chicago, IL

Abstract:A 69-year-old man presented with a 25-year history of gradual, asymptomatic thickening and wrinkling of the skin on the left side of his face. The physical examination showed hyperkeratosis with accentuated ridging, multiple open comedones, and areas of nodular elastosis. Histopathological analysis showed an accumulation of elastolytic material in the dermis and the formation of milia within the vellus hair follicles. Findings were consistent with the Favre–Racouchot syndrome of photodamaged skin, known as dermatoheliosis. The patient reported that he had driven a delivery truck for 28 years. Ultraviolet A (UVA) rays transmit through window glass, penetrating the epidermis and upper layers of dermis. Chronic UVA exposure can result in thickening of the epidermis and stratum corneum, as well as destruction of elastic fibers. This photoaging effect of UVA is contrasted with photocarcinogenesis. Although exposure to ultraviolet B (UVB) rays is linked to a higher rate of photocarcinogenesis, UVA has also been shown to induce substantial DNA mutations and direct toxicity, leading to the formation of skin cancer. The use of sun protection and topical retinoids and periodic monitoring for skin cancer were recommended for the patient.

As for McElligott, he uses sunscreen now whenever he goes out.