link292 link293 link294 link295 link296 link297 link298 link299 link300 link301 link302 link303 link304 link305 link306 link307 link308 link309 link310 link311 link312 link313 link314 link315 link316 link317 link318 link319 link320 link321 link322 link323 link324 link325 link326 link327 link328 link329 link330 link331 link332 link333 link334 link335 link336 link337 link338 link339 link340 link341 link342 link343 link344 link345 link346 link347 link348 link349 link350 link351 link352 link353 link354 link355 link356 link357 link358 link359 link360 link361 link362 link363 link364 link365 link366 link367 link368 link369 link370 link371 link372 link373 link374 link375 link376 link377 link378 link379 link380 link381 link382 link383 link384 link385 link386 link387 link388 link389 link390 link391 link392 link393 link394 link395 link396 link397 link398 link399 link400 link401 link402 link403 link404 link405 link406 link407 link408 link409 link410 link411 link412 link413 link414 link415 link416 link417 link418 link419 link420 link421 link422 link423 link424 link425 link426 link427 link428 link429 link430 link431 link432 link433 link434 link435 link436 link437
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Terapia con isotretinoina e monitoraggio del paziente

acne 34

Secondo i dati di una meta-analisi di recente pubblicazione, non è necessario sottoporre i pazienti con acne che sono in terapia con isotretinoina, a monitoraggio costante.

Gli autori del documento sostengono che diminuire la frequenza degli esami di monitoraggio per alcuni pazienti potrebbe portare ad un significativo risparmio per il sistema sanitario e limitare il disagio, rappresentato dal doversi sottoporre a controlli ripetuti, a carico dei pazienti.

"I risultati di questo studio suggeriscono che per molti pazienti con problemi di acne che ricevono la dose standard di isotretinoina un monitoraggio meno serrato potrebbe essere altrettanto sicuro, con pochissimi casi di falso negativo per situazioni ad alto rischio", hanno commentato il Dr. Young H. Lee, del Sharp Rees-Stealy Medical Center di San Diego, e colleghi.Gli autori hanno presentato i risultati della loro ricerca in un articolo pubblicato il 2 dicembre, nell'edizione online di JAMA Dermatology.

"Alcuni dei più comuni effetti collaterali del trattamento non sono rilevabili tramite analisi del sangue", ha spiegato uno dei coautori, Dr. Joslyn S. Kirby, del Dipartimento di Dermatologia del Pennsylvania State Milton S. Hershey Medical Center. "Alcuni degli effetti collaterali più comuni, dei quali informiamo i nostri pazienti prima dell'inizio del trattamento, riguardano la sensazione di secchezza cutanea, secchezza delle labbra e della mucosa nasale, che può causare sanguinamento del naso".

"Sebbene molto efficace, l'isotretinoina è stata associata a diversi effetti collaterali che necessitano di un attento monitoraggio, fra i quali: teratogenicità, iperlipidemia con pancreatite associata, leucopenia, trombocitopenia e transaminite". Gli autori hanno spiegato che il monitoraggio di eventuali gravidanze durante la terapia è già obbligatorio secondo il protocollo iPLEDGE, mentre "il foglietto illustrativo raccomanda un controllo settimanale o bisettimanale dei lipidi a digiuno e del pannello epatico finché "la risposta non si sia stabilizzata" ma "non contiene indicazioni specifiche circa la frequenza del monitoraggio successivo a questa fase".

Gli autori sostengono che: "ogni medico dovrebbe usare il proprio giudizio clinico per determinare la frequenza di monitoraggio ottimale per ciascun paziente, basandosi sui risultati dei test e sul quadro clinico del soggetto, tenendo in considerazione la presenza di eventuali patologie epatiche pregresse, l'uso di farmaci epatotossici e la presenza di sindrome metabolica, che può aumentare il rischio di anomalie nei risultati dei test di laboratorio".

"Il messaggio chiave dello studio e della letteratura sul quale esso si basa, è che gli eventi avversi gravi correlati all'uso di isotretinoina sono rari e vengono di solito rilevati nella prima fase della terapia, mentre i test di laboratorio effettuati come monitoraggio non influenzano la gestione del paziente in maniera sostanziale. Al livello pratico, i dati supportano un approccio basato sul rilevamento dei valori al baseline e un monitoraggio dei pazienti nella prima fase della terapia", scrivono il Dr. Kanade Shinkai, del Dipartimento di Dermatologia della University of California di San Francisco, e colleghi nell'editoriale che accompagna l'articolo.

"Altre considerazioni come le comorbidità del paziente o la comparsa di sintomi e segnali possono svolgere il ruolo di linee guida per determinare il prolungamento della fase di monitoraggio durante la terapia con isotretinoina. I benefici di un ridotto monitoraggio includerebbero l'eliminazione di valutazioni diagnostiche superflue in caso di risultati anomali dei test di laboratorio e la riduzione dei disagi per il paziente, oltre ad una corrispondente riduzione dei costi per il servizio sanitario.

Riferimenti:

JAMA Dermatologi, edizione online, 2 dicembre 2015; doi: doi:10.1001/jamadermatol.2015.3091