link730 link731 link732 link733 link734 link735 link736 link737 link738 link739 link740 link741 link742 link743 link744 link745 link746 link747 link748 link749 link750 link751 link752 link753 link754 link755 link756 link757 link758 link759 link760 link761 link762 link763 link764 link765 link766 link767 link768 link769 link770 link771 link772 link773 link774 link775 link776 link777 link778 link779 link780 link781 link782 link783 link784 link785 link786 link787 link788 link789 link790 link791 link792 link793 link794 link795 link796 link797 link798 link799 link800 link801 link802 link803 link804 link805 link806 link807 link808 link809 link810 link811 link812 link813 link814 link815 link816 link817 link818 link819 link820 link821 link822 link823 link824 link825 link826 link827 link828 link829 link830 link831 link832 link833 link834 link835 link836 link837 link838 link839 link840 link841 link842 link843 link844 link845 link846 link847 link848 link849 link850 link851 link852 link853 link854 link855 link856 link857 link858 link859 link860 link861 link862 link863 link864 link865 link866 link867 link868 link869 link870 link871 link872 link873 link874 link875
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Gli omega-3 migliorano il profilo ormonale nelle donne normopeso

omega 3 women

Un nuovo studio mostra come l'assunzione di integratori di acidi grassi omega-3 sia associato ad una riduzione dei livelli di follitropina (FSH) nelle donne normopeso.

Sebbene nelle donne obese i livelli di ormoni riproduttivi non siano cambiati a seguito dell'assunzione di acidi grassi polinsaturi (PUFAs) omega-3, queste donne hanno tuttavia mostrato una significativa riduzione dei marcatori di infiammazione dopo un mese di assunzione degli integratori, scrivono il Dr. Alex Polotsky, della University of Colorado School of Medicine, e colleghi in uno studio pubblicato nell'edizione online del 2 novembre del Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism.

"Le donne utilizzano già da tempo gli integratori a base di Omega-3 per migliorare le funzioni riproduttive", ha notato il Dr. Polotsky nel corso di una intervista. "Non ci sono al momento abbastanza prove, derivanti da questo o da altri studi, a sostegno di una raccomandazione basata su dati scientifici, ma la realtà è che molte donne stanno assumendo comunque questo tipo di integratori e che sono pochissime le informazioni disponibili sui possibili effetti dei supplementi di acidi grassi omega-3 sui marcatori e sugli ormoni riproduttivi", ha aggiunto.

Nelle cavie, notano il Dr. Polotsky e colleghi, l'integrazione dell'alimentazione con PUFA omega-3 ha dimostrato di poter rallentare l'invecchiamento ovarico e migliorare la qualità degli ovociti. Per verificare se gli omega 3 potessero avere effetti simili negli esseri umani, i ricercatori hanno reclutato 15 donne obese e 12 normopeso e le hanno sottoposte ad un regine di integratori consistente in 4 grammi di acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA) al giorno per un mese.

Le donne erano di età compresa fra i 28 ed i 35 anni, tutte in stato di eumenorrea.

Entrambi i gruppi hanno mostrato una significativa riduzione del rapporto omega-6:omega-3. Tra le donne normopeso, l'assunzione di integratori è stata collegata ad una riduzione dei livelli di FSH e della risposta FSH all'ormone di rilascio delle gonadotropine (GnRH) del 17%, in media (p = 0,06 e p = 0,03, rispettivamente).

Le donne obese hanno mostrato una riduzione media del 72% dei livelli di interleuchina-1 beta e un calo del 56% nei livelli del fattore di necrosi tumorale alpha (entrambi p <0.05).

Tuttavia, gli omega 3 non ha influenzato i marcatori infiammatori nelle donne normopeso e non hanno alterato il profilo degli ormoni riproduttivi nelle donne obese.

"È incoraggiante notare come questo tipo di integrazione sembri essere sicuro e come esso sembri essere efficace nel migliorare il profilo infiammatorio, ma abbiamo bisogno di più studi su larga scala per poter dimostrare o confutare un impatto significativo sui risultati che contano davvero per le donne, come la gravidanza e la salute neonatale", ha detto il dottor Polotsky.

"Non è chiaro il motivo per cui gli omega-3 hanno avuto effetti diversi nelle donne obese rispetto a quelle normopeso", ha aggiunto; "È possibile che ci siano altri meccanismi che entrano in gioco nelle donne obese, ma è anche possibile che sia necessario analizzare l'integrazione di omega-3 in queste donne per un periodo più lungo".

"Tuttavia, un miglioramento dell'infiammazione porta di per sé benefici per la salute riproduttiva delle donne obese", ha sottolineato il Dr. Polotsky. "L'infiammazione sta davvero emergendo come il meccanismo chiave che media la compromissione riproduttiva nelle donne obese".

Riferimenti:

Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, edizione online 2 novembre 2015; doi: http://dx.doi.org/10.1210/jc.2015-2913