link438 link439 link440 link441 link442 link443 link444 link445 link446 link447 link448 link449 link450 link451 link452 link453 link454 link455 link456 link457 link458 link459 link460 link461 link462 link463 link464 link465 link466 link467 link468 link469 link470 link471 link472 link473 link474 link475 link476 link477 link478 link479 link480 link481 link482 link483 link484 link485 link486 link487 link488 link489 link490 link491 link492 link493 link494 link495 link496 link497 link498 link499 link500 link501 link502 link503 link504 link505 link506 link507 link508 link509 link510 link511 link512 link513 link514 link515 link516 link517 link518 link519 link520 link521 link522 link523 link524 link525 link526 link527 link528 link529 link530 link531 link532 link533 link534 link535 link536 link537 link538 link539 link540 link541 link542 link543 link544 link545 link546 link547 link548 link549 link550 link551 link552 link553 link554 link555 link556 link557 link558 link559 link560 link561 link562 link563 link564 link565 link566 link567 link568 link569 link570 link571 link572 link573 link574 link575 link576 link577 link578 link579 link580 link581 link582 link583
In evidenza: Primo Incontro AITEB — Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino

L’Associazione Italiana Terapie Estetiche con Botulino (AITEB) è nata due anni fa con…

Ipilimumab sicuro anche per i pazienti con patologie autoimmuni

analisi sangue

Secondo una revisione di oltre 30 casi, i pazienti affetti da melanoma con una storia clinica di patologie autoimmuni possono essere curati con ipilimumab, a patto che essi vengano sottoposti ad uno stretto monitoraggio.

"In generale, ipilimumab sembra essere sicuro per l'impiego in questa popolazione di pazienti", ha dichiarato il Dr. Douglas B. Johnson della Vanderbilt University di Nashville e consulente per Bristol-Myers Squibb, che commercializza ipilimumab sotto il nome di Yervoy.

"Il paziente deve essere monitorato assiduamente e deve essere istruito sulla necessità di avvertire tempestivamente il medico, nel caso egli notasse un peggioramento della malattia autoimmune o l'insorgere di uno degli effetti collaterali associati al farmaco", ha proseguito il Dr. Johnson.

"I soggetti con malattie autoimmuni sono stati per lo più esclusi dagli studi clinici condotti su ipilimumab, per timori legati al manifestarsi di eventi avversi di tipo autoimmune", notano il Dr. Johnson e colleghi nell'articolo pubblicato il 3 dicembre in JAMA Oncology.

Per meglio comprendere la sicurezza e l'efficacia di ipilimumab nei pazienti con patologie autoimmuni, il team di ricercatori ha osservato 30 pazienti, con melanoma avanzato e una storia clinica di malattie autoimmuni preesistenti, in cura con ipilimumab. Sei pazienti erano affetti da artrite reumatoide, cinque da psoriasi, sei da malattie infiammatorie croniche intestinali, due da lupus, due da sclerosi multipla, due da tiroidite autoimmune e sette erano affetti da altre patologie di tipo autoimmune.

Dei pazienti osservati, 13 stavano assumendo terapie immunosoppressive al momento dell'inizio dell'assunzione di ipilimumab, sotto forma di prednisone a basso dosaggio o di idrossiclorochina. Otto pazienti hanno mostrato un peggioramento della malattia autoimmune durante l'assunzione di ipilimumab, situazione che è stata gestita tramite la somministrazione di corticosteroidi.

Dieci pazienti hanno esibito eventi avversi di tipo autoimmune, due dei quali sono stati risolti tramite corticosteroidi o infliximab. Stando a quanto riportato dai ricercatori, un paziente affetto da psoriasi ha sviluppato colite autoimmune ed è deceduto, dopo aver ritardato di oltre una settimana la segnalazione dei sintomi.

Quindici pazienti non hanno mostrato alcun peggioramento nelle patologie autoimmuni, né sono stati soggetti ad eventi avversi di tipo autoimmune, mentre 6 hanno esibito una risposta obiettiva a ipilimumab e uno ha esibito una risposta durevole.

"Al momento, la popolazione coinvolta nello studio rappresenta il più alto numero di pazienti con malattie autoimmuni trattati con ipilimumab", ha fatto notare il Dr. Johnson. "Le terapie immunitarie sono le principali opzioni di trattamento per molti pazienti con melanoma, nel caso di pazienti con malattie autoimmuni, se la terapia viene evitata per timore delle possibili risposte autoimmuni, spesso non rimangono altre opzioni terapeutiche possibili", ha proseguito.

Nessuno dei pazienti dello studio presentava una malattia autoimmune grave o invalidante, notano i ricercatori, perciò è difficile dire se in questi casi sarebbe sicuro impiegare ipilimumab. Tuttavia, aggiungono gli autori, "lo studio interessa la maggior parte dei pazienti colpiti da malattie autoimmuni".

In una nota editoriale, la Dr.ssa Mary Disis sottolinea che "gli agenti inibitori dei checkpoint immunitari sono associati ad effetti tossici immuno-correlati che spesso rendono gli oncologi esitanti nei confronti di questo tipo di terapia", mentre i risultati dello studio "sottolineano la sicurezza della terapia con ipilimumab in questa popolazione di pazienti".

Riferimenti:

JAMA Oncology, edizione online, 3 dicembre 2015; doi:10.1001/jamaoncol.2015.4368