link1460 link1461 link1462 link1463 link1464 link1465 link1466 link1467 link1468 link1469 link1470 link1471 link1472 link1473 link1474 link1475 link1476 link1477 link1478 link1479 link1480 link1481 link1482 link1483 link1484 link1485 link1486 link1487 link1488 link1489 link1490 link1491 link1492 link1493 link1494 link1495 link1496 link1497 link1498 link1499 link1500 link1501 link1502 link1503 link1504 link1505 link1506 link1507 link1508 link1509 link1510 link1511 link1512 link1513 link1514 link1515 link1516 link1517 link1518 link1519 link1520 link1521 link1522 link1523 link1524 link1525 link1526 link1527 link1528 link1529 link1530 link1531 link1532 link1533 link1534 link1535 link1536 link1537 link1538 link1539 link1540 link1541 link1542 link1543 link1544 link1545 link1546 link1547 link1548 link1549 link1550 link1551 link1552 link1553 link1554 link1555 link1556 link1557 link1558 link1559 link1560 link1561 link1562 link1563 link1564 link1565 link1566 link1567 link1568 link1569 link1570 link1571 link1572 link1573 link1574 link1575 link1576 link1577 link1578 link1579 link1580 link1581 link1582 link1583 link1584 link1585 link1586 link1587 link1588 link1589 link1590 link1591 link1592 link1593 link1594 link1595 link1596 link1597 link1598 link1599 link1600 link1601 link1602 link1603 link1604 link1605
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

FDA approva Nivolumab come terapia di prima linea per il melanoma

FDA approval stamp

L'agenzia americana Food and Drug Administration (FDA) ha ampliato le indicazioni d'uso per il nivolumab (Opdivo, Bristol-Myers Squibb) per includere il suo impiego come agente singolo nel trattamento di prima linea del melanoma non resecabile o metastatico.

L'approvazione è circoscritta all'uso in pazienti affetti da melanoma con mutazione del gene BRAF V600. Nel trattamento di prima linea di questo tipo di pazienti, i medici ora possono utilizzare nivolumab come monoterapia o impiegarlo in combinazione con il ipilimumab (Yervoy, Bristol-Myers Squibb). La combinazione è stata approvata lo scorso ottobre.

"Si tratta di una notizia importante, perché ora abbiamo un'altra opzione da offrire ai pazienti con melanoma metastatico con mutazione del gene BRAF V600", ha dichiarato il Dr. Jeffrey Weber, del Laura e Isaac Perlmutter Cancer Center di New York, in un comunicato stampa diffuso dall'azienda produttrice.

Nivolumab era stato approvato nel 2014 per l'uso nel trattamento di seconda linea del melanoma in stadio avanzato. L'indicazione riguardava i pazienti con melanoma non resecabile o metastatico e con progressione della malattia dopo il trattamento con ipilimumab, nonché i pazienti i cui tumori sono positivi per la mutazione BRAF V600, dopo il trattamento con un inibitore di BRAF.

 

Nivolumab batte dacarbazina

La nuova approvazione è basata sui dati provenienti dallo studio randomizzato di fase 3 CheckMate-066, che ha messo a confronto la monoterapia con nivolumab rispetto alla dacarbazina nel trattamento di prima linea di 418 pazienti con melanoma avanzato con mutazione BRAF.

In un'analisi ad interim, nivolumab si è dimostrato superiore in termini di sopravvivenza generale, che è stato il risultato primario. La sopravvivenza media globale non è stata raggiunta per nivolumab, ma è stata di 10,8 mesi (95% intervallo di confidenza [CI], 9,3 — 12,1) con dacarbazina (hazard ratio [HR], 0,42; p <0,0001).

Il processo CheckMate-066 è stato interrotto precocemente, sotto raccomandazione del comitato indipendente di monitoraggio dati, proprio sulla base di questo vantaggio di sopravvivenza.

La sopravvivenza media libera da progressione è stata migliore con nivolumab che con dacarbazina (5,1 vs 2,2 mesi; HR 0,43; p <0,0001). 

Al momento dell'analisi ad interim, 63 pazienti trattati con nivolumab su 72 (88%) esibivano una risposta al trattamento e per 43 di questi la durata della risposta è stata di almeno 6 mesi.

Nello studio CheckMate-066, la dacarbazina, anziché la monoterapia con ipilimumab, è stata selezionata come elemento di comparazione perché quando il protocollo di studio è stato progettato, la dacarbazina rappresentava "lo standard di cura in molte regioni al di fuori degli Stati Uniti, dove ipilimumab non era stato ancora approvato come trattamento di prima linea ", si legge in un comunicato stampa diffuso dalla società.

Nel gruppo nivolumab, il 41% dei pazienti ha esibito reazioni avverse di grado 3 e 4. Le reazioni avverse fi grado 3 e 4 più frequenti (almeno il 2% dei pazienti) sono state l'aumento della gamma-glutamiltransferasi (3,9%) e diarrea (3,4%). Le reazioni avverse hanno portato alla sospensione permanente del nivolumab nel 7% dei pazienti ed una interruzione del trattamento nel 26% dei pazienti. Le reazioni avverse più comuni si sono verificati più frequentemente nel nivolumab rispetto al gruppo dacarbazina, tra queste: stanchezza (49% vs 39%), dolore muscoloscheletrico (32% vs 25%), eruzione cutanea (28% vs 12%) e prurito (23 % vs 12%).

L'uso di nivolumab è associato ad una serie di eventi avversi immuno-mediati, tra cui polmonite, colite, epatite, endocrinopatie, nefrite e disfunzione renale, eruzioni cutanee ed encefalite.